Juventus-Torino, Dybala e Niang: il derby è nei vostri piedi

Juventus-Torino, Dybala e Niang: il derby è nei vostri piedi

Verso il match / I due attaccanti sono tra gli uomini più attesi del match di questa sera

15 commenti

Juventus-Torino non è mai una partita come le altre. Che ci si giochi il campionato o la Coppa Italia poco cambia: il derby della Mole ha sempre un sapore unico. Proprio per questa ragione, per una partita “speciale” occorrono uomini “speciali”. Tra i duelli che questa sera infiammeranno lo Stadium dunque, non può mancare la sfida tra due dei giocatori più talentuosi delle rispettive squadre. Stiamo parlando di Dybala e Niang: due talenti cristallini, dai quali le tifoserie si aspettano molto.

RISCATTO – Entrambi arrivano da un momento negativo e cercano di rilanciarsi. Dopo un avvio di campionato straordinario, “la Joya” aveva un po’ smarrito le proprie certezze. Per rivitalizzarlo, Allegri ha deciso di mandarlo in panchina in diverse occasioni, permettendogli così di ritrovare lo smalto perduto. Discorso simile anche per Niang. In realtà il senegalese non ha mai carburato del tutto in granata e ha mostrato il suo talento soltanto a tratti. L’ultima gara contro il Genoa però è stata positiva: da prima punta il numero 11 granata è stato tra i migliori in campo, riuscendo a creare occasioni e superiorità numerica. Di fronte però si troverà proprio Dybala: l’argentino nelle ultime giornata sembra essere tornato quello di inizio stagione e i due gol rifilati al Verona nell’ultimo turno di campionato sembrano esserne la prova.

Torino FC v Genoa CFC - Serie A

FALSO NUEVE – Se da un lato Dybala potrebbe avere l’occasione di giocare al fianco di una punta di peso come Higuain, l’infortunio di Belotti mescola le carte in casa Torino. Con il “Gallo” k.o. infatti, Mihajlovic dovrà reinventare – così come accaduto contro il Genoa – Niang in posizione di prima ed unica punta. Una soluzione obbligata visti anche gli infortuni di Ljajic ed Edera. Il senegalese dovrà dunque agire da “falso nueve” e provare a sfruttare al meglio le ripartenze che gli capiteranno. Juventus-Torino è anche Dybala contro Niang: una sfida tra talenti che stanno vivendo questa stagione all’insegna della discontinuità.

15 commenti

15 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. robert - 2 settimane fa

    Talento cristallino Niang ?Ma per favore non scrivete cose assurde.Paragonare Niang a Dybala è come paragonare Pupo a Frank Sinatra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. KanYasuda - 2 settimane fa

      … o Massimo Boldi con Robert De Niro.
      Però, Forza Toro lo stesso !
      Stasera segna Berenguer.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dukow79 - 2 settimane fa

    Povero Niang…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. toro!toro!toro!!! - 2 settimane fa

      poveri noi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marino - 2 settimane fa

        Mi hai levato le parole di bocca. La stragrande maggioranza dei tifosi si impegna sul lavoro più di Ninag per un corrispettivo molto inferiore. Altro che povero…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Spygor - 2 settimane fa

    Certo il paragone è un po azzardato….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13721612 - 2 settimane fa

    troppo il divario di certo non è colpa dei giocatori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. SteGranata77 - 2 settimane fa

    Alùra suma a post

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. brusbi - 2 settimane fa

    Definire Niang un talento cristallino ci condanna all’oblio eterno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. KanYasuda - 2 settimane fa

      Ci avrei scommesso che sarebbe bastata la prima partita sufficiente di Niang per ricominciare a scrivere fiumi di paroloni “celebrativi” privi di senso, la cui mancata fondatezza risulta essere solo autolesionistica per una parte di tifoseria.
      Prima di tutto Niang non è un talento e contrapporlo all’odiosissimo Dybala come
      possibile contraltare su cui le tifoserie riservano speranze di vittoria, è pura ciarlateneria.
      Inoltre è improponibile anche il paragone che li accomuna in questo articolo riguardo la ricerca di continuità. Quando a Dybala capita di non averla può durare al massimo due o tre giornate, quella di Niang è pluriennale !
      Senza dubbio sono gli articoli come questi che creano i falsi campioni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Sagliez - 2 settimane fa

    Ci Vorrebbe il grande Pasquale Bruno!!!!!
    Fvcg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dukow79 - 2 settimane fa

      Non ci resta che sperare in Burdisso…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

    Niente abbracci mirate ai polpacci.
    Fvcg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 2 settimane fa

      anche i menischi non sono male 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

        Tibie peroni (non le birre) e legamenti crociati.
        IO NON HO CUGINI
        FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy