Palermo-Torino, un pareggio che sa di occasione mancata

Palermo-Torino, un pareggio che sa di occasione mancata

Palermo-Torino 2-2 – L’analisi a mente fredda / I granata si sono visti annullare un gol regolare, ma nel primo tempo sono stati un po’ troppo passivi, permettendo al Palermo di andare in vantaggio per ben due volte

 

La gara tra le due squadre è stata sostanzialmente equilibrata, con un Torino un po’ passivo nel primo tempo, ma arrembante nel secondo, soprattutto dopo l’ingresso in campo di Maxi Lopez.

OK LA REAZIONE, MA.. – Come al solito, va premiata la reazione degli uomini di Ventura: allo schiaffo di Vitiello, i granata sono riusciti a controbattere immediatamente con il fortunoso gol di Bruno Peres, ma ancora una volta manca la lucidità in alcuni momenti chiave del match. Prima della fine della frazione, infatti, Gaston Silva si perde clamorosamente Rigoni, e per il centrocampista è davvero facilissimo appoggiare in rete il nuovo vantaggio rosanero. La reazione del Toro nel primo tempo c’è quindi stata, ma non continuativamente, avendo permesso agli avversari di mettere di nuovo la testa avanti senza opporre particolare resistenza. 

MAXI “SPACCAPARTITE” – E’ lui l’uomo in più di questo Torino, e ci mette davvero pochi minuti a dimostrarlo, mettendo in rete il 2-2 su ottimo cross di El Kaddouri. Dal momento del suo ingresso in campo, infatti, il Torino è sembrato maggiormente coraggioso, cercando più volte quello che sarebbe stato un meritato vantaggio, e le occasioni migliori sono nate proprio dal numero 11 argentino. Dopo il gol del pareggio, infatti, il biondo attaccante prima non arriva per un soffio su un traversone che era solo da spingere dentro, poi è Sorrentino a dire no ad El Galina distendendosi sul primo palo. A 5′ dalla fine, poi, arriva la beffa per il mondo granata: l’arbitro annulla inspiegabilmente un colpo di testa di Maxi su cui il portiere rosanero non può nulla, la partita termina 2-2, con i granata che rischiano qualcosa sul contropiede di Belotti che innesca Dybala, il quale non arriva per un soffio sulla sfera sguarnita. 

Una mancata reazione nel primo tempo, dunque, che poteva costare davvero molto cara agli uomini di Ventura, puniti dall’arbitro con il più che dubbio annullamento del gol di Maxi Lopez, ma consci di avere imparato una lezione: queste sono le partite da vincere, in ogni caso, e per farlo la concentrazione deve mantenersi ad alti livelli per tutti i 90′ di gioco, perché l’Europa – purtroppo – non aspetta nessuno.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy