L’assenza degli infortunati comincia a pesare

L’assenza degli infortunati comincia a pesare

 

È l’ennesimo inizio di una settimana delicata. Non che siano in programma contestazioni varie a squadra o presidente, ma più che altro per la classifica. Il Torino infilando il quarto pareggio consecutivo si è ormai trovato ad un passo dal baratro della permanenza certa in Serie B. Che cosa fare dunque? La risposta è semplice: servono punti. Ci sono ancora 3 partite e con 9 lunghezze in palio e tutto…

Commenta per primo!

 

È l’ennesimo inizio di una settimana delicata. Non che siano in programma contestazioni varie a squadra o presidente, ma più che altro per la classifica. Il Torino infilando il quarto pareggio consecutivo si è ormai trovato ad un passo dal baratro della permanenza certa in Serie B. Che cosa fare dunque? La risposta è semplice: servono punti. Ci sono ancora 3 partite e con 9 lunghezze in palio e tutto è possibile. 

I granata non si possono permettere ulteriori passi falsi, ma prima Lerda dovrà sperare di recuperare qualche elemento importante venuto meno in queste ultime gare. La lista degli indisponibili da diverse partite si è allungata ed il tecnico granata è costretto a scelte obbligate. Anche perché al Torino sono venuti a mancare quattro uomini importanti in un momento cruciale della stagione. Rivalta, Zavagno, Lazarevic e Gasbarroni sono calciatori in grado di dare una grossa mano a questo gruppo.

Ecco perché la priorità sarà tentare il recupero di qualcuno di loro. In vista del prossimo match contro la Triestina dovrebbe tornare disponibile Zanetti, che recupererà dall’intervento al setto nasale, tuttavia non vi è certezza sulle condizioni degli altri. Non resta quindi che attendere, sperando che questa settimana porti delle buone notizie.

 

(Foto: M. Dreosti)

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy