Primavera, Torino-Genoa: granata al Fila per il riscatto. Occhio all’ex Bianchi

Primavera, Torino-Genoa: granata al Fila per il riscatto. Occhio all’ex Bianchi

Giovanili / Coppitelli vuole una reazione del gruppo dopo il ko di Palermo. Insidia rossoblù: quanti giocatori nazionali

di Redazione Toro News

Dopo la sconfitta di Palermo, è il momento del riscatto per la Primavera del Torino, che scenderà in campo domani (ore 19) al Filadelfia per la seconda giornata del campionato Primavera 1 contro il Genoa, un grande classico del campionato Primavera. Nell’esordio stagionale sul proprio campo, su un campo appena rifatto e in un orario sicuramente inusuale (dettato dalla copertura televisiva di Sportitalia, che quest’anno sarà praticamente integrale), i ragazzi di Coppitelli cercheranno la prima vittoria del campionato, contro un avversario che sicuramente è da prendere con le molle.

COME CI ARRIVA IL TORO – La sconfitta di Palermo di sabato scorso (3-2) è ormai alle spalle e in settimana il tecnico Coppitelli ha puntato tanto sul tasto della concentrazione e della fame da recuperare, per un gruppo che l’anno scorso si è tolto tante soddisfazioni ma non per questo deve affrontare questa stagione con un piglio rilassato. Il trascinatore sarà senza dubbio Vincenzo Millico, già autore di due reti al debutto in Sicilia. In difesa sarà presente Erick Ferigra; là davanti  Coppitelli recupera Djoulou, dopo la squalifica dello scorso turno, e dalla prima squadra potrebbe accogliere anche Vitalie Damascan. “Questo campionato l’abbiamo già fatto l’anno scorso quindi sappiamo quanto è difficile. Domani verrà una squadra molto forte come il Genoa che ha otto nazionali su undici. Dovremo essere bravi per fare in modo di vincerla. Col Palermo penso che abbiamo fatto una buona prestazione, anche se in alcune circostanze non siamo stati attenti. Rispetto a quella gara cambieremo qualcosina, ma l’importante è trovare e mantenere gli equilibri”, ha detto Coppitelli in sede di presentazione dell’incontro.

COME CI ARRIVA IL GENOA – In effetti, il Genoa sarà tutto fuorchè un avversario comodo. E’ rimasto il tecnico della scorsa stagione, Carlo Sabatini, fratello del noto dirigente sportivo Walter. Schiererà una formazione ricca di calciatori che fanno parte di nazionali giovanili: dagli italiani Raggio (difensore ’01 dell’Italia U18), Candela e Piccardo (rispettivamente laterali sinistro e destro classe ’00 dell’Under 19), al portoghese Nunes, fuoriquota ’99 del Portogallo U20, terminando con l’esterno Micovschi, ’99 della Romania U20. E occhio alla coppia d’attacco: dovrebbero essere della partita Leon Petrovic, attaccante ’00 ex Spal che fu ad un passo dal Torino un anno fa, e Flavio Bianchi, ex di turno del match: l’anno scorso 36 presenze e 8 reti nel Toro Primavera che vinse la Coppa Italia. Conosce bene i suoi ex compagni e avrà dato certamente indicazioni al suo Genoa, di cui ha anche vestito la fascia di Capitano. Anche il Genoa arriva da una sconfitta alla prima giornata (1-2 con l’Atalanta, rete rossoblù proprio di Bianchi): al Filadelfia si giocherà per i tre punti, nessuno vuole rimanere indietro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy