Torino: Maksimovic verso un’altra maglia da titolare, con il mercato sullo sfondo

Torino: Maksimovic verso un’altra maglia da titolare, con il mercato sullo sfondo

Focus on / Il serbo dopo il lungo infortunio è stato protagonista di un’ottima prestazione contro l’Empoli, ora l’obiettivo è confermarsi

11 commenti

La storia che lega Nikola Maksimovic ed il Torino comincia nel 2013, quando il difensore serbo viene acquistato in comproprietà dai granata e, dopo qualche mese di ambientamento ed apprendimento degli schemi di Ventura, esordisce per poi conquistarsi il posto da titolare e non perderlo più. Nelle due stagioni passate sotto la Mole il marcatore ha dimostrato affidabilità ed una crescita costante, venendo utilizzato dal tecnico come centrale destro di difesa o all’occorrenza anche come esterno di centrocampo: ritenendo il giocatore fondamentale per la continuità del progetto il club di Cairo in estate aveva quindi resistito ad offerte di mercato importanti (in particolare da parte del Napoli) ed era riuscito a trattenere Maksimovic ancora alla corte di Ventura, dove  il serbo si apprestava ad iniziare la sua terza stagione in maglia granata da titolarissimo. Purtroppo, a causa di un brutto infortunio patito in Nazionale,  il difensore dove aver disputato le prime due partite di questo campionato ha dovuto sottoporsi ad un’operazione al piede e restare ai box per un lungo periodo.

Torino FC v ACF Fiorentina  - Serie A
Un bell’intervento di Maksimovic alla seconda giornata, contro la Fiorentina

Terminata la riabilitazione, Maksimovic è tornato prima ad allenarsi in Sisport, poi a calcare il terreno di gioco con la Primavera di Moreno Longo: infine il serbo ha provato nuovamente la gioia di scendere in campo con il gruppo di Ventura e l’ha fatto da titolare, domenica scorsa nel match contro l’Empoli. Una partita che nonostante il risultato finale rimane sicuramente speciale nel suo piccolo per il difensore, rappresentando una sorta di nuovo inizio in maglia granata. Il serbo sembra ora essersi completamente ripreso dall’infortunio e nella sfida ai toscani ha subito messo in mostra le sue qualità palla al piede e la sicurezza che infonde ai compagni di reparto, sottolineando ancora una volta (se mai ce ne fosse stato bisogno) quanto la sia assenza in questi mesi sia stata pesante per il Torino. Grande personalità e scioltezza nella gestione del pallone, percussioni personali e dialogo con i compagni: Maksimovic sembra aver ricominciato esattamente da dove il suo percorso si era interrotto, più di tre mesi fa. Sabato all’Olimpico arriva il Frosinone: nonostante la differenza di valori tecnici, sarà una partita fondamentale per il gruppo di Ventura reduce dal periodo decisamente negativo.

Maksimovic
Il difensore serbo in campo con la Primavera, prima di tornare a disposizione di Ventura

Ed ecco che allora il match contro i laziali rappresenta un test di grande importanza non soltanto per il Torino, ma anche nello specifico per il difensore serbo: Maksimovic dovrà infatti continuare sulla strada imboccata contro l’Empoli e cominciare a fornire prestazioni stabili sui livelli mostrati, già a partire da sabato pomeriggio. La sfida al Frosinone diventa quindi un test di continuità per Maksimovic, sul quale si gioca intanto un’altra partita: quella di mercato. Il Napoli non sembra infatti voler mollare la presa sul difensore, ma il Torino non si muove dalle proprie posizioni (ASCOLTA LE PAROLE DI CAIRO) poiché è forte la volontà di mantenere il giocatore in granata. Il serbo gioca anche per confermare di essere legato alla casacca del Torino e di voler proseguire il proprio percorso di crescita all’ombre della Mole.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pazko - 2 anni fa

    Per poter fare meglio di una buona metà classifica devono coincidere una serie di eventi : compri bene azzeccandoli tutti, nel mazzo ti trovi un Cerci e un Immoile, che esplodono e ti fanno arrivare alla EL o simili. Speriamo che co si possa ripetere al più presto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Scott - 2 anni fa

    Lasciatemi sognare perchè ne sono fiero, sono un granata…. un granata vero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 2 anni fa

    BRAVISSIMO Lorecap_817!!!
    Parole sacrosante! CHE PALLE sta’ storia di tenere tutti, a tutti i costi, ed a tutte le cifre!!!Tanto mica sono i Loro i soldi!!!
    Eppoi dai! Il nostro presidente è Cairo, mica ONASSIS!! Oppure Berlusca, oppure Moratti prima ed il Boss Tahilandese adesso!! E neppure LOTITO il mafioso oppure ADL o i signori di Luxottica!!! Siamo realisti! Di presidenti che hanno fatto i furbi coi bilanci NOI ne sappiamo qualcosa, vero? E la storia recente del Parma non vi ha insegnato niente? Fra le altre cose, dal 2018 da regolamento i bilanci DOVRANNO essere in ordine, altrimenti niente iscrizione al campionato, quindi o pareggio oppure aumento di capitale!!! Ed io credo proprio che…..ne vedremo delle belle, vero FERRERO?? Ahahahahaha!!!! Comunque per tornare a noi, tutte le societa’ commerciali devo far quadrare i bilanci, ed oggi piu’ che mai le societa’ di calcio SONO società commerciali. Leggevo giusto ieri u articolo sul Manchester City citato qui sotto dall’intervento del ns fratello granata: comprato dallo sceicco della situzione 10anni fa per 400milioni, a fine anno scorso è stata ceduta UNA QUOTA del 13% per gli stessi soldi!! Sapete che significa? Significa che adesso il Manchester City vale qualcosa come 3,4Miliardi!!! Ma sapete cosa c’è dietro a tutto questo? C’è dietro un “progetto” (adesso va’ di moda questo termine…) commerciale ENORME. I padroni del Manchester City sono padroni di un City anche in Australia ed un City anche in USA, lo stesso City dove gioca il “PIRLO” ex-rubentino. I padroni sono “padroni” di un marchio che vendono in tutto il mondo fatturando milioni in merchandising, padroni di stadi, impianti sportivi, ecc….ecc…E comprano e vendono calciatori come se fossero “beni” strumentali. E vincono anche, per carità! Adesso quindi chiedetevi: noi siamo uguali a Loro? Il TORO è il City? VORREMMO che lo fosse? Eppoi, a parte le risposte che ognuno di noi dara’, ficcatevi bene in testa che i calciatori oggi sono professionisti, che svolgono un lavoro, e che hanno un prezzo. E GIUSTAMENTE Loro badano al LORO interesse! Vanno dove conviene Loro di piu’! Ma nel farlo pero’, esiste uno “stile”, esiste modo e modo, si può anzi SI DEVE fare con professionalità! La stessa professionalità che ha usato Ciro IMMOBILE e Matteo DARMIAN. Vi siete chiesti COME MAI Matteo è ancora amato da tutti noi? Cosi’ come i 200 ieri sera hanno dimostrato a mezzanotte al suo arrivo a Ciro? Ed invece a CERCI sono stati riservati SOLO fischi?
    Un calciatore, così come chiunque altro lavoratore/professionista DEVE essere libero di fare le sue scelte per la propria carriera! Matteo e Ciro ed El Kaddouri e Cerci HANNO SCELTO di andarsene!!! FICCATEVELO IN TESTA!!! NON E’ STATO CAIRO A CACCIARLI VIA PER PRENDERE I SOLDI!!! Ora abbiamo (FINALMENTE!!! DOPO ANNI!!!!) un presidente che NON VUOLE lucrare sulla squadra!!! Altrimenti già a Giugno scorso avrebbe venduto Maksimovic, Glik, Perez e Maxi Lopez, per dire quelli di cui AVEVA GIA’ i soldi in mano!!! Ma li ha tenuti perchè LORO non sono voluti andare via! Adesso leggo di “riprendiamo CERCI, riprendiamo ELKA!!! ODDIO!!! Senza di loro come faremo!!!!ODDIO!!!….”……MA PER FAVORE!!!! LORO SONO VOLUTI ANDARE VIA!!! ELKA rifiutando il riscatto che il TORO AVEVA FATTO al Napoli!! Ed ora è lì, magari non in squadra fisso, ma è lì in una squadra che si gioca lo scudetto e la EL. E LI’ LASCIAMOLO!!! E Cerci….meglio non parlarne va’!!! Piuttosto il portiere!!! MAGARI il mago Petrchi facesse ancora una magia con SIRIGU!!! Sì perchè è dai tempi di GILLET (lo ricordate, vero??) che non abbiamo un portiere che si possa chiamare PORTIERE!!! Ed io prego perchè QUESTA magia accada…….FVCG!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. lorecap_817 - 2 anni fa

    Che palle ‘ste storie di tenere i campioni…
    Io trovo sacrosanto che ci sia un limite agli stipendi (e 1M di Euro mi sembra congruo ad una società come la nostra) se i giocatori vogliono guadagnare di più (altra cosa che mi sembra sacrosanta perchè alla fine è il loro LAVORO e chiunque di noi cambierebbe posto se gli offrissero più de doppio…) mi sembra normale che vogliano cambiare squadra.
    Le bandiere non esistono più e il calcio è diventato mercenario come qualunque altro sport professionistico con molto seguito, è ora che tutti se ne facciano una ragione.
    La bravura delle società oggi stanno nel massimizzare i profitti che, nel caso del Toro, significa comprare a poco delle scommesse e venderle a tanto quando diventano dei campioni, cercando ove possibile di trattenerli il più possibile. Mi sembra lampante che questo venga fatto da qualche anno e secondo me dovremmo esserne felici, perchè di Cimminelli ne abbiamo già avuto uno!
    Questa è la dimensione del Toro oggi: l’anno che le scommesse si vincono a lottare per la UEFA e l’anno che si perdono a lottare per non entrare nella zona retrocessione. Io amo questa maglia e mi sta bene così, non mi cambierei mai con un gobbo anche se loro giocano la Champions, perchè la gioia che ho provato quando abbiamo vinto a Bilbao o il derby (e anche ieri sera!) loro non la proveranno nemmeno se vincono l’Intercontinentale.
    Poi se un giorno arriverà uno sceicco impestato di soldi giocheremo anche noi la Champions, ma siamo sicuri che l’anima del toro resterà? I miei amici del Manchester City sono si contenti dei risultati degli ultimi anni, ma tutti mi dicono che la loro squadra ha perso l’anima e io so bene cosa vale di più…
    Infine vorrei sapere se quelli che parlano sempre dei soldi degli altri (di solito di Cairo) fanno qualcosa di concreto per il Toro. Io nel mio piccolo quando posso vado allo stadio (150 km) e sostengo la Fondazione Filadelfia, perchè sennò è troppo facile criticare e non mettere mai mano al portafoglio.
    FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Scott - 2 anni fa

    Il salto di qualità non ci sarà mai, se non fondato sulle 3/4 pedine che eccellono: Maksi, Glick, Bruno ed ora Ciro.
    E’ il momento di pensare alla squadra, ai valori tecnici, al futuro del Toro.
    Basta vendere per comprare. Comprare per puntellare l’organico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 anni fa

    Questo è un campione. Meglio per lui se resta al Toro fino a giugno e vedrà che in estate finisce in una big vera all’estero ( Barcellona e Co. )
    Altro che Napoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. fabio972 - 2 anni fa

    Il ritorno di Immobile e l’interessamento per Elka… Segnali di un fallimento del progetto di quest’anno visto che si cercano giocatori che conoscono già la filosofia venturiana per correre velocemente ai ripari. Non stravedo nè per Cairo nè per il Guru. Ma tanto di cappello perchè qualcosa si sta muovendo… Un appello al Guru perchè alzi il baricentro della squadra e riduca i retropassaggi perchè non giochiamo a rugby. Infine,e mi rivolgo a tutti, un pò di pazienza per i più giovani altrimenti li bruciamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 anni fa

      Su Elka e la pazienza coi giovani sono d’accordo ma su Immobile non fu un fallimento cederlo, e lui che volle andarsene e la Gobba premeva perché ne aveva la metà del cartellino.
      Ah, sono d’accordo anche per quanto riguarda il Guru…lui cerca sempre chi ha giocato con lui, tra qualche anno vedrai che prenderemo Darmian…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabio972 - 2 anni fa

        Forse mi sono spiegato male… non parlavo della cessione di Ciro, intendevo che il suo ritorno e la ricerca di Elka rivelano che il progetto 2015-2016 non sta dando i frutti sperati. Comunque queste mosse stanno calmando l’ambiente e in parte anche me

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Michele Nicastri - 2 anni fa

    Il berbero può restare a Napoli e Maksi deve rimanere!! Bovo non ce la fa più…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …MACSI per meno di 20mln non parte…e forse non bastano neanche 20mln…e dubito che Delaurentis tiri fuori 20mln per un difensore rotto da 6mesi…potrebbe partire se venisse inserito IlBerbero…tipo 15+ilBerbero…Ventura credo farà di tutto per riportare ilBerbero al TORO…l’unico giocatore che a centrocampo potrebbe far cambiare passo al TORO…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy