Lazio-Torino, parla Rolando Bianchi: “Bella sfida, ma il mio cuore è granata”

Lazio-Torino, parla Rolando Bianchi: “Bella sfida, ma il mio cuore è granata”

Verso Lazio-Torino / Bianchi a LazioPress: “Sono felice di aver mantenuto la mia promessa, cioè lasciare il Torino e Ventura e in Serie A”

2 commenti

L’attaccante del Maiorca Rolando Bianchi è stato intervistato da Filippo Simonelli di LazioPress per parlare della sua nuova avventura in Spagna, ma anche e soprattutto della sfida dell’Olimpico di Roma di domenica, che vedrà scontrarsi due sue ex squadre: Lazio e Torino. “Una bella partita tra due formazioni di qualità e con dei bei reparti offensivi, sarà una sfida dove non mancherà lo spettacolo” il commento del classe ’83, che continua: “Possono fare bene tutte e due, le seguo con affetto: il cuore è a Torino, ma una parte resterà a anche a Roma”

L’attaccante si concentra poi sul suo passato granata: “L’ultima rete in granata la segnai al Catania: fu un’emozione indimenticabile, in tribuna c’erano anche i miei genitore, e mio padre – una persona molto rigida – si commosse. Ci sono stati momenti anche meno belli, ma ricordo tutto con molto piacere. Sono felice di aver mantenuto la mia promessa, cioè lasciare il Torino e Ventura e in Serie A, spero che Quagliarella e compagni continuino a togliersi soddisfazioni. Sono davvero felice per la crescita di molti mie ex compagni di allora, come Ogbonna, Darmian e D’Ambrosio.” 

Sulla Serie A, poi: “Seguo con attenzione il campionato, questuano può scapparci la sopresa…”

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. co_riv_637 - 2 anni fa

    Grande professionista e grande uomo attaccato ai nostri colori:mi è dispiaciuto averlo lasciato andar via in quel modo anche se poi la scelta è risultata giusta vedendo quello che sta facendo li re Mida (Ventura) con quello che il convento gli ha passato in questi anni. Anche per me rimarrà nella memoria per tutto il bene che ha svolto per la nostra causa e gli auguro una fine carriera dignitosa e felice.Auguri nostro Capitano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luigi-TR - 2 anni fa

    Non ti ho mai dimenticato Rolly…
    …negli anni bui sei stato l’unico motivo per cui mi sentivo ancora orgoglioso di tifare Toro e di seguire le partite.
    La tua grinta, il tuo modo di esultare e di essere capitano sono tutti elementi indelebili dentro di me.
    Il modo in cui ti hanno lasciato andare, non rinnovandoti il contratto, nonostante tutte le tue dichiarazioni d’amore sono una ferita sempre aperta che mai si rimarginerà.
    Il Toro era la tua casa e meritavi di finire la tua carriere in granata e non essere trattato in quel modo.
    Spero un giorno di rivederti, non sò come, con il granata a coprire la tua pelle, il tuo cuore ne è ormai già ricoperto da anni.
    Con tanto tanto affetto.
    Luigi’1965

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy