Martinez, impressionare più di Maxi Lopez per meritare il Toro

Martinez, impressionare più di Maxi Lopez per meritare il Toro

Focus on / il venezuelano è alla ricerca da tempo di un posto da titolare e ora anche della permanenza in granata

5 commenti
numeri

Con l’infortunio di Immobile, Josef Martinez può forse ancora sperare in un posto da titolare nel duetto d’attacco, il quale ad oggi ha visto come unici protagonisti i soliti Belotti e Immobile. Il partenopeo starà out per circa 30 giorni e di conseguenza Josef si lancia all’attacco di quella maglia da titolare ambita ormai da troppo tempo. Il venezuelano è al Torino dal 2014 e dopo quasi due anni ha avuto a disposizione tutto il tempo necessario per ingranare definitivamente con gli schemi di mister Ventura, il quale gli ha concesso innumerevoli opportunità. Quest’ultime non sono state però sfruttate al massimo e di conseguenza il tecnico granata ha dovuto puntare su altre alternative, vale a dire Maxi Lopez.

Martinez impegnato contro l'Empoli
Martinez impegnato contro l’Empoli

É proprio l’argentino il diretto concorrente per un posto nell’undici di partenza. Martinez dovrà dunque sfruttare al massimo tutte le sue carte a vantaggio, ossia la differenza d’età e una miglior condizione atletica. Josef in questa stagione ha collezionato 14 presenze, rimanendo però a secco di reti, mentre Maxi Lopez è stato usato più volte in campionato, ha realizzato un maggior numero di gol, ma anch’egli spesso non ha convinto appieno. Martinez dovrà quindi cercare di sovrastare il collega argentino per quel posto tanto ambito, ma la concorrenza è molto aspra e non sarà quindi molto facile per lui. Questa stagione è stata un calvario per lui, quasi una vera e propria sofferenza, poiché nella prima parte di stagione è stato chiuso in parte dalla fame di Belotti e dopo anche dall’esperienza di Quagliarella. Oggi invece i concorrenti sono cambiati, ma la situazione è sempre la stessa. Otto giornate al termine: mesi in cui il venezuelano dovrà dare il massimo per meritarsi la conferma in granata.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ddavide69 - 1 anno fa

    Saro’ ignorante ma da quando il venezuela è stato una fucina di talenti ?

    Ha vinto qualche cosa ? Non ha vinto niente ! Gira la ruota

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Nick - 1 anno fa

    redazione scusate ma siete un po’ birichini….con quest’articolo é come sparare sulla croce rossa….
    cmq se entra e segna certo non mi lamento ma visti i risultati fino ad ora la ritengo un’utopia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. crclaudio6_126 - 1 anno fa

    Non sfruttate al massimo ??????
    ma questo qua s’e’ mangiato gol che faceva anche un discreto attaccante di promozione !!!!!
    ha sempre giocato di melma, sempre !!! a meno che , per qualcuno, giocare voglia dire solo correre, ma questo corre pure a vanvera tutta la partita, poi se impegno = bravo allora fate giocare anche me, l’impegno non manchera’ sicuramente, che vuol dire che son da serie A ?
    Ma che articolo e’? prima di rimettere in campo uno cosi meglio un primavera,
    tanto anche nell’improbabile caso che faccia un gol, (sarebbe comunque un miracolo) chi pensate che se lo compra ?
    a proposito, se volete sbellicarvi dalle risate leggete questo articolo, sicuramente prodotto dalla staff del giocatore, al momento dell’arrivo al Toro:
    “Si chiama Josef Alexander Martínez Mencia ed è il nuovo colpo in avanti del Torino. Dopo lo svedese Jansson, arriva un altro giocatore che fa ben sperare per il futuro del club Granata, pronto a ritornare protagonista in Europa. Un occasione che il ds Petrarchi ha saputo cogliere al balzo, anticipando persino le londinesi Arsenal e West Ham. Operazione da circa 3 milioni di euro, domattina le visite mediche. Battuto in volata lo Sporting Lisbona che ci aveva provato fino all’ultimo. Classe ’93 dotato di grande esplosività, viene da una stagione super, divisa tra il Thun (fino a gennaio) e gli Young Boys (che lo hanno successivamente riportato alla base), con cui ha totalizzato 10 gol e 7 assist in 36 partite di campionato. Giovane ed esperto, profilo perfetto per mister Ventura, col killer instinct sotto porta. Tanto che ha lasciato il segno anche in Europa League e Coppa Svizzera. Prodotto del Caracas FC, ha esordito da pro appena 17enne e vanta già 12 gettoni (con due marcature) in nazionale maggiore, dov’è ormai titolare fisso. Da capitano dei Vinotinto, disputò un ottimo Sub20, ma il suo poco appeal internazionale lo lasciò in terra elvetica. Nato a Valencia (ma in Venezuela), ha alle spalle una vita piena di scarti. Prima all’Estudiantes, per motivi burocratici, poi anche in Italia. Che adesso è finalmente pronta ad accogliere le sue straordinarie giocate. Seconda punta dal fisico compatto e in grado di svariare su qualsiasi zona dell’attacco, ha una facilità disarmante nel tirare dalla distanza, con entrambi i piedi. Nei calci da fermo è il destro naturale che fa esplodere, con cui alterna indifferentemente potenza a precisione. Bisturi e martello – ma la qualità che colpisce di più è senza alcun dubbio la rapidità. Accelerazioni fulminee e sprint da centometrista, a bruciare ogni trappola del fuorigioco che gli si possa innescare. E’ un calciatore dai colpi spettacolari, lucido nel saper sempre come sfruttare al meglio la sua innata abilità nei dribbling. Terzo venezuelano nella prossima Serie A dopo Romo (Udinese) e Signorelli (Empoli), arriva all’Olimpico con la missione di colmare un vuoto profondo nel cuore dei tifosi, dopo il sofferto addio di Ciro Immobile. Un toro per il Torino, dal bordeaux venezuelano al granata piemontese. Come un fulmine è arrivato Josef. Allacciate le cinture, ne vedremo delle belle…”
    he si ne abbiamo viste veramente delle belle !!!!!!!!!
    di vinotinto qua c’e’ solo la troppa quantita’ ingurgitata da chi gli ha fatto il contratto fino al 2018 !!!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 anno fa

      HAAAAAAAAAAAAAAAHHHHAH : Anche Romo e Signorelli hanno fatto sfracelli …. saranno fratelli ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. aterreno - 1 anno fa

      poraccio almeno in svizzera campionato forse paragonabile alla serie B faceva anche qualche goal

      secondo me sVentura dovrebbe farlo giocare da ala, segnare non segna, ma almeno corre, magari ce la fa.

      e se lo fa giocare attaccante con tipo 30 kili di piombo adosso cosi’ non fa quei salti e quelle giravolte

      non lo sopporto, preferisco amauri o lopez con la panza. solo barreto forse batte martinez nella classifica dei fallimenti ventura/cairo/petrachi in attacco

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy