Maksimovic: “Ventura e Mihajlovic simili. Se arriva l’offerta? Valuteremo”

Maksimovic: “Ventura e Mihajlovic simili. Se arriva l’offerta? Valuteremo”

Alla vigilia / Il serbo a La Gazzetta dello Sport: “Il tecnico del Milan mi volle in Nazionale a 20 anni, gli devo molto”

4 commenti

“Se oggi sono al Torino, lo devo a Mihajlovic”. Queste le parole di Maksimovic a La Gazzetta dello Sport, proprio alla vigilia della sfida contro i rossoneri: “Mi ha voluto in Nazonale quando avevo 20 anni, facendomi marcare Ibra. Fu lui a consigliarmi l’italia e a suggerirmi di venire alla corte di Ventura, uno tecnico che conosceva e che ama i giovani, li fa crescere. In questi giorni non l’ho chiamato, ci siamo sentiti quando ero fermo per l’infortunio. Domani lo saluterò, ma basta così: durante i 90 minuti non conosco neanche mio padre”.

Cosa hanno in comune i due tecnici? “Molti aspetti del carattere. Inoltre, entrambi stanno rifacendo salire i loro club dove la storia impone loro di stare. Ventura, al di là delle critiche, è l’uomo giusto. Bisogna essere realisti: non si può sempre stare sopra Milan e Inter, anche perché giocatori che si mettono in mostra salgono a un livello più alto”.

Maksimovic ha proseguito sulla situazione del Torino e sul suo futuro: “Mi piace che qui siamo in undici che lavorano sullo stesso obiettivo, se non hai Messi devi comportarti così, nessun protagonismo. Io ho rinnovato fino al 2020 perché credo in questo progetto, e ho tutta l’intenzione di fare bene qui: inutile andare in una grande squadra e poi fare panchina. Se poi arriverà davvero la grande offerta, allora ci siederemo con il club e ne discuteremo”

Infine, Maskimovic ha concluso: “I miei modelli? Penso di avere qualcosa di Nesta, poi stimo Gerrard: mi piace giocare anche davanti alla difesa”.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 1 anno fa

    La morale della favola è che Maksimovic quest’estate sarà il più serio candidato a lasciare il Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. DamS - 1 anno fa

    Infatti visti gli ampi margini di miglioramento… visti i piedi e visione di gioco..visti anche i precedenti di Jansson a centrocampo e visti anche alcuni interpreti del nostro centrocampo.. perchè non farlo provare come vertice basso di centrocampo.. non sono così sicuro che farebbe tanto peggio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Cecio - 1 anno fa

    Considerazioni un po’ in contrasto ma in qualche modo confortanti, perchè dice “inutile andare in una grande squadra e poi fare panchina”
    ma poi
    “Se poi arriverà davvero la grande offerta, allora ci siederemo con il club e ne discuteremo”
    Boh speriamo che non arrivi la grande offerta, perchè tra quelli che potrebbero avere mercato (Glik, Peres e Maksi), lui è quello di cui mi priverei meno volentieri perchè ha ampi margini di miglioramento e potrebbe davvero permetterci in futuro di fare un salto in avanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Brawler Demon - 1 anno fa

      “inutile andare in una grande squadra e poi fare panchina”: qui parla il giocatore della sua carriera, sa che al Toro è protagonista, altrove, forse;

      “Se poi arriverà davvero la grande offerta, allora ci siederemo con il club e ne discuteremo”: il calciatore sa bene che la sua volontà, da sola, non basta. Arriva un’offertona folle da 30 mln (dico così per dire), vuoi che Cairo non lo lascia partire?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy