Juve, rispetto all’andata cambiano modulo e interpreti, ma dal mercato nessuna rivoluzione

Juve, rispetto all’andata cambiano modulo e interpreti, ma dal mercato nessuna rivoluzione

Verso Torino – Juventus / Bianconeri con il 3-5-2 al posto del 4-3-1-2, in porta torna Buffon, in avanti Morata al posto di Llorente

Sarà probabilmente una Juve diversa nel modulo e negli interpreti quella che affronterà domenica il Torino di Giampiero Ventura all’Olimpico.

Nel match d’andata, giocato a fine novembre, i bianconeri di Massimiliano Allegri scesero in campo con il 4-3-1-2, formato da Storari in porta, Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini ed Evra in difesa, Pogba, Pirlo e Marchisio a centrocampo, Tevez e Lllorente in avanti.
Nel ritorno la Juventus dovrebbe invece optare per il 3-5-2, con la difesa a tre che buoni risultati ha dato in quest’ultimo periodo, con Buffon di nuovo tra i pali e Barzagli rientrato al fianco di Bonucci e Chiellini nella retroguardia. Pirlo, a centrocampo, sarà affiancato da Vidal, che ha smaltito la tonsillite, oggi si è regolarmente allenato a Vinovo e domani sera sarà in campo a Montecarlo nel ritorno dei quarti di finale di Champions League, e da Pereyra, viste le assenze di Marchisio per squalifica e Pogba per infortunio, sugli esterni agiranno ancora Lichtsteiner ed Evra, mentre davanti, al fianco di Tevez, ci sarà Morata.
Nel mercato di gennaio non ci sono state grandi rivoluzioni, con i cambi che hanno riguardato principalmente le seconde linee: a centrocampo è arrivato dal Genoa l’ottimo Sturaro, mentre in avanti Giovinco, partito per la MLS destinazione Toronto, è stato sostituito dal rientrante Matri.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy