Nel 2016 il Bologna ha il peggior attacco: per il Torino l’occasione è ghiotta

Nel 2016 il Bologna ha il peggior attacco: per il Torino l’occasione è ghiotta

Verso il Dall’Ara / I felsinei sono reduci da 3 vittorie dal giro di boa: i granata, in ripresa, possono puntare al bottino pieno

1 Commento

C’era una volta, in quel di Bologna, l’effetto Donadoni. Con Rossi in panchina, la squadra navigava in acque scomodissime, viaggiando alla pari del Verona. Poi, il cambio in panchina, e – caso raro – una svolta confermata dai fatti e dai punti, grazie alle capacità e all’entusiasmo che Roberto Donadoni, di nuovo in pista dopo il fallimento del Parma, è riuscito a regalare all’ambiente.

La sensazione, però, è che una volta raggiunta la metà classifica, i felsinei si siano specchiati nei loro allori, perdendo la cattiveria che era servita per uscire da quella situazione difficile e arenandosi in una serie di risultati modesti. Dall’avvio del girone di ritorno, i rossoblù hanno vinto soltanto 3 partite (Sassuolo, Sampdoria, Udinese), cui si aggiunge, andando a considerare l’anno solare, il successo sul Milan all’Epifania. Troppo poco, per una squadra che sembrava poter ambire a ben altro. Certo, i numeri dicono che il Torino non è messo meglio (anche lui 4 successi dalla pausa invernale), ma il fatto che gli ultimi due siano arrivati nelle ultime due partite non può che far arrivare i granata in fiducia alla sfida del Dall’Ara.

Quel che spicca nel modesto 2016 di Destro e compagni è la scarsa vena realizzativa: nel nuovo anno, il Bologna ha il peggior attacco del campionato, con 12 reti, nella poca onorevole compagnia di Frosinone, Atalanta e Palermo. A salvare la situazione, però, è stata una difesa che ha concesso poco (13 reti, 11 in meno del Torino, che però ne ha segnati 8 in più). La vittoria tra le mura amiche, che il Torino ha riconquistato contro l’Atalanta dopo 5 partite, ai rossoblù manca ormai da 4 turni: un’assenza che inizia a diventare significativa, per una squadra che sembra aver smarrito l’effetto Donadoni che tanto le aveva permesso di sorprendere in autunno avanzato. Per questo, e per molte altre ragioni, il Torino può e deve approfittarne.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. aterreno - 1 anno fa

    Beh dai, vinciamo, come gia’ detto, partita alla portata.

    Con un po’ di fortuna muoverebbe pure la classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy