Milan, quante soluzioni

Milan, quante soluzioni

La formazione rossonera si prepara alla trasferta in casa del Toro con un importante rientro in vista. Andrea Pirlo sarà convocato per la gara di domani ma difficilmente partirà titolare, considerato l’equilibrio in mediana raggiunto da Ancelotti con la formula Flamini- Gattuso- Seedorf.
Torna disponibile anche Ambrosini, un’alternativa in più per i tecnico emiliano che però dal 1’…

La formazione rossonera si prepara alla trasferta in casa del Toro con un importante rientro in vista. Andrea Pirlo sarà convocato per la gara di domani ma difficilmente partirà titolare, considerato l’equilibrio in mediana raggiunto da Ancelotti con la formula Flamini- Gattuso- Seedorf.
Torna disponibile anche Ambrosini, un’alternativa in più per i tecnico emiliano che però dal 1’ minuto dovrebbe affidarsi, appunto, ai titolari delle ultime gare di campionato e rilanciare i rientranti nella sfida di coppa Uefa di giovedì prossimo.
Il modulo con cui giocherà il Milan è l’ormai collaudato 4-3-2-1, l’albero di Natale.

In porta l’ex di turno, Christian Abbiati, che dopo un precampionato in sordina si è conquistato l’inamovibilità a scapito di Kalac e Dida.
La difesa a 4 dovrebbe essere composta da Zambrotta e Jankulovski sugli esterni con Bonera e capitan Maldini al centro. Probabile panchina per Kaladze e tribuna per Senderos che finora si è visto davvero poco in campo.
A centrocampo, come detto, dovrebbero partire Flamini sul centro destra, Gattuso davanti alla difesa e Seedorf sul centro- sinistra. A gara in corso sarà quindi la volta di Pirlo: l’andamento della partita stabilirà chi dovrà fargli posto, presumibilmente uno tra Flamini e Seedorf. Nel primo caso aumenterà notevolmente il tasso tecnico ma anche lo sbilanciamento della squadra, con un sacrificio supplementare da parte del centrocampista olandese.

Sulla trequarti gli intoccabili Kakà e Ronaldinho, fiore all’occhiello della faraonica compagine meneghina, che saranno fatalmente gli osservati speciali dalla difesa granata, la quale dovrà essere attenta e concentrata per tutto l’incontro.
In attacco è ballottaggio tra Pato ed Inzaghi. Il brasiliano ha deciso con un tocco sottoporta la sfida dell’anno scorso mentre l’ex juventino ha giocato l’ultima partita, contro il Chievo. Non sembra avere chance di iniziare da titolare, invece, Shevchenko. Sicuri assenti per infortunio Nesta e Borriello.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy