Milan-Torino, in difesa si salva De Silvestri. Ma Mihajlovic chiede ancora di più

Milan-Torino, in difesa si salva De Silvestri. Ma Mihajlovic chiede ancora di più

Focus On / L’esterno ex Sampdoria all’esordio in granata è stato il più positivo nella retroguardia. Mihajlovic però lo conosce e non si accontenta

12 commenti

Domenica è iniziata la nuova stagione calcistica del Torino, i granata hanno affrontato il Milan allo stadio “Meazza” di Milano, dove purtroppo al termine di una gara molto rocambolesca è arrivata una sconfitta per 3a2; decisivo è stato l’errore dal dischetto al 95′ da parte di Andrea Belotti che in precedenza aveva realizzato la rete del momentaneo 1-1. La nota negativa della serata è stata la difesa – ancora un cantiere aperto – che con Moretti e Molinaro ha commesso gravi errori nelle azioni che hanno portato ai gol rossoneri e spesso si è trovata in difficoltà con la velocità degli attaccanti avversari. l’unico promosso all’interno del reparto difensivo è stato il neo acquisto Lorenzo “Lollo” De Silvestri, schierato subito dal primo minuto da mister Mihajlovic.

IMG_5762

DNA TORO – L’esterno ex Sampdoria si è presentato subito in un ottimo stato di forma, disputando una partita di grande ardore e sacrifico e risultando uno dei giocatori più propositivi all’interno della compagine granata. Lo aveva detto presentandosi subito dopo l’arrivo dalla Sampdoria e lo ha dimostrato: De Silvestri ha dimostrato un’intensità e un ardore decisamente da Toro, giocando una buona gara sia in fase difensiva dove con due ottimi interventi – prima su Niang poi su Bonaventura – ha sventato due azioni molto pericolose per i rossoneri, che in fase offensiva rendendosi protagonista di numerose incursioni sulla fascia di sua competenza. Nella ripresa ha subito un leggero calo fisiologico ma la sua prestazione è rimasta più che sufficiente, nonostante dalla sua parte si aggirasse un M’baye Niang che è stato tra i migliori rossoneri . Se il giocatore romano continuerà a mostrare questo grande temperamento, potrebbe presto diventare il nuovo beniamino della tifoseria granata. Molti tifosi granata avranno ancora negli occhi Bruno Peres, quando il pallone arriva a destra: De Silvestri è un giocatore decisamente diverso, ma decisamente abile e adeguato per una squadra che voglia ritagliarsi uno spazio da protagonista in Serie A.

MIHAJLOVIC PRETENDE – De Silvestri unico a salvarsi davvero nel reparto difensivo, quindi: segnali più che positivi per un giocatore con due allenamenti nel gruppo, ma Mihajlovic non si accontenta. Il tecnico serbo in conferenza stampa nel pre-partita ha ammesso di volere ancora di più dal terzino e da Rossettini sotto l’aspetto di alcune interpretazioni e letture difensive. Mihajlovic è un perfezionista e conosce bene De Silvestri, per averlo avuto in precedenza alla Fiorentina e alla Sampdoria, perciò nessuno sa meglio di lui ciò che l’esterno difensivo romano può dare. Se il buongiorno si vede dal mattino, comunque, ci si può attendere un De Silvestri assoluto punto di forza del Torino nei prossimi mesi.

Daniele Delbene

12 commenti

12 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Torissimo - 1 anno fa

    Giocatore senza infamia e senza gloria. Negli anni passati, con Darmian e Peres ci eravamo abituati a livelli decisamente superiori. Insieme a Acquah e Martinez il livello tecnico della fascia destra di domenica era imbarazzante.
    Bisogna essere realistici e smetterla di pensare che avremo un ruolo da protagonista. La squadra va supportata perché quest’anno bisognerà lottare fino all’ultimo per salvarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 1968soulrebe_11 - 1 anno fa

      Concordo, prima di tutto e sempre per la maglia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pimpa - 1 anno fa

    Ragazzi,fate voi,ma suggerisco di non farsi troppe illusioni sugli aggiustamenti tattici da parte del nostro “allenatore”,il quale ha diuturnamente dimostrato di non capire un accidente di tattica,di schemi,di soluzioni tattiche in corsa,per non parlare di bel gioco.
    Il suo “allenare” consiste in volontà,determinazione e pipi ritto,non c’è altro.
    L’ultima partita ha dimostrato che costui non capisce niente in materia di tattica;basta vedere la faccia che ha durante la partita per capire quello che è e quello che può dare.
    Per me,scegliere un “allenatore” come quello è stato dare il colpo di grazia a qualunque velleità di costruzione,crescita e quant’altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. cantante - 1 anno fa

    Domanda, se si gioca in questa maniera NN si rischia di avere sempre parità’ numerica in fase difensiva?
    Chi deve venire a fare il quinto, per ristabilire una superiorità’ numerica? ed evitare di conseguenza di accettare L uno contro uno.

    Per me questo è’ il primo problema che il mister deve risolvere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. 1968soulrebe_205 - 1 anno fa

    Mah…
    Alterno alla volonta di dare fiducia al progetto e al mister ad uno stato d’incomprensione totale su alcune scelte.
    Buttare sti due nuovi titolari già a S.Siro con gente che comunque si è fatta il culo sino ad ora in preparazione equivale a bocciare tutti:
    Bovo che forse come centrale qualcosa di decente l’ha fatto e che come intesa con Moretti è al momento credo sia meglio di Lorenzini, Zappacosta quello che ha fatto De Silvestri avrebbo potuto farlo, forse anche meglio, De Silvestri pesante, senza corsa, con dei tuffi fra uomo e pallone quando non ce la faceva più veramente imbarazzanti. Quindi bocciare la “vecchia uardia” per chi?
    Altra cosa, goal a parte Baselli deve farsi vedere di più quando gioca, ha i tempi giusti sugli inserimenti ed il tiro ma si nasconde, non si propone come dovrebbe, da questo punto di vista Benassi è più proattivo.
    Tante frasi di rito all Miha con il suo “celodurismo”… tanta retorica “granata” per un pubblico che in gran parte non aspetta altro che sentirsi dire le solite cose… Mah… stiamo a vedere, tra voglia di dare fiducia e perplessità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. 12 maratona - 1 anno fa

    Se giochi col 433 che fase offensiva deve fare ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Placebo75 - 1 anno fa

      Evidentemente non hai visto l’esordio di Bruno nella Roma (4-3-3)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Placebo75 - 1 anno fa

    Mah… avrò visto un’altra partita…. A parte che avrà fatto solo 2 allenamenti con noi, ma con la Samp ha fatto regolarmente tutta la preparazione comunque, tornando all’infausta gara, ok che i 3 gol ce li ha fatti Bacca, ma quello che per tutta la partita ha fatto quello che voleva è stato Niang per cui… In fase offensiva poi, non pervenuto.
    Detto ciò, facile che grazie al nuovo acquisto caldeggiato da Miha, dopo Peres si debba salutare anche Zappa… Con queste premesse, il ragazzo non deve ‘salvarsi’ ma fare un’annata che nemmeno Maldini ai tempi d’oro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. torino0405 - 1 anno fa

    Finalmente un vero terzino destro. De Silvestri mi piace, daje Lollo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Pimpa - 1 anno fa

    Una intensità e un ardore da Toro?
    Ma quale è l’intensità e l’atfore da Toro? Sono diverse da quelle della Spal o del Chievo?
    Se un giocatore cerca di fare il suo e di limitare brutte figure senza neanche riuscirci perché Niamg ha fatto il comodo suo,vuol dire che ha intensità e ardore da Toro?
    Fatela finita con questi commenti ridicoli ad uso e consumo degli inetti,fatela finita di usare espressioni ad effetto che si rivelano del tutto inadatte per qualificare gli attuali giocatori e ‘allenatore”.
    Vediamo un po’ dove andremo a finire col serbo e De Siovestri,i due più fulgidi rappresentanti del cuore Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 1 anno fa

      Niang ha fatto il comodo suo quando ci tagliavano fuori con due passaggi in profondità per via di un centrocampo sterile, le volte che ha fatto danni Niang in marcatura c’erano sempre i centrali. Piuttosto una critica potrebbe essere che se sale molto il terzino, la mezzala deve coprire meglio cosa che non è avvenuta con regolarità, tant’è che il rigore del Milan è avvenuto perchè la mezzala (Obi) in affanno e ritardo ha cercato di coprire in extremis incrociando le gambe avversarie con la solita goffaggine.
      Ieri De Silvestri e Baselli sono stati i migliori in campo per dedizione, azioni concrete, salvataggi e proposizione di gioco. Il resto dei granata da insufficienti a parziali sufficienti, incluso Belotti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Luigi-TR - 1 anno fa

    strano che si sia salvato uno dei nuovi arrivato solo da qualche giorno…
    tutti i criticoni la pensano diversamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy