Il ricordo di Gigi Meroni è ancora intatto

Il ricordo di Gigi Meroni è ancora intatto

I Beatles pubblicano Sgt. Pepper’s Lonely Hearts , gli U.S.A sferrano un attacco in Vietnam, a Londra i Pink Floyd pubblicano il primo album. Gli anni delle ribellioni, del rock n roll  e di Jimi Hendrix. Questi sono gli anni ’60. Gli anni cantati in mille canzoni e ricordati come gli anni più magici,…
Commenta per primo!
I Beatles pubblicano Sgt. Pepper’s Lonely Hearts , gli U.S.A sferrano un attacco in Vietnam, a Londra i Pink Floyd pubblicano il primo album. Gli anni delle ribellioni, del rock n roll  e di Jimi Hendrix. Questi sono gli anni ’60. Gli anni cantati in mille canzoni e ricordati come gli anni più magici, in cui sono nati i movimenti  più belli della storia. Per me sono gli anni di Gigi Meroni. Per chi vive di pane e Toro è come se fosse  uno di famiglia. Magari ci capita di non ricordare l’anno di morte di Garibaldi … ma di Gigi  conosciamo e ricordiamo tutto.
Chi non riconoscerebbe   tra mille filmati sbiaditi le sue sgroppate , il suo naso, il suo abbigliamento persino la sua voce …. come uno, appunto, di ” famiglia” ? Nel 1967 a San Siro, dopo uno dei suoi slalom, con un pallonetto dal limite dell’area, finito all’incrocio dei pali della porta nerazzurra, interruppe l’imbattibilità casalinga della “Grande Inter” di Helenio Herrera, costringendo i nerazzurri alla sconfitta dopo tre anni di risultati utili.
 

La farfalla granata. Così veniva chiamato. Per il suo modo di muoversi in campo, per come dribblava gli avversari, ma anche per i suoi costumi anticonformisti, per i suoi abiti e i suoi capelloni. Era un vero artista. Disegnava cravatte di seta, dipingeva quadri e sul campo pennellava cross impossibili per i compagni. In giro con una gallina per piazza Vittorio Veneto  e come compagna Cristiana, una giostraia di origine polacca.

Il Toro era nel destino di Gigi Meroni.
Gigi Meroni era nel destino del Toro. Gigi  Meroni era  destinato, da lì a poco, verso altri  lidi ma poco importa.
L’unica cosa che conta  veramente è l’indissolubile  intreccio creatosi  tra due creature: lui e noi.
E’ possibile provare del sentimento verso chi nemmeno si conosce?
si è possibile!
Nel 1967   in una sera di metà Ottobre si spense troppo presto a  24 anni. Ma la farfalla granata continua a vivere in tutti i cuori granata.
 
Umberto Vergano
 
 
 
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy