Italia-Ucraina: Sirigu unico granata in Nazionale, ma c’è Donnarumma in pole

Italia-Ucraina: Sirigu unico granata in Nazionale, ma c’è Donnarumma in pole

Nazionali / Il portiere sardo dovrebbe accomodarsi in panchina nel match di stasera a Marassi

di Redazione Toro News
Sirigu

Due le sfide che attendono la Nazionale di Mancini in questa settimana di stop al campionato. La prima, amichevole, verrà giocata stasera al “Marassi” di Genova contro l’Ucraina; la seconda, valida per la UEFA Nations League, verrà giocata domenica 14 (ore 20:45 diretta Rai1) a Chorzow contro la Polonia. Complice l’infortunio al polpaccio sinistro che ha costretto Simone Zaza ad abbandonare il ritiro di Coverciano, l’unico calciatore proveniente dalle file del Toro a disposizione di Mancini rimane Salvatore Sirigu.

IL RITORNO IN NAZIONALE – Il portiere originario di Nuoro, che nelle ultime 5 gare di campionato ha saputo mantenere inviolata la sua porta per 2 volte, ha da poco ritrovato la maglia azzurra. Una maglia che per Sirigu, raccontatosi ai microfoni di Torino Channel dopo il match contro il Frosinone, rappresenta “una grande soddisfazione” dopo un po’ di tempo “fuori dal giro” (per la precisione, quasi due anni) ed un “doppio orgoglio, per me e per il Toro”. Malgrado l’entusiasmo, però, il numero 39 granata rischia di non veder aumentare le sue 18 presenze in Azzurro perché il CT, sia nell’amichevole contro gli ucraini che nella terza giornata di UEFA Nations League, dovrebbe preferirgli Donnarumma, a sua volta sempre impegnato nelle prime due gare della neonata competizione UEFA, che si avvia a diventare il titolare per la porta.

LA GARA CONTRO L’UCRAINA… – Nella giornata di ieri, la Nazionale ha reso omaggio alle vittime del crollo del ponte Morandi. Oltre a questo, c’è il piano calcistico: l’amichevole di Genova rappresenta un test importante per gli uomini di Mancini perché, se è vero che da un lato affrontano un avversario contro il quale l’Italia non ha mai perso nei sette confronti ufficiali fin qui disputati (6 le vittorie ed un pareggio), dall’altro si ritroveranno davanti una squadra che gode di un ottimo momento di forma: la nazionale guidata da Andrij Ševčenko è in testa al Gruppo 1 Lega B della Nations League grazie alla doppia vittoria contro Slovacchia e Repubblica Ceca. Sheva ritroverà gli azzurri dopo il confronto avvenuto nel felice mondiale del 2006, quando l’Italia si impose per 3-0 grazie alla doppietta di Luca Toni e al gol di Gianluca Zambrotta.

… E QUELLA CONTRO LA POLONIA –  E’ un match, quello di stasera, che sarà utile per arrivare con fiducia e convinzione alla gara di domenica in Polonia, valida per la terza giornata del Gruppo 3 Lega A della UEFA Nations League. La Nazionale, che ha già disputato 2 gare, è stata in grado di guadagnare un solo punto – proprio contro la Polonia – mentre gli altri avversari del girone, Portogallo e Polonia, entrambi ad una sola gara disputata, sono a quota rispettivamente 3 ed 1 punto.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iugen - 2 mesi fa

    Se Sirigu la domenica giocasse con qualche orrida maglia strisciata sarebbe titolare fisso in nazionale.
    Donnarumma è bravo, per carità, ma ancora gli manca un po’ di esperienza, Sirigu meriterebbe il posto da titolare. Perin lasciamo stare, non gioca mai, non andrebbe neanche convocato (per quanto pure lui sia un ottimo portiere)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 2 mesi fa

      Perin bravo se in giornata altrimenti meglio a porta vuota.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mauro_Mo - 2 mesi fa

    a quanto pare gli è preferito pure Perin, che non vede il capo da mesi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granata - 2 mesi fa

    Donnarumma è giovane, migliorato nei tiri ravvicinati, forte tra i pali con il lato sx più debole del dx. Esce ma non da molta sicurezza e può migliorare nel’1 contro 1 , dove Sirigu è nettamente più forte così come è più forte Sirigu nei tiri dalla lunga distanza e con i piedi ma il milanista , pur essendo più alto, è più esplosivo, anche per via dell’età. Non so cosa abbia detto Mancini a Sirigu ma li farei partire alla pari visto l’esperienza internazionale del nostro portiere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy