Petrachi lancia il confronto: “Toro, Ansaldi è più adatto di Zappacosta”

Petrachi lancia il confronto: “Toro, Ansaldi è più adatto di Zappacosta”

Il ds granata ha spiegato in dettaglio l’ultimo giorno di calciomercato, e sul difensore ex Inter ha speso parole importanti e di grande stima: “Può dare maggiore equilibrio alla squadra”

Gianluca Petrachi ha parlato, e lo ha fatto a 360°. Il ds ha spiegato per filo e per segno gli affari e le trattative di quest’ultimo calciomercato granata. Tra i punti più caldi della sua intervista a Torino Channel (leggi qui), c’è sicuramente quello riguardante l’ultimo giorno di mercato, e l’acquisto di Ansaldi – colpo chiuso in tempo record con l’Inter dopo l’addio di Zappacosta al Chelsea.

Il ds granata ha speso parole importanti e di grande stima per il terzino ex Genoa, salutandolo come un giocatore “molto forte, con un’intelligenza tattica superiore alla media, e che paradossalmente potrebbe essere ancora più utile alla squadra, essendo più bravo nella fase difensiva che in quella offensiva”. Ovviamente il direttore sportivo è in qualche modo “di parte” per il ruolo che ricopre, difendendo i suoi affari; tuttavia è innegabile che la cessione di Zappacosta, oltre ad essere stata un ottimo affare per tutte le parti in causa, sia stata compensata in maniera più che degna dal ds granata con l’arrivo di Ansaldi, giocatore reduce sì da una stagione negativa all’Inter, ma profilo internazionale esperto e che ha già saputo far valere la propria forza in Italia e non solo.

Ansaldi e De Silvestri, sulla destra, possono davvero non far rimpiangere Zappacosta per quanto riguarda la tenuta difensiva? Non è impossibile pensarlo. Certo, il Torino ha perso un grande giocatore, ma lo ha rimpiazzato con un elemento più che degno, che – oggettivamente – può garantire, in una squadra iper offensiva come il Toro, un equilibrio importante tra le due fasi di gioco. Ovviamente, sarà la tenuta fisica a fare la differenza, e per questo non resta che sperare nella fortuna e nei muscoli dei due terzini. Quel che è sicuro, è che il Torino è riuscito a completarsi (e a farlo secondo una sua filosofia) anche dopo la cessione last minute di uno dei suoi talenti più cristallini. Per citare nuovamente Gianluca Petrachi, “sarà solo il campo a decidere” 

13 commenti

13 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Héctor Belascoarán - 2 mesi fa

    Intanto Ansaldi ha fatto il suo esordio a Udine ed è stato tra i migliori in campo concedendosi il “lusso” di salvare un gol già fatto a tempo scaduto, regalandoci, di fatto, i tre punti.
    Se il buon giorno si vede dal mattino…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Forvecuor87 - 2 mesi fa

    Almeno stiamo zitti per favore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. tric - 2 mesi fa

    Ansaldi è certamente meglio di Zappacosta a giocare a scopone!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ToroLoco - 2 mesi fa

    Scusat x l iincazzatura mi è partito il commento senza finire.Nel frattempo pperò ho deciso di non scrivere più perche xquel che leggo non ci sono piu parole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ToroLoco - 2 mesi fa

    Io penso caro direttore che tu devi solo vergognarti ad affermare certe cose Ansaldi più adatto di Zappa ? Ma di cosa stai parlando? Adatti sono i soldi che incassate x quanto riguarda Zappa penso dopo aver letto commenti e articoli sui vari siti che abbia fatto bene ad andarsene diciamocela tutta vi e stato ssempre sul c…o questo perché è stato troppo corretto ( amio parere) a voi piacciono g

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. prawn - 2 mesi fa

    Avevo scritto proprio questo un po’ di tempo fa.
    Ci si dimentica facilmente che i sessanta goals dell’anno scorso sono anche dovuti ai laterali difetti difensivi.
    Con due ali alte si ha meno bisogno di terzini offensivi.
    Barreca soffrirà molto anche quest’anno e probabilmente verrà ceduto a fine anno se si continua a puntare su Miha.
    Molinaro andrà alternato proprio perché offre più copertura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ale_gran79 - 2 mesi fa

    Sara’ anche piu funzionale tatticamente, ma io non lo preferisco a Zappacosta. Poi, visto che c’era una montagna di soldi di mezzo, si faccia pure buon viso a cattivo gioco e diciamoci che va bene anche cosi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. maraton - 2 mesi fa

    ansaldi non lo conosco abbastanza per esprimer un giudizio. voglio prima vederlo titolare per 4/5 partite per farmi un’idea, che naturalmente sarà personale. mi auguro che quello che perdiamo in fase offensiva sia controbilanciato a livello difensivo, visto che di gente che attacca ne abbiamo già abbastanza. unica considerazione che ipoteticamente posso fare ad oggi sarà un diverso modo di giocare da parte di iago falque: non più ripiegamenti al limite dell’area per dare una mano, ma posizionato anche in fase di non possesso più avanzato per favorire le ripartenze, visto che nell’uno contro uno difficilmente ti perdona 😉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 2 mesi fa

      Che dici fratello cambiamo lo storico coro. “Dio perdona SALA no”in “Dio perdona IAGO no”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maraton - 2 mesi fa

        come rima ci potrebbe anche stare, ma iago ne deve ancora mangiare di pagnotte per arrivare al livello di SALA!!!
        certo che è un bel giocatore ed è felice di essere al TORO :-)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Vorarlberg - 2 mesi fa

    Zappacosta oome Barreca sono ottimi interpreti come laterali di centrocampo nel 352. Con la difesa a 4 vanno in difficoltá. Spero che Antonio di migliori in difesa, diversamente con questo allenatore sará la prossima cessione illustre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torello_621 - 2 mesi fa

      Sono d’accordo. Per du più, a mio parere, con De Silvestri e Ansaldi entrambi in forma il secondo potrebbe giocare a sinistra, come ha già fatto, rusultando una migliore alternativa a Molinaro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. FVCG'59 - 2 mesi fa

    Come sempre, il campo darà ragione o torto agli auspici qui espressi.
    Certo Zappacosta era più giovane e quindi con possibilità di migliorarsi e crescere come invece Ansaldi ha potuto fare in questi anni; vero è che Ansaldi è noto per la sua caratura tecnica e tattica ma anche, purtroppo, per i ripetuti infortuni (come il il buon De Silvestri): speriamo che, la somma dei due, porti il Toro ad avere un degno sostituto dell’ottimo Zappacosta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy