La moviola di Torino-Lazio 1-1: Massa OK, giusti entrambi i rigori

La moviola di Torino-Lazio 1-1: Massa OK, giusti entrambi i rigori

Gli episodi arbitrali / L’arbitro non sbaglia negli episodi chiave: c’erano i falli di Cataldi e Molinaro. Quel cambio Baselli-Benassi ritardato…

2 commenti

Promosso Davide Massa di Imperia, che ha diretto Torino-Lazio. Il direttore di gara non sbaglia nulla negli episodi più importanti e porta a casa una sufficienza piena.

La prima decisione di rilievo è al sesto minuto: giusto fermare per fuorigioco Belotti. Al minuto 11 il Torino passa in vantaggio: gol regolarissimo perchè ci sono tre difensori della Lazio che tengono in gioco tutti, tanto più che Belotti parte da dietro per puntare la respinta del portiere.

Al 20′, calcio di rigore per il Torino. Belotti converge da destra verso il centro, mette il corpo davanti al pallone, Cataldi con un intervento ingenuo e irruento lo atterra con una spallata a palla lontana. Il caso, per intenderci, ricorda un po’ l’intervento di Iuliano su Ronaldo nel famigerato Juventus-Inter del 1998. Rigore giusto, fischiato senza difficoltà da un Massa vicino all’azione, che Immobile però sbaglia: era la palla che avrebbe messo la strada in discesa per il Torino.

Al 25′ Marchetti esce in modo improvvido fuori area: ma tocca la sfera nettamente col petto e non col braccio. Al 36′ Glik rimane a terra dopo un calcio di punizione in area laziale; il contatto con Bisevac è però assolutamente fortuito.

Sul finire del primo tempo, Acquah entra in modo scomposto su Biglia: qui sarebbe stato giusto il giallo, per l’intervento fuori luogo e comunque pericoloso. Il ghanese il giallo lo prenderà nella ripresa, al 12′ per un intervento fuori tempo su Parolo.

In avvio di ripresa si infamma la partita: Peres viene ammonito per un intervento da tergo su Parolo, fatto per fermare la ripartenza laziale. Decisione giusta, così come il giallo nei confronti di Konko (abbattuto Belotti a palla lontana). Al 22′, subito dopo il palo di Parolo, Vives interviene in scivolata su Djordjevic al limite dell’area: intervento un po’ fuori tempo, giusta la punizione per la Lazio, che poi Biglia si vedrà parare da Padelli.

Particolare, invece, la decisione di Massa riguardo il cambio Baselli-Benassi. Il giocatore atalantino era pronto al 29’35”, ma l’arbitro, di comune accordo col Torino, ha deciso di far prima battere una punizione a Lucas Biglia. La punizione viene battuta, la palla finisce fuori; tutti si aspettano il cambio. Massa guarda la panchina del Torino, ma gli viene fatto cenno di far continuare. Poi il gioco viene fermato per un fallo, ma la Lazio batte in fretta e non dà modo al Torino di battere la punizione. E alla fine dell’azione proprio Benassi, che aveva chiesto il cambio per motivi fisici, si è fatto saltare da Keita nell’azione che poi ha visto il fallo da rigore (netto) di Molinaro. Il cambio con Baselli è stato poi effettuato solo dopo il rigore trasformato da Biglia, al 33′.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone - 2 anni fa

    L’ex arbitro di mediaset ha detto che il rigore su Keita non c’era.
    Non ce capirà nulla…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabius - 2 anni fa

    Provinciali!
    Alla faccia dell’esperienza del settantenne Ventura

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy