La probabile formazione del Torino: pronti Baselli e Berenguer

La probabile formazione del Torino: pronti Baselli e Berenguer

Le possibili scelte di Mazzarri in vista della gara contro l’Udinese: panchina in vista per Rincon, avanti col 3-4-2-1

di Redazione Toro News

Il Torino è pronto a tornare in campo dopo la sosta dedicata alle Nazionali, e vuole farlo cercando di dare continuità alla vittoria di due settimane fa contro la Spal. Domani, alle 15, i granata saranno ospiti dell’Udinese alla Dacia Arean, un campo che ha portato fortuna al Toro negli ultimi anni. Vediamo come si presenterà in campo la squadra di Mazzarri.

Il tecnico granata ha fatto capire che non ci saranno grandi stravolgimenti tattici in vista della gra di domani. Avanti, dunque, con la difesa a tre e il doppio trequartista dietro a Belotti. Dietro, Sirigu difenderà i pali, con il terzetto classico formato da Izzo e Moretti a destra e Nkoulou al centro.

La probabile formazione dell’Udinese: Lasagna unica punta

Sulla destra, ci sarà l’ottimo Lorenzo De Silvestri, mentre sulla sinistra difficile vedere Aina dal 1′: il giocatore è stato convocato ma non è al meglio, pronto Berenguer per prenderne il posto da titolare. A centrocampo, Meite è certo di una maglia dal 1′, con Baselli in vantaggio su Rincon per l’altra slot. Sulla trequarti ecco Soriano e Iago Falque dietro all’unica punta Belotti. Ancora panchina iniziale per Zaza.

LA PROBABILE FORMAZIONE DEL TORINO

TORINO (3-4-2-1): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Moretti; De Silvestri, Meite, Baselli, Berenguer; Iago Falque, Soriano; Belotti.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14003131 - 2 mesi fa

    Comparare partite diverse es con il Parma a San siro non ha molto senso. Ho visto la partita, l’Inter e’ scialba e sciatta, ma il Parma ha vinto con un tiro in porta… aveva giocato meglio con i gobbi paradossalmente….a volte gira così. Forse a noi mancherà un pizzico di coraggio e questo è risaputo, vedremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Toro71 - 2 mesi fa

    Per Mazzarri Zaza sembra quasi un peso. Ma allora perché Cairo l’ha preso? A me sembra che al Toro arrivino allenatori che non condividono le scelte della società. È pazzesco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13946570 - 2 mesi fa

    E dai per piacere.. Noi con l’Inter perdevamo 2-0 e l’abbiamo pareggiata.. È vero.. Il Parma ha vinto a San Siro però i loro obiettivi sono diversi dai nostri. Quindi non siamo affatto degli incompiuti.. Se vinciamo a Udine è una grande vittoria o rientra nella norma di quello che dovevamo fare?.. Le “piccole” all’inizio sono più cariche perché devono mettere fieno in cascina quanto hanno sofferto i gobbi di merda con Chievo e lo stesso Parma?..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giankjc - 2 mesi fa

      Strano il discorso del fieno in cascina…

      Se vinciamo a Udine è normale qualora si ritienga il Torino FC di rango superiore. Viceversa è un’impresa se lo valuti alla pari e strappi 3 punti fuori casa.

      Per me rimane prioritario giocare da Toro, tanto non vai né il B né in LIG, quindi almeno vedere un pò di coraggio e virtù oramai appannate da tempo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kalokagathia - 2 mesi fa

        Spero il tuo cinismo nasca da ragioni scaramantiche, perché noi inseguiamo l’EL! Il fatto di non riuscire a raggiungerla fa parte del gioco. Se solo la logica e il denaro investito bastassero a far si che un team di “rango” superiore sulla carta abbia facilmente la meglio su un altro di livello più modesto, allora perché scendere in campo????
        Domani è una partita molto delicata, superare un avversario come l’Udinese in una sfida, per noi, ad alto tasso di stress darebbe risposte importantissime sul reale livello della squadra. Credo che il risultato di domani rivelerà i reali obiettivi che possiamo perseguire: è un match indiscutibilmente da vincere dunque se così avverrà saremo coscienti di avere degli interpreti dotati di buone capacità non solo tecniche ma sopratutto mentali, strumenti indispensabili per superare sfide complicate e quindi ambire a obiettivi di rilievo. Domani in campo non dovremmo solo combattere gli avversari ma anche le nostre paure, le tensioni e i nostri limiti: giocatori e allenatore sono ben coscienti che, per guadagnare autostima e dunque cristallizzare la possibilità di credere seriamente nell’obiettivo primario, domani sia necessario vincere e CONVINCERE.
        Non sarà una sfida facile, avere la legittima arroganza di poter preparare una sfida che sulla carta risulta in discesa è un lusso che ancora dobbiamo guadagnarci; quando sapremo chi siamo e ci saremo scrollati di dosso la “provinciale” paura di vincere, e sopratutto sapremo ben fraseggiare negli ultimi 20 metri allora vincere con l’Udine sarà una cosa normale.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ALESSANDRO FIENAURI - 2 mesi fa

    SCUSATE IO NON SONO MOLTO INFORMATO DI CALCIO, PORTO SOLO IL TORINO E VEDO SOLO IL TORO E LEGGO MOLTO POCO I GIORNALI SPORTIVI, MI TENGO AGGIORNATO VISITANDO TORO NEWS MA VI VORREI FARE UNA DOMANDA A CHI SA RISPONDERMI. MA IL TORO E’ IN VENDITA?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 mesi fa

      Se non gridi ti sentiamo lo stesso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giankjc - 2 mesi fa

        Non è molto informato di calcio
        Porta solo il Torino
        Vede solo il Toro
        Legge molto poco i giornali sportivi
        Si tiene aggiornato visitando TN
        Fa una domanda
        Non ha le lettere minuscole sulla tastiera

        Vanni,io non vedo UN problema solo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GlennGould - 2 mesi fa

      Scusate, io non compro le figaro’ e il sole 24 ore, e non seguo l’economia mondiale. Ma il toro è in vendita?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. GlennGould - 2 mesi fa

      @Fieunari. Possiam fare qualcosa per te di socialmente utile ? Vuoi amici con cui parlare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Giankjc - 2 mesi fa

      Si.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. prawn - 2 mesi fa

      NO

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Madama_granata - 2 mesi fa

      X me i casi sono 2:
      -sei in buona fede, un po’ingenuo, molto disinformato, e quindi ti rispondiamo: “NO, IL TORO NON È IN VENDITA, È BEN STRETTO NELLE NANI DEL PRESIDENTE CAIRO. STAI PURE TRANQUILLO!
      – Vuoi provocare e “fare il furbo”, e allora ti rispondiamo: “NON SEI SPIRITOSO, E NEMMENO SIMPATICO. CERCA ALTROVE UN SITO X “DIALOGARE” DI GOSSIP, O X PRENDERE IN GIRO IL PROSSIMO, XCHÉ QUI, A PARTE LE IDEE MAGARI CONTRASTANTI, FACCIAMO TUTTI MOLTO SUL SERIO!
      Ora mi rivolgo ai miei “provati compagni di fede”: scusate se ho usato il plurale, arrogandomi il diritto di parlare a nome di tanti di noi, ma, credo e spero che, in questo caso, fosse giusto mettere bene in chiaro le cose. Era giusto, permettetemi, fare “fronte comune” nei confronti di chi, magari credendosi spiritoso, magari tifoso di qualche altra casacca, forse zebrata, ha voluto, o perlomeno ha tentato, di irriderci!
      Passi, ce ne faremo una ragione, il maldestro tentativo di prendere noi per il naso, MA NON QUELLO DI DERIDERE UNA SOCIETÀ GLORIOSA, CON UNA STORIA COME LA NOSTRA!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. silviot64 - 2 mesi fa

    Perché da anni a questo Toro manca la mentalità del se non hai vinto e potevo farlo hai perso ? Con l’Inter ho letto un sacco di articoli melensi. Bravi. No, per nulla. L’avversario Era alle corde. Il pareggio ci stava stretto, ma? Eh ma è l’inter, un pareggio è un bel risultato. Affatto. Oggi il Parma lo ha dimostrato. Perché siamo sempre la squadra che si accontenta?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy