Mondonico: “Sinisa è un allenatore diretto, come lo ero io”

Mondonico: “Sinisa è un allenatore diretto, come lo ero io”

Le parole / L’ex tecnico granata ha parlato sull’attuale allenatore del Torino Mihajlovic

7 commenti

Emiliano Mondonico, ex allenatore del Toro, ha così parlato a GazzaMercato sulla sua esperienza nella panchina granata e sull’attuale tecnico Sinisa Mihajlovic: “Il rigore non dato per fallo di De Boer su Cravero fu un errore troppo grave per non essere segnalato da un gesto plateale. Mi sentii di alzare al cielo la sedia in segno di disdetta; dopo la partita fui squalificato e non l’ho mai potuta scontare perché non ho più avuto la possibilità di allenare una squadra nelle coppe europee. In quella Coppa Uefa noi rappresentammo un’eccezione e per questo avevamo voglia di vincere. Avevo una rosa di ragazzi incredibili: Lentini, Scifo, Marchegiani, Vazquez, Casagrande…insomma avevamo tutto per vincere, ci mancò un pizzico di fortuna in più e un arbitraggio equilibrato. A fine stagione arrivammo terzi e, se fossimo stati nel calcio moderno, avremmo giocato la Coppa Campioni”. Mentre ha così parlato del tecnico serbo: “Per disposizione tecnico-tattica e grinta sono due squadre molto simili. Sinisa è un allenatore molto diretto, come lo ero io. Lui ha dichiarato che se il Torino non arriverà in Europa a fine stagione sarà un fallimento e io concordo con lui. Ha messo subito in chiaro le cose perché crede fortemente nei suoi giocatori e questo è fondamentale. Non sarà semplice per lui raggiungere questo obiettivo, ci sono molte pretendenti, ma ha degli ottimi giocatori come Ljajic, Belotti e Valdifiori che credono in Mihajlovic e nel suo calcio, ha solo bisogno di lavorare in pace e quindi di tempo”.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 1 mese fa

    Se non sbaglio, il Toro due anni dopo, proprio con Mondonico, in Coppa delle Coppe (allora aveva veramente un senso vincere la Coppa Italia!) arrivò fino ai quarti eliminato dall’Arsenal. Con il Mondo il Toro ha vinto il suo ultimo trofeo; il miglior augurio che possiamo fare a Sinisa è che lui sia il prossimo allenatore con il quale il Toro rivince qualcosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granata60 - 1 mese fa

    anch’io ho un’età e mi ricordo tutto, granata60 non è scelto a caso.
    Ho capito quello che vuoi dire, va bene così.
    Mondonico ha sempre detto quello che pensa, poi stiamo invecchiando tutti e mi accorgo ogni giorno di più che la pelle è sempre più granata.
    Sempre Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Leojunior - 1 mese fa

    Ma chi lo tocca… ho solo detto le cose come stanno, visto che ho un’età e me le ricordo. La famosa alzata di sedia del Mondo era dovuta ad una colossale simulazione di Cravero, manco toccato da De Boer. Poi l’anno dopo il toro fece l’UEFA e due anni dopo la Coppa delle Coppe perche vincemmo la coppa Italia (Mondo sempre allenatore)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roxgranata - 1 mese fa

      Ti ricordi male . Mondo nel 94-95 andò all’atalanta ed è vero che non sconto’ mai la squalifica .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Leojunior - 1 mese fa

        Ricordo bene ed infatti nel 92 finale dell’Uefa e terzo posto, nel 93 Vittoria in Coppa Italia, nel 94 Coppa Coppe, sempre con il Mondo. Tra l’altro la finale di SUperCoppa del ’93 la perdemmo a Washingon DC con il MILAN con in porta Galli.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granata60 - 1 mese fa

    Vergogna!
    Il Mondo non si tocca.
    Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Leojunior - 1 mese fa

    Dispiace dirlo, ma caro Mondo hai detto una serie di palle…. Cravero si buttò clamorosamente, De Boer manco lo toccò. A velocità naturale sembrava rigore ma non lo era. Poi le coppe le hai fatte l’anno dopo e due anni dopo…. Mah invecchiando anche I miti diventano rinco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy