Europa League / Torino, Maxi Lopez in cerca di rivalsa con lo Zenit

Europa League / Torino, Maxi Lopez in cerca di rivalsa con lo Zenit

Curiosità / Quando militava nell’Fk Mosca perse due volte con lo Zenit senza mai segnare, stasera cercherà la sua rivincita, magari anche partendo dalla panchina.

Poche ore mancano all’inizio della sfida tra Zenit e Torino, valida per l’andata degli ottavi di finale dell’Europa League. Uno dei possibili protagonisti potrebbe essere Maxi Lopez, non solo perché è l’attaccante granata più in forma in Europa con ben 3 reti messe a segno nel doppio confronto con l’Athletic Bilbao, ma anche perché a distanza di sette anni il bomber argentino ritorna in Russia dove vi giocò per una stagione con la maglia del Fk Mosca.

L’APPRODO – Dopo la non esaltante stagione al Maiorca in prestito dal Barcellona (29 presenza e 2 gol), Maxi il 16 agosto del 2007 fu acquistato dall’Fk Mosca per una cifra pari a circa 2 milioni di euro. Con la squadra della capitale russa l’attaccante argentino giocò per una stagione e mezza (2007-2008), collezionando 22 presenze e 10 reti. La sua breve avventura finì il 13 febbraio 2009 quando fu ceduto in prestito annuale al club brasiliano del Gremio.

LA RIVINCITA CON LO ZENIT – La sua esperienza russa sarà molto importante questa sera visto che ha già affrontato da avversario lo Zenit. Nella sua breve avventura con i moscoviti il biondo attaccante ha affrontato per due volte la squadra di San Pietroburgo, ma purtroppo per lui perse entrambe le sfide senza mai entrare nel tabellino dei marcatori. Quando era ancora tesserato con il club russo ci fu anche un terzo incrocio con lo Zenit, ma Maxi era infortunato e non fu della partita persa nuovamente dalla sua squadra. Dunque un ulteriore stimolo per l’attaccante, che oltre a voler continuare a segnare nella competizione, vuole essere finalmente indigesto allo Zenit.

L’argentino è stato sicuramente il valore aggiunto di questa seconda parte di stagione granata e dopo aver trascinato la squadra verso questi ottavi di finale ora è motivato più che mai a stupire ulteriormente. Insomma dopo la prima rete al Bilbao, che gli ha permesso di essere andato a segno in tutte le competizioni internazionali, la “gallina de oro” ha già nel mirino l’ennesimo tabù da sfatare ed è pronto a far impazzire di nuovo i milioni di tifosi granata.

Ancora non si sa se giocherà o meno dall’inizio, con lui, Quagliarella e Martinez in ballo per due posti, ma anche a partita in corso può rivelarsi un’arma decisiva per il Toro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy