Italia, Ventura: “Belotti? L’ho voluto, può prendersi la Nazionale”

Italia, Ventura: “Belotti? L’ho voluto, può prendersi la Nazionale”

Conferenza / Il commissario tecnico sulle prestazioni del Gallo e di Immobile: “Bene non solo nei numeri”

11 commenti

Arriva puntuale, nel primo giorno di ritiro per le nazionali, la conferenza stampa del commissario tecnico Gian Piero Ventura, il quale, interrogato da un giornalista sulle condizioni di due degli attaccanti di punta, Belotti del Torino e Immobile della Lazio, ha risposto: “Stanno facendo bene, e non solo nei numeri. Li ho avuti e voluti quando ero al Torino, ora possono prendersi la Nazionale.”

Successivamente, sulla situazione del campionato in corso, ha commentato: “Atalanta e Torino sono le vere sorprese, ma anche la Lazio sta facendo bene”.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ToroFuturo - 4 settimane fa

    Mi stupisco a leggere che Ventura consideri il Torino una sorpresa. Eppure il “percorso di crescita” era uno dei suoi slogan preferiti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Riccardo.Saccotelli - 4 settimane fa

    Questo di cui parla l’articolo è il miglior tecnico che ha guidato il Torino da cinquant’anni ad oggi (prima non ricordo). Ha avuto la fermezza di Rocco, il coraggio di Radice, la briosità di Mondo. Ha preso un’armata Brancaleone dalla B e in cinque anni ha contribuito a sfornare ottimi giocatori (…come da logica di mercato e non per altro ceduti). Abbiamo rivisto l’Europa. Il bilancio è da ottima azienda ora. Chi viene a giocare a Torino non è più così sereno come negli ultimi 20 anni. E molto grazie alla capacità professionale dell’uomo GPV. Ho nostalgia delle sue battute sottili e argute.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. blackmapan_675 - 4 settimane fa

      Spero sia ironico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. flavio-san - 4 settimane fa

        Perché ironico? Chi si dimentica quello che ha dato Ventura al Toro, è della forza di chi contesta Cairo e Petrachi…gioco deludente e noioso l’ultimo anno, ma grazie Giampiero e ora forza Sinisa

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. blackmapan_256 - 4 settimane fa

          Opinioni.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gio - 3 settimane fa

      Guarda, io non sono totalmente critico con Ventura e ne riconosco tanti meriti. Ma da questo a definirlo il miglior tecnico degli ultimi cinquant’anni ce ne passa davvero tanto. E’ possibile commentare senza necessariamente tentare di provocare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Riccardo.Saccotelli - 3 settimane fa

        Si tratta di opinioni, semplici opinioni. Che credo vadano prese per tale senza essere processate e definite: l’intento provocatorio non esiste, anzi, non capisco come si possa vederlo.
        La mia personale classifica tecnici è questa: GPV, Radice, Mondo, Colbacco e Rocco. Considerando la società, i giocatori e il pubblico di quei tempi io credo che Ventura sia il migliore. Infatti ha trovato pochissima “squadra” e l’ha costruita: è un dato oggettivo che sia partito da condizioni nettamente svantaggiate rispetto ai suoi illustri (e da me amatissimi) suoi predecessori.
        Ognuno può fare la sua classifica o no? Ci sono campioni che avrei voluto vedere guidare il Torino. Poeta Sala, Lord Brummel Zaccarelli, Mobilia Rossi ci hanno provato e oggi sarei felicissimo allenassero ancora il Toro e fossero in testa alla mia classifica (ma così non è purtroppo).
        I nostri cinque migliori tecnici sono quelli, se poi il fatto di dirlo è giudicato provocatorio mi spiace ma non è vero.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. flavio-san - 3 settimane fa

          Tranquillo, era riferito a me…ma mi rimbalza, certi personaggi non li calcolo neanche più…tifosi da poltrona e da tastiera

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio sala 68 - 4 settimane fa

    Tutti quelli del vivaio che finiscono in lega pro di fatto non vengono più presi in considerazione. Quest’anno purtroppo sta trovando poco spazio Aramu così come Parigini al Chievo , Barreca ha sfruttato benissimo l’opportunità che ha avuto, non sono così convinto che con Avelar e Molinaro arruolati avrebbe trovato spazio facilmente. Saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gio - 3 settimane fa

      E’ assurdo che Parigini non giochi. Se il Chievo aveva quelle intenzioni, poteva evitare di prenderlo: a gennaio deve andarsene. O torna da noi (almeno fa una panchina a casa) o trova un ambiente che lo valorizzi. Visto Verdi, appena una squadra – il Bologna – gli ha dato la possibilità di giocare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Amoon - 4 settimane fa

    io dico che il simbolo del toro sta tutto in quel gesto di Barreca che, durante torino cagliari, sul 4 a 1 incitava i tifosi a farsi sentire. E’ la dimostrazione che i tifosi sanno pazientare e che i giovani del vivaio possono crescere (se lasciati giocare con continuità) anche in casa Toro senza dover andare troppo in giro a fare esperienza giocando col contagocce. Crescere e andare in nazionale. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy