Rampanti: “Ci siamo illusi tutti: con questa squadra è proibito gioire”

Rampanti: “Ci siamo illusi tutti: con questa squadra è proibito gioire”

Parola al Mister / L’analisi del nostro Serino Rampanti, che commenta così la sconfitta granata contro il Parma

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Una sconfitta desolante, quella granata contro il Parma. La squadra di Mazzarri è stata insufficiente su tutta la linea, rimanendo sempre fuori dalla partita e dimostrandosi incapace di reagire alla batosta iniziale. Per analizzare il momento granata, abbiamo dato nuovamente la “Parola al mister” Rosario Rampanti.

Serino, difficile trovare parole adeguate per la sconcertante prestazione di ieri.

Reputo questa sconfitta grave e deleteria per tanti motivi. Nello spazio di una settimana si è passati dal grande ed esagerato entusiasmo ad un totale scoramento, non è facile per chi vive intensamente questa realtà (e parlo di tutti) riuscire a capire cosa può essere successo, e quindi trovare spiegazioni esaustive.

Proviamoci.

Si è caduti tutti nel troppo ottimismo nel dopo Samp, facendo troppi complimenti. E parlo dei tifosi, della società, di me stesso anche. Con questa squadra, si deve tenere un profilo non basso, ma di più, “sotto il basso”. Se con i figli si adopera bastone e carota, con questo tipo di giocatori si deve adottare pochissima carota e tanto bastone. Ci serva di insegnamento a tutti, ma proprio a tutti: troppe iniziano ad essere le illusioni, e così si presta il fianco a delusioni cocenti. A scuola, l’allievo più bravo degli altri anche se prende un bel voto all’interrogazione, deve cercare di prendere un voto ancora migliore a quella dopo. Sono banalità, ma fotografano il tipo di soggetti con cui abbiamo a che fare. Se non si avrà continuità di rendimento da parte di tutto l’organico, difficilmente questa squadra potrà arrivare subito dietro le prime della classe, e quindi in EL.

Ieri la squadra è entrata in campo completamente sconnessa.

Un po’ di interviste fa, io ti feci una battuta, dicendoti che avevo visto entrare i giocatori con le cuffiette in campo e che questo mi dava l’impressione che togliesse la concentrazione. Non è che ci facciamo troppo omologare dai tempi che viviamo? A volte, forse, dovremmo omologare i tempi al nostro modo di vivere. Non voglio essere noioso, ma ai miei tempi guai se nel tragitto dal ritiro al campo qualcuno accendeva la radio, non si sentiva una mosca volare. La tensione si tagliava col coltello. Questo tipo di prepartita ti faceva entrare in campo pronto e reattivo, la musica invece rilassa troppo. E questo secondo me è un fatto importante. Bisogna entrare in campo carichi e tesi, perché è la terza volta che si parte con l’handicap in casa. I giocatori devono pensare solo al campo, non agli affari loro prima della partita. Mi daranno dell’antico, va bene, può essere, ma la penso così. E dagli antichi spesso c’è da imparare.

Tra le note più negative, c’è stato un certo tipo di atteggiamento difensivo. E anche i migliori contro la Samp han tradito clamorosamente. Parlo ad esempio di Izzo e Nkoulou…

Han sbagliato entrambi. Sono giocatori che probabilmente non reggono i complimenti. In campo bisogna urlare, lì non c’è proprio stata comunicazione. Non c’era rabbia, quella giusta ansia. Ieri non c’era il Torino. Solo con l’atteggiamento di una settimana fa si possono fare risultati. Invece ieri si sono seduti, è bastato un pochino di gloria e ci siamo cascati tutti quanti. Io stesso avevo parlato di svolta, ma con questa squadra – a quanto pare – ci è vietato gioire. La scorsa settimana ho rimarcato quanto è difficile riprendersi da una grande sconfitta e similemente da una grande vittoria, e infatti… Deleterio vincere tanto, deleterio perdere tanto… A qualcuno si è inebriato il cervello.

Contro la Fiorentina, il Toro era andato subito sotto ma aveva reagito con le idee. Ieri la reazione è stata arruffona e inconcludente.

La squadra non è rimasta unita e compatta, ma c’è sicuramente un perché determinante. E secondo me l’episodio di De Silvestri è gravissimo,e tutti quanti lo han sottovalutato perché la squadra ha giocato male e l’allenatore è stato accusato di piangeria, e quindi ha preferito non calcare la mano su questo. Ma quella roba lì è gravissima, quasi da espulsione. La partita è fatta di episodi, e poteva cambiare anche se iniziata malissimo. Troppe volte certi episodi ci puniscono pesantemente, e se non si fa notare è grave. Lo si deve fare per forza. Non ci sono attenuanti, ma quella punizione può cambiare l’andamento del gioco e della gara. La squadra ha poi continuato con quel ritmo, l’allenatore si è arrabbiato e i cambi personalmente mi hanno fatto inc****re non poco, mi han lasciato basito.

In effetti, senza voler trovare alibi, l’ennesimo errore arbitrale è abbastanza desolante.

Il fatto di essere sempre accusato di piangeria ha fatto sì che Mazzarri non si lamentasse. Perché lo faccio notare? Perché con un episodio le partite possono cambiare, e troppo spesso noto che cambiano sempre a nostro sfavore. Eravamo in difficoltà, ma faccio notare che quando altre squadre si trovano in difficoltà (e capita a tutte prima o poi), quasi sempre (più sempre che quasi) vengono “aiutate” a venire fuori da questi momenti negativi. Il Torino mai.

Da Soriano a Zaza, le delusioni sono state numerose.

Se segui le trasmissioni sportive, i grandi intenditori di calcio han sempre detto che il Torino è una grande squadra perché “può permettersi di lasciare fuori Zaza e Soriano”. Ecco, dopo la gara di ieri, trai tu le conclusioni. Se questo è il potenziale maggiore che apportano i due soggetti, beh, è desolante. La sconfitta è talmente brutta che adesso c’è da rimettere tutti i tasselli a posto, è qualcosa di dirompente. L’entrata di Zaza mi ha fatto imbestialire, in particolare quando ha perso la palla in mediana e non ha manco rincorso il giocatore, e tra poco prendevamo gol. E’ una roba gravissima, da squalifica. Quando qualcuno entra deve spendere il doppio degli altri, io capisco che questo è arrivato con tutta la sua fama, ma il suo valore per ora rimane solo sulla carta.

Come si esce da questa situazione?

E’ dura adesso, il compito di Mazzarri non è affatto semplice. Finora ho sempre visto nei cambi di Mazzarri una marcia in più, questa partita mi ha dimostrato che non c’è stato nessuna svolta dai cambi. Da Soriano dall’inizio, all’entrata di Zaza o di Berenguer, a cui i complimenti han fatto male, le sostituzione han diminuito il potenziale della squadra, ed è la prima volta. Non ci voleva, è vero che c’è tempo per riflettere per tutti quanti, ma forse sarebbe stato meglio riprendersi subito. Due settimane sono lunghe e possono aumentare le tensioni. Queste cose che sono capitate possono lasciare scorie, e lì ci vuole un grande lavoro di tutti quanti.

Questa sconfitta ridimensiona le ambizioni granata?

In questi ultimi anni sono maturate molte aspettative intorno alla squadra, vuoi per i commentatori, vuoi perché si sente palpabile nel tifoso la voglia di progredire, di volere assolutamente raggiungere obiettivi nuovi. Ma adesso il malessere dell’ambiente è concreto. Però la società ha capito questo stato d’animo dei tifosi, già lo scorso anno. Come ha cercato di provvedere? Prendendo un allenatore che ha credenziali importanti, che ha fatto la Coppa Campioni come solo Rocco e Radice nella storia granata. Oddio, ci sarebbe anche da nominare Zaccheroni, ma al Torino diciamo con un eufemismo che non si è trovato proprio a sua agio. Ad ogni modo, tutti quanti stanno cercando di fare il massimo, ma lo scoramento che ho visto in Mazzari sabato nel post-partita mi fa toccare una realtà che deve mettere in guardia.

70 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. phi52 - 2 mesi fa

    mi sembra condivisibile un’unica considerazione: restiamo con i piedi per terra! questa squadra non è fatta da fuoriclasse ma neppure da bidoni, se ci mettono tutti un po’ più di cuore (e di palle) qualche buon risultato si può fare.
    quanto all’allenatore, lasciamolo lavorare, tanto dobbiamo tenercelo per un bel po’.
    una lezione che invece vorrei imparassero i nostri dirigenti: basta acquisti last minute, l’anno scorso ci siamo beccati Niang, un disastro, quest’anno Zaza e Soriano, dopo 12 giornate non sono ancora all’altezza delle aspettative. Quanto dobbiamo ancora aspettare perché siano pronti?
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. marcohelg_385 - 2 mesi fa

    daccordo con rampanti vietare le cuffie con la musica da quando escono dal ritiro fino a fine partita bastasse solo questo ok ma intanto è qualcosa visto i problemi mentali dei giocatori e poi disfarsi di mazzarri che non riesce a giocare con 3 attaccanti(2/5)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. marcohelg_385 - 2 mesi fa

    tanto l’argomento del giorno quando il toro perde o fa cagare è tirare la croce addosso a zaza e soriano che benìinteso hanno le proprie colpe ma un buon l’allenatore deve essere psicologo è da quando è arrivato zaza che il mister non lo ha accolto bene a disquisito su mancini che lo faceva giocare, in una conferenza stampa a detto a ragione o no..(ditemi voi chi levo per far giocare zaza e soriano)altre volte ha commentato polemicamente quando lo ha messo a partita iniziata ecc…io non vorrei visto che entra in campo quando siamo con l’acqua alla gola che (sbagliando ovvio!)giochi un po cosi’come dire non al massimo(grave!),ma l’errore a monte è di mazzarri che non sa gestire certi giocatori(vedi i primi mesi con ljaic)io credo che quando ha un problema con un suo giocatore non deve parlare e crocefiggerlo in conferenza stampa ma semplicemente attaccarlo al muro nel chiuso delle mura,perche poi i giocatori te le fan cagare(sbagliando ma lo fanno!)mazzarri inadeguato non si puo’ paragonare a gasperini che fa un gioco d’attacco tutto grinta e fosforo l’atalanta a mio parere eccetto gobbi e napoli se la gioca alla grande con tutti… magari fossimo noi cosi’!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Vanni - 2 mesi fa

    Mazzarri è il Gattuso del grande Milan, buono se deve rompere gioco, ma come rubava palla la dava a Pirlo se no la buttava fuori. Non sapeva che farsene du quella cosa rotonda. Mazzarri è uguale, solo che non ha Pirlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Vanni - 2 mesi fa

    A Mazzarri è sconosciuto il gioco in attacco.
    Se siamo quarti fuori casa e sedicesimi in casa qualche motivo ci sarà.
    Gioca di rimessa quando lo atraccano.
    E se ci aspettano che fa? I famosi ultimi 15 minuti di Sinisa: 6 attaccanti a far casino. Solo che invece di limitarsi a 15, siccome non ha altre idee, propone il casino almeno 30 minuti. Stratega eccelso, ma per giocare solo in trasferta.
    Comunque non c’è da preoccuparsi, con costui una bella media inglese, al contrario: tra ottavo e decimo posto non ce lo toglie nessuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Bravo Federico…condivido al 100 per cento quanto hai scritto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Federico Granata - 2 mesi fa

    Ieri ho visto l’Atalanta.
    E penso che possiamo essere vicini a quel modello.

    Mazzarri vale senza dubbio un Gasperini, che ricordiamoci, è uscito ai preliminari di Europa League.
    Mazzarri è uno che ha centrato la Champions con Pandev perché gli avevano venduto Lavezzi.

    Dobbiamo prendere i Meité e non gli Zaza, dare fiducia al tecnico perché possa costruire un ciclo ed essere vicini alla squadra anche nei momenti difficili, mettendo la giusta pressione.
    L’Atalanta un mese fa aveva 6 punti, ora 18.
    Noi possiamo fare lo stesso.

    Avanti Mister, gioca chi merita, chi entra come ha fatto Zaza sta fuori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 mesi fa

      E si, ma glielo dici tu a Cairo che li deve tenere fuori? Compralo tu il Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Federico Granata - 2 mesi fa

    Condivido tutto, Serino.
    È una grossa delusione, ma io credo che abbiamo tutto per ripartire.
    Mi piacerebbe solo vedere meno tifosi e giornalai che scrivono che Zaza deve giocare.
    Zaza non deve giocare, sta avendo ragione Mazzarri a tenerlo fuori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. alrom4_63 - 2 mesi fa

    Siamo sempre tutti qui a rimestare nella pentola granata sperando di cavarne qualcosa di buono . Tra le altre cose non so quanti tra noi siamo realmente informati sui fatti . Ad esempio per quanto riguarda le 2 sole Zaza e Soriano siamo proprio certi che li abbia voluti Mazzarri ? Oppure li deve subire ed ogni tanto mandarli pure in campo ? E’ facile sparare al manovratore ma non sempre ha tutte le colpe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Ora tutti a esaltare Gasperini che però ricordo ha perso in casa con cagliari e samp, e quando noi ci abbiamo pareggiato a bergamo pure lì tutti a infamare mazzarri, pareva ina vergogna aver fatto solo un punto a bergamo…chiedetelo agli interisti se ieri un punto a Bergamo lo avrebbero preso o se gli faceva schifo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Anche una settimana fa dopo la samp ricordo i tantissimi che qui lucidamente contestavano il mister senza farsi incantare dalla vittoria sulla samp

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. GlennGould - 2 mesi fa

    E anche lui cade nel catastrofismo. Alla ripresa del campionato si vince a Cagliari, nuovo balzo in classifica, e mi chiedo cosa scriverà a quel punto.
    In una settimana, da grandi, squadra rivelazione, Sconcerti che ipotizza il quinto post,siamo passati a squadra con problemi difficili da risolvere.
    Le montagne russe, a confronto sono senza curve.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Si conterosso mi ricordo che il giorno che comprammo zaza e Soriano tu e tanti altri qui lo avete scritto che avevamo preso due bidoni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Tarzan - 2 mesi fa

    Serino forse per la prima volta trovo la sua analisi incompleta. Col Parma la squadra era messa male in campo, i giocatori si “schiantavano” contro il muro eretto dal Parma con i trequartisti soriano e falque palesemente non in grado di inserirsi tra le linee avversarie e i centrocampisti(con iago) che facevano uno stucchevole gioco in orizzontale. Gli unici, rari, lampi sono venuti dalke sgroppate di Aina. Io stimo Mazzarri, ma secondo me stavolta la sconfitta ha lui come principale responsabile. Semplicemente ha toppato completamente l’approccio tattico, sembrava la squadra di Mihajlovic sconclusionata e senza idee. Dopodiché amen, si è fallita una grandissima occasione ma ora bisogna smettere di deprimersi perché è controproducente. Certo anch’io, che ripeto stimo Mazzarri, sono ammirato da quello che riesce a fare Gasperini a Bergamo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Conterosso - 2 mesi fa

    Mazzarri è il primo responsabile specialmente per le scelte fatte in sede di campagna acquisti (vedi Liajc, e gli acquisti di Zaza e Soriano che sembrano essere fuori dal progetto tecnico). Uno degli altri motivi delle continue partite inguardabili che facciamo, è semplice: la squadra è formata da giocatori mediocri. Magari quest’anno si è più presenti dal punto di vista fisico (ma vale solo per Meitè), ma con la cessione di Liajc, a centrocampo, abbiamo perso tantissimo in qualità e personalità. Mettiamoci anche che Mazzarri pur di portare avanti il suo credo calcistico sarebbe capace di far giocare Sirigu tornante e Belotti stopper, e le varie frittate sono servite

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Via Mazzarri che già a livorno, reggio samp e napoli ha dimostrato di non capire una mazza, io punterei su zeman cosi ci divertiamo, oppure se non hanno impegni da qui a natale su novellino o mihailovic che già conoscono l’ambiente. Ottimi longobe nicola, esperti di salvezze perché a noi giusto un salvatore ci vuole…ma con la s maiuscola…amen

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. MM64BB - 2 mesi fa

    Escluse Juve e Napoli non vedo squadre che “volano”.
    Nonostante i ns alti e bassi siamo a 2 vittorie dalla Champion!!! E in 5 punti ci sono almeno 8 squadre.
    C’è un appiattimento che porterà a molti scontri diretti e conseguentemente ci sono tempi e modi per recuperare questo passo falso.
    Basta che la smettiamo di fare vaccate (specie in difesa).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Conterosso - 2 mesi fa

      MM64BB sono anni ormai che siamo a 2 vittorie dalla Champions!! Alla fine però arriviamo sempre decimi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MM64BB - 2 mesi fa

        Vero, ma sono anni che siamo senza un allenatore, quest’anno la squadra secondo me ha iniziato ad avere un gioco. Poi ci facciamo del male con delle cavolate in difesa e iniziamo a farfugliare (Napoli, Bologna, Firenze, Parma).
        Sarò ottimista ma mentre gli anni scorsi in questo periodo davano il massimo per poi sparire (0 preparazione), quest’anno credo che terremo bene e anzi possiamo crescere, Soriano e Zaza non sono questi e credo li vedremo più avanti.
        Si si … sono ottimista .. ma a gennaio sapremo chi veramente siamo e dove potremo arrivare.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. dattero - 2 mesi fa

    Granata,da uomo intelligente quale sei,spiegami perche’ puoi avere il mister che vuoi in panca,ma il risultato è sempre campionato finito a gennaio?
    Tu sei per cairo,blandamente e lo motivi,io contrario,ma pure io spiegando il perche’,quindi il dialogo c’e’,poi,roba non da poco abbiam frequentato l’ambiente.
    Siam sempre li,sempre,bojafauss,è endemico
    Poi Soriano,ennesima dimostrazione di lassismo,vivaddio,ma come puoìuno dopo mesi,esser ancora in quello stato?uno che arriva e non supera i test fisici?
    Un ds veramente inetto,prende uno al volo,mollato da una societa’ come fosse un offerta da discount..ma come puoi credere ad una societa cosi? lo sai no,che in passato han seguito dei giocatori su you tube dei giocatori?un caro saluto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Maroso - 2 mesi fa

      Io credo che Cairo sabato non c’entri assolutamente. Mica era lui in campo. Partita preparata male e iniziata peggio. Ecco che così non si va avanti. Cuffiette in testa non van bene? E allora perchè nelle Olimpiadi stanno per vietarle, quasi come il doping? Rosario, Rosario …. Sono d’accordo invece sul più bastone e meno carota. Sono d’accordo con l’ innesto di un Team Manager di provate capacità granata che qualcuno ha segnalato a più riprese. Un leader in campo con le palle? Baselli? Può darsi se manterrà l’ atteggiamento che aveva sabato in campo, e se si ricordasse di essere Bergamasco.Ma queste sono chiacchiere da bar…. Vedremo Mazzarri cosa farà, sempre che non si sia sc…..nato abbastanza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Maroso - 2 mesi fa

      Io credo che Cairo sabato non c’entri assolutamente. Mica era lui in campo. Partita preparata male e iniziata peggio. Ecco che così non si va avanti. Cuffiette in testa non van bene? E allora perchè nelle Olimpiadi stanno per vietarle, quasi come il doping? Rosario, Rosario …. Sono d’accordo invece sul più bastone e meno carota. Sono d’accordo con l’ innesto di un Team Manager di provate capacità granata che qualcuno ha segnalato a più riprese. Un leader in campo con le palle? Baselli? Può darsi se manterrà l’ atteggiamento che aveva sabato in campo, e se si ricordasse di essere Bergamasco.Ma queste sono chiacchiere da bar…. Vedremo Mazzarri cosa farà, sempre che non si sia sc…..nato abbastanza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Massi Cairo manda via Mazzarri, ci sono Juric e Ballardini liberi, che aspetti ? Guarda che il real madrid te li frega…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

      C’ è anche Davide Nicola, libero, giovane, in gamba e grandissimo cuore Toro. Porterebbe una grande ventata d’aria nuova!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Bischero - 2 mesi fa

    Luna. Mazzarri ha girato izzo con djidji… Ok. Fra l altro izzo a Genova ha giocato li più volte e il ruolo é lo stesso. Solo a sinistra del marcatore. Ma meité era squalificato. Che doveva fare. Mettere lukic? Avrebbe fatto meglio di baselli? Non credo. La partita é girata male dietro in fase difensiva. E l approccio offensivo ne é stata una conseguenza. Per recuperare nel secondo tempo il mister ha buttato in campo tutto cosa aveva per recuperare e si é fatto solo confusione. Noi se andiamo sotto facciamo fatica a recuperare. I limiti li abbiamo dietro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. luna - 2 mesi fa

      Buongiorno, si credo che Lukic doveva prendere il posto di Meité e Baselli doveva rimanere nel suo ruolo, più vicino alle peunte.Per Soriano non aggiungo altro, aspettando di vederlo in condizione.
      Il Toro ha subito una rivoluzione e Mazzarri ha fatto un lavoro straordinario, ma i risultati sono ancora discontinui,e credo sia fisiologico.
      Quindi gli equilibri del Toro non sono ancora solidi e in una questa situazione direi delicata, ha voluto secondo me strafare e, sottovalutando il Parma ma soprattutto il nostro possibile calo di tensione, ha creato confusione con le se pur piccole varianti.
      Poi sul provare a vincerla, aggiungo che Miha ci ha insegnato che non si può vincere per forza solo perché mettiamo in campo 11 attaccanti.
      Se non prendiamo atto degli errori del Mister e scarichiamo sulla squadra entreremo presto di nuovo in un vortice che ci fará sprofondare molto in basso.
      Spero che la sosta risolva I problemi, perché voglio divertirmi guardando il Toro…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. gpmorano - 2 mesi fa

    Caro Serino, è da quando vestivi la maglia granata che ti apprezzo come sportivo e come giocatore. Dici cose sagge ma, come musicista, vorrei pregarti di non avventurarti più nel campo delle “cuffiette” perché si vede che non hai competenza. Ti ti assicura che ogni giocatore ascolta solo musica di quel tipo? La musica è una scienza, come i colori nei vari reparti ospedalieri. C’è la persona che ha bisogno di rilassarsi e quella che ha bisogno di caricarsi. Non sappiamo cosa ognuno stia ascoltando. E poi… prima della partita con la Samp puoi scommettere che ognuno ascoltava la stessa musica. Lascia perdere l’argomento cuffiette, ti prego.
    Piuttosto… d’accordo l’enorme divario tra le nostre prestazioni, ma vogliamo considerare che in campo vanno due squadre? Perché non poniamo l’accento sul fatto che la Samp ha giocato in modo indecente (ogni granata aveva ampi spazi per far girare la palla) mentre il Parma, e i risultati in trasferta parlano, ti asfissia in marcatura e non ti lascia spazi. Per cui non mi esalto per Genova e non mi deprimo per domenica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. luna - 2 mesi fa

    Troppe responsabilitá attribuite alla squadra inteso a quelli che scendono in campo e poche al Mister, questa volta non sono d’accordo.
    Il Parma é venuto a Torino pronto a scontrarsi con il gruppo forte e sicuro visto a Genova.
    Noi siamo scesi in campo forse troppo rilassati e sicuri, ma é mancato Meité a tenere compatto il centrocampo e il resto del disastro é stata tutta opera dei cambiamenti tattici del mister, vedi lo spostamento di Izzo, l’inserimento di Soriano che detto da Mazzarri non é pronto (aggiungo ancora?) per finire con le sostituzioni, che ci hanno tagliato le gambe.
    La squadra senza i suoi riferimenti si é smarrita e non é riuscita ad esprimere il suo potenziale.
    Le scelta dell’arbitro potevano forse regalarci un pareggio, ma la gara non l’ha vinta il Parma l’ha persa il Toro e soprattutto il Mister con buona parte delle responsabilitá.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. fabio.tesei6_456 - 2 mesi fa

    Cairo approfitta della sosta per mandare via sto fallito della panchina ormai i giocatori non seguono più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. fabio.tesei6_755 - 2 mesi fa

    Cairo approfitta della

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. granata - 2 mesi fa

    Non voglio vantarmi, ma dopo la vittoria contro la Sampodira ero stato forse l’ unico su questo forum a scrivere che era meglio “stare con i piedi per terra”, non esagerare con i superlativi. Oggi leggo che Rampanti parla di “troppi complimenti” ed “esagerato entusiasmo” e mi sento confortato. Sì, perchè questa squadra ha ancora dei difetti pesanti. Il peggiore, come scrivono altri amici tifosi, è il non saper lanciare la punta o le punte per vie centrali. Il gioco fluisce solo e soltanto dalle fasce dove spesso molti palloni sono poi buttati, spesso a casaccio, in mezzo all’ area. A ciò si aggiunga che in mezzo all’ area manca chi li prenda, perchè Mazzarri insiste nello schierare una sola punta, costringendola olttretutto a continui movimenti e arretramenti. Quando poi mette la seconda punta, i due, privi di totale affiatamento perchè giocano pochissimo insieme, si ignorano o si pestano i piedi. Leggo sulla Stampa che Mazarri avrerbbe detto a Zaza al momento di mandarlo in campo: “Voglio che giochiate uno addosso all’ altro e addosso vi devono arrivare i palloni dalle fasce…”. Se ciò fosse vero (dubito che il giornalista si sia invetato del tutto una frase virgolettata), ci sarebbe da riflettere molto sull’ acume tattico del nostro tecnico. Le due punte devono sapersi muovere in modo sincronico, non starsi addosso, ma incrociarsi anche per aprire varchi per i centrocampisti. Siamo all’ Abc del calcio.
    Detto questo, questa stagionew sta pagando, caro Rampanti, il profondo contrasto fra società e allenatore sulla campagna di rafforzamento. Era inevitabile. Se la prima inverste risorse economiche su due giocatori di buon livello (almeno per noi) come Zaza e Soriano, il tecnico dovrebbe studiare un modulo che li prevedesse, insistere per sfruttarne al meglio le loro caratteristiche. E invece che cosa fa? Dice che questi due gli stravolgono le sue convinzioni tattiche, che il loro inserimento dovrà essere molto graduale e, quindi, in sostanza li emargina, salvo ricorrervi quando ha il cappio al collo. Ma il risultato è che, inevitabilmente, sono ancora due corpi estranei. A ciò si aggiunga qualche trovata tattica sbagliata, come invertire il ruolo a Izzo e Djidji e buttare alla rinfusa giocatori in campo per cercare di rimediare a una partita in cui la semplicità tattica del Parma (oltre al goal altre clamorose occasioni da goal) che schierava due punte era molto più efficace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Bischero - 2 mesi fa

    Il cocchiere avrà anche fatto la coppa dei campioni ma chi tira la carrozza? Sirigu? Poi….la squadra é moscia. Ci sono buoni giocatori. Cé anche un po di qualità. Si é messo quest anno un po’ di muscoli e cm. Il prossimo anno si aggiungano dei leader. Nei titolari ovviamente. Servono i purosangue serino. Servono i purosangue.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. dattero - 2 mesi fa

    mi son permesso di leggere attentamente i commenti.
    ieri ho ballonzolato sui siti,visto il grigio pomeriggio e alcune opinioni mi trovan molto in sintonia.
    La prima riguarda il capitano:qualcuno ha scritto che è inamissibile dichiarare che son entrati in campo con poca cattiveria,quando era proprio un match dove gli occhi di tigre eran obbligatori.
    Ho condiviso anche un’opinionista che ha detto che la squadra entra in campo,ma è un ambiente che prepara la partita,qua invece che dichiarazioni improntata a grinta cuore importanza dekl match,la proprieta’ha fatto minimalismo,ambiente scarico,squadra scarica,evidentemente!
    Rampanti è sempre stato un diplomatico,lo ripeto,ha pure svolto compiti di assessorato a Moncalieri,è un politico,diciamo cosi,è filosocietario,ma stavolta,pur spezzando qualche lancia,ha messo pure dei tackles
    Soriano imbarazzante?se era buono,rimaneva dov’era,ma un rendimento cosi negativo,svogliato,è un offesa il pubblico,uno cosi fuori rosa,o strappi il contratto per scarso rendimento.
    Su zaza vale la mia antipatia personale ed umana vs il soggetto,quindi non sarei obbiettivo,ala e berenguer son giocatorini che se trovan tatticamente da esprimersi fan bene,se trovan difficolta’ si perdono,mediocri come tanti.
    L’ambiente conta,il farti sentire parte di qualcosa,è importante,questa ha permesso di veder Giacomini salvarsi con decoro con una banda di ragazzotti,di arrivar secondi con Pileggi Beruatto e Sclosa,non propriamente dei Modric,direi.
    Con gli arbitri proteste vane,di poca sostanza,quando protestavan dirigenti veri,come Emilio Venezia,le cose cambia vano,anche li,eravam saccagnati,ma c’era un limite,pero quello era il Toro,quello vero,non questa triste parodia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. chiarafederica.marian_995 - 1 mese fa

      sono Chiara, la nipote di Emilio, è stato bello sentirlo ricordato così…proprio come lo ricordo io.
      grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Sarebbe divertente ripubblicare i commenti di molti tifosi scritti l’ultimo giorno di mercato, all’annuncio degli acquisti di Zaza e Soriano, il più pessimista parlava di miglio campagna acquisti di Cairo di tutti i tempi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Ma si mandiamo via Mazzarri, facciamo come il Genoa che cambia allenatore ogni settimana, così si fanno gli squadroni. Anche i bambini lo hanno capito che l’ultimo dei problemi di questa società è l’allenatore, ma leggo di molti tifosi che scambiano il calcio con la playstation.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. albgior_216 - 2 mesi fa

    Il Torino potrà fare tra 41 e 60 punti, collocandosi tra il 7° e il 12° posto, confermandosi società di II fascia, con l’obiettivo di mantenersi stabilmente nella massima serie, tra le prime 10 squadre su 20.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. FVCG-70 - 2 mesi fa

    La prestazione (o meglio la “non prestazione”) di sabato mi ha lasciato basito.
    Non avrei maie poi mai immaginato di perdere con il Parma dopo la prestazione di Marassi.
    Alcune considerazioni:
    – Se i giocatori entrano in campo “distratti” Mazzarri siamo proprio sicuri che non ne può niente???
    – Nel secondo tempo mi è sembrato di rivivere i tempi di Mihailovic: l’allenatore non sa più cosa fare e butta dentro attaccanti a go-go… Risultato? Un tempo intero senza fare un tiro pericoloso… Bah…
    – Massa: noi abbiamo fatto pena, ma l’episodio su De Silvestri è da radiazione (idem per il guardalinee che era lì) e il recupero di 4 minuti dopo i parmensi hanno iniziato a perdere tempo dal primo minuto???
    – Ultima considerazione, quella che più mi fa male…pareva quasi che i nostri si fossero venduti la partita…
    Un incubo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. user-13814870 - 2 mesi fa

    ….se uno è forte aveva modo di farcelo vedere. Parigini ogni volta che gioca ..qualcosa.di bello e giusto lo fa. Ma lo mettiamo troppo poco. E poi bisognerebbe dilungarsi su tante altre cose ma io non sono un allenatore e saprà lui.già col Cagliari come non sbagliare. Purtroppo noi tifosi siam delusissimi. comunque sempre Forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. user-13814870 - 2 mesi fa

    avete ragione tutti. Abbiamo ragione tutti. La dirigenza deve scendere negli spogliatoi e dire ad alta voce che il nostro obiettivo è l’Europa e non la mediocrità da metà classifica. Devono essere sempre pungolati compreso l’allenatore. L’Atalanta ha un punto più di noi. Ma ora son tante le partite positive, c’è un altra grinta un altra mentalita . Mazzari ha parecchie responsabilità con il Parma. A Zaza abbiam dato mezzo tempo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Scott - 2 mesi fa

    Io aspetto ancora che qualcuno, più capace di me, spieghi perchè questa squadra non riesca a far gioco dalla 3/4 in su. Perchè sia capace solo di allargare il gioco sulle fasce. Perchè crea occasioni da gol solo sulle ripartenze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Conterosso - 2 mesi fa

      Semplice… Manca Liajc, o uno con le sue caratteristiche

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. drino-san - 2 mesi fa

    La scorsa partita eravamo da champions, dopo questa siamo da salvezza. Ma ho una strategia innovativa: leggo toronews solo quando vinciamo, così andiamo in champions

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Toro71 - 2 mesi fa

    Se in panchina continuerà a esserci “piangina Mazzarri” difficilmente potremmo gioire!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 2 mesi fa

      Non esageriamo. Non possiamo cambiare mister ogni 12 mesi e tra l’altro in giro c è ben poco. E poi è troppo comodo. Si è presentato asserendo di essere un tecnico preparato e con 20 anni di esperienza. Tra gli allenatori della sua fascia è uno dei meglio retribuiti dunque che si dia da fare. Prenda a calci i giocatori se serve ma dimostri sul campo di essere ciò che ha detto perché se la squadra non gioca bene o lo fa qualche volta non può essere solo un problema di giocatori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. vittoriogoli_98 - 2 mesi fa

    Serino fra le righe lo ha detto: siamo quelli lì. Abbiamo sei squadre inarrivabili davanti e non guardiamo la differenza di punti oggi,appena il doppio impegno sarà terminato ci sarà un fossato a dividerci.
    Giochiamo guardando all’immediato ,sapendo perfettamente che anche quest’anno giocheremo per la coppa del nonno, giochiamo quindi cercando di divertire e crescere.
    Nothing more.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

      …nothing less!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. fratto - 2 mesi fa

    Rampanti è un vero granata. Se lo si condivide poco perchè quello spirito si stà perdendo anche tra i tifosi del Torino.In effetti non ci sono più gli uomini di un tempo. Anche solo di ambizioni personali questi ne hanno poche. Se prima erano pochi degni della maglia granata adesso sono pochissimi. Tra questi metterei Sirigu e De Silvestri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. Leo - 2 mesi fa

    Le cose peggiori le abbiamo fatte in casa: Roma, Napoli e Parma. Per le partite in casa propongo ritiro pre-partita : giocare tutte le partite “come se” fossero trasferte. Forse aiuta, chissà …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

      E se travestissimo tutti i tifosi del Toro con i colori della squadra avversaria di turno?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. SiculoGranataSempre - 2 mesi fa

    Ciao ragazzi. Oggi è un duro risveglio! Sto cercando di capire cosa succede a questa squadra.
    Ho sempre pensato che se uno fa una cosa anche solo una volta, vuol dire che la sa fare e può rifarla. Le partite con la Viola e la Samp hanno dimostrato che possiamo fare certe cose e quindi non riesco a capire come si può in una settimana fare l’esatto contrario (non può dipendere insomma solo da Meitè). Ho 50anni, tifoso da 45 e di Toro ne ho visto. Adesso vorrei buttare lì un nuovo argomento che spero possa aprire un dibattito diverso. Forse l’ambiente Toro per i giocatori non è poi un bell’ambiente. Siamo una squadra gloriosa con una storia unica. Veniamo da anni difficili e fintanto che la squadra non ha ambizioni perchè costruita per galleggiare o salvarsi, allora i giocatori sono tranquilli e giocano come giocano Cagliari, Spal, Genoa, Udinese etc. Fanno la partita ma senza pressioni eccessive perchè intorno a queste squadre al limite c’è solo una piccola preoccupazione salvezza. Quando invece la squadra sente che è vicina a fare il salto, perchè dimostra (Inter, Fiorentina, Samp, Roma, etc.) che sa fare certe cose, allora comincia a sentire intorno le aspettative dei tifosi, della Società, della Città e anche dei media. Sanno che sono costretti a fare bene per confermare e soddisfare le aspettative e perchè sono lì lì per regalare all’Italia un toro con il ruolo che merita e che ha occupato per decenni e decenni. E forse questo traguardo è troppo grande da sopportare mentalmente. Le gambe non rispondono, la paura di vincere forse li attanaglia e succede ciò che è successo. Con una vittoria della Lazio sul Sassuolo potevamo essere sesti, ma soprattutto oggi il mondo avrebbe potuto dire: il Toro è tornato! Troppa grande questa responsabilità forse per questi giocatori. Ma se così fosse davvero, chi può e deve intervenire sono la Società e l’Allenatore e quest’ultimo non può giocare con un 4 1 5 solo per dimostrare che vuole vincere!!!Il Toro dalla prossima deve giocare ogni partita come se fosse la prima e non l’ultima. Deve giocare ogni partita per voler ricominciare, senza pensare a quella precedente o a quella successiva. Io ho visto Atalanta, Fiorentina e le altre giocare. Nel complesso non ci sono superiori per uomini e qualità ma giocano sereni anche se con grinta e corsa. Uniti ( a parte la Viola ove Il cholito e chiesa si pestano i piedi) e determinati su ogni palla. Ma sereni. E noi tifosi dovremo fare la nostra: in questa fase i fischi non servono, secondo me. Ognuno di noi come può forse deve lasciare tranquilla la squadra e ridimensionare senza rabbia le nostre pretese. Tutti uniti per una rinascita vera. E infine in relazione a chi cita l’equazione soldi spesi-risultati faccio ricordo
    i casi Atalanta e Milan. E Gasperini che ad agosto piangeva perchè la squadra si era indebolita. Per i nostri obiettivi questa compagine andrebbe bene. E il resto che non va. Scusate la lunghezza del testo. FVCG Sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. prawn - 2 mesi fa

    Molto male non criticare Mazzarri Serino, mi aspettavo di più da te

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

      e quando mai!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. Mario66 - 2 mesi fa

    Ieri l’arbitro ha sicuramente sbagliato diverse volte e sempre ha sfavore del Toro ma purtroppo ieri avremmo perso in ogni caso. Non sono d’accordo con il discorso della musica anche se penso che un mental coach capace farebbe molto comodo a questa squadra. Mi spaventano le dichiarazioni di Serino in quanto lo considero un esperto del mondo del calcio. Sembra che non ci sia rimedio nel breve medio termine. Allora devo incominciare a farmene una ragione e non sarà facile da ammalato cronico di Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. Seagull'59 - 2 mesi fa

    …segue
    Ola Aina: sei giovane, un fisico strapotente, ma le partite si devono giocare tutte, non una si, una no. Chi te lo deve insegnare? io no di certo.
    Soriano: incommentabile. Dopo 3 mesi in una condizione fisico atletica imbarazzante: ma chi lo deve vedere (tutti i giorni) non lo vede? in panca fino a condizione decente.
    Iago: uno dei pochi che salta l’uomo ma sarebbe ora che il destro non lo usi solo per camminare, altrimenti rimarrai un campione incompleto…
    Belotti: ti fanno fare troppe cose, l’attaccante e il difensore; ora stai ritrovando anche la forma ma si deve chiarire di più e meglio cosa devi fare in campo.
    Zaza: vedi Soriano… imbarazzante
    Berenguer: come Ola Aina…
    Mazzarri: rilassati un po’. Troppo teso, troppo esagitato in campo: ci vuole la calma dei forti per avere la lucidità necessaria a capire se e cosa bisogna fare in campo e fuori… ce l’hai molto ma molto dura.
    Scusate lo sfogo ma la delusione è ENORME!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. Seagull'59 - 2 mesi fa

    La ricerca continua di scuse (le cuffie, la musica, l’arbitro, il VAR) danno l’esattezza dimensione di questa squadra e società: mediocre, autolesionista e concentrata a contemplarsi l’ombelico.
    Vogliamo parlare di errori? ce n’è per tutti, se si è onesti, quindi meglio non parlarne.
    Sirigu: 1° gol sul suo palo e anche sul 2° non irreprensibile; poi fa tre interventi da campione ma correggiamo gli errori
    Izzo: ha la palla nei piedi N’Koulou, cosa vai a toglierla, regalandola a loro che hanno fatto gol? non sai giocare a sinistra? problema serio: tuo e di chi ti fa giocare lì (Mazzarri) non l’avete mai provato in allenamento?
    Djidji: idem come sopra. Mai fatto in allenamento?
    N’Koulou: partita meno lucida del solito ma ne avessimo come te
    De Silvestri: non è che hai aiutato molto Djidji sulla tua fascia. Difendere è solo più un hobby per te?
    Rincon: tanta corsa, pressing ma anche palle perse e due completamente ciccate (una per tempo) da “scapoli-ammogliati”. Con un centrocampo senza qualità, non si va da nessuna parte.
    Baselli: ci metti sempre un po’ ad entrare in partita ma poi ieri il tuo l’hai fatto. Peccato non riesci quasi mai a finire le partite (atletica?)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 mesi fa

      Il secondo gol inglese l’ha messa nel 7 e nessuno al mondo avrebbe potuto prenderla.
      D’accordo invece sul primo, se Gervinho segnava sul secondo palo nessuno avrebbe detto nulla mentre il primo palo è zona sua

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. user-13780428 - 2 mesi fa

    D’accordo con Pesce, Gasperini fa giocare veramente bene la squadra, allenatore preparato niente da dire. Anche De Zerbi appena ha avuto una squadra decente sta dimostrando di essere capace, Longo fa giocare una squadra pietosa (che cmq ci ha dato del filo da torcere a torino)……chiaramente non si può attribuire ogni male a Mazzarri, ci mancherebbe, ma lui è molto scarso e i suoi limiti stanno venendo tutti a galla purtroppo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Concordo su tutto. Giocatori senza mentalità vincente, allenatore che sbaglia i cambi e arbitro che ci bastona.
    Un miracolo che ne abbiamo presi solo due.
    I giocatori sono indifendibili: tra approcci sbagliati e cali di tensione ormai hanno dimostrato di essere dei perdenti.
    L’allenatore ieri ha sbagliato, si è fatto prendere dal nervoso ma sta lavorando bene. Lo considero comunque una garanzia.
    Gli arbitri ci stanno affossando, non è un caso ma un preciso diktat. Evidentemente ci temono ma dopo questa partitaccia si è capito che siamo forti solo sulla carta e quindi credo che d’ora in poi dovrebbe andare meglio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. robertozanabon_821 - 2 mesi fa

    What you see is what you get. Quello che vediamo è quello che c’è. Non ci sono fuoriclasse incompresi o Maghi in panchina. La Società non ha la forza del Real Madrid e gli incassi sono quello che sono. Capisco. Ma il grido di dolore è questo: con quello che c’è, si poteva e si doveva fare meglio ? Certamente sì, ma la questione è un’altra. Visto che il Torino non riesce mai, se non in rarissime occasioni, a esprimere il 100% del suo potenziale, dovrà necessariamente aumentarlo in modo considerevole. Se si costruisce un Torino da 60 punti, il Torino ne farà 50. Se si costruisse un Torino da 80 punti, probabilmente ne farebbe 70, sufficienti per l’Europa League e anche per qualcosa in più. Il salto di qualità và fatto nelle scelte di base e non nelle speranze mal riposte in soggetti inadatti al raggiungimento di qualunque obiettivo. La Società deve fare uno sforzo. La qualità si compra e si paga. Non tutte le scommesse si vincono e affidarsi agli azzardi della fortuna, o al riscatto di qualche Zombie, non porta da nessuna parte. Specie se ci chiamiamo Toro. Le ambizioni e di conseguenza i risultati, si fondano su una determinante e feroce volontà. Di tutti. Altrimenti la parola d’ordine sarà: arrangiatevi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BIOFA70 - 2 mesi fa

      Hai fotografato perfettamente gli anni di Cairo…che tornati stabilmente in serie A con una gestione della società senza spina dorsale dove tutto si decide a Milano con Petracchi e chissà chi.La nostra cairese rimarrà sempre in un limbo di mediocrità generata da improvvisazione e niente cuore con qualche plusvalenza e nulla più.Dopo 18 anni ho rifatto l’abbonamento ma mai pensavo di buttare via così malamente soldi e prezioso tempo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. user-13974210 - 2 mesi fa

    Non dobbiamo crearci aspettative da questa squadra, solo così non si rimane scottati…..pensare all’Europa con questo gruppo di giocatori sopravvalutati è pura utopia….anonimato…. ecco cosa ci aspetta anche quest’anno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. Granat....iere di Sardegna - 2 mesi fa

    Mi spiace ma non concordo. La musica non centra nulla. Tutti i giocatori la ascoltano ma non per questo entrano in campo come i nostri. Magari occorre cambiare musica e spartito, non solo nelle cuffie. Quanto alla piangeria di Mazzarri essa è nota da tempo e non riguarda solo gli errori arbitrali, c è un ampio repertorio sul web in merito. Ieri semplicemente il mister ha evitato di citare episodi sfavorevoli a fronte di una prestazione sconcertante. È stato opportuno e intelligente perché è vero che il Toro è stato penalizzato non poco però è anche vero che non può essere sempre e solo quello il motivo, c era tutto il tempo per rimediare. Non ci siamo riusciti, il vero problema è questo. Infine veniamo al discorso delle sostituzioni che hanno fatto arrabbiare. Qui invero la teoria è piuttosto singolare. In buona sostanza se i cambi cambiano la partita è merito di Mazzarri, se i subentrati fanno pena la colpa è dei subentrati. A me piacerebbe qualche volta, visto che la rubrica da la parola ad un tecnico, leggere qualche riflessione o parere sugli aspetti tattici delle scelte di Mazzarri, anche per potermi fare una idea più compiuta, visto che tecnico non sono. Del resto in questa sede lo si faceva continuamente quando c era un mister non gradito. Persino questa volta che il mister (e gli fa onore) ha ammesso pubblicamente le sue colpe, si scarica tutto sui giocatori, titolari e riserve, come se in campo li avesse messi l uomo invisibile. Si potrebbe avere anche un’analisi tattica dell andamento della partita, delle contromisure adottate dagli avversari, di che cosa tatticamente non ha funzionato per portarci a questo risultato? Il Toro rispetto alla precedente stagione è più o meno allo stesso punto con un allenatore diverso e una rosa migliore, possibile che l’anno scorso era tutta colpa di miha e quest anno è solo colpa dei giocatori?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. user-1196220 - 2 mesi fa

    Mazzarri è un somaro, e tanti giocatori sono dei criceti. Schifo totale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  51. user-13658508 - 2 mesi fa

    con quello che vengono pagati li metterei sotto il pezzo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  52. Pesce - 2 mesi fa

    Per l’ennesImo anno Gasperini sta facendo grandi cose con una rosa di giovani e meno importante della nostra. È sempre un caso o la mano (la bravura) dell’allenatore conta?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pesce - 2 mesi fa

      Ah dimenticavo, e ogni anno gli vendono Caldara, Gagliardini, Spinazzola e Cristante

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  53. lello - 2 mesi fa

    Per me il Toro ha una buona squadra, ma deve avere fame di vittoria, quella che avevano i giocatori del Parma (così si entra in campo).
    Se si criticano i singoli giocatori facciamo solo del male alla nostra squadra.
    Fiducia in Mazzarri, e non aver paura ad alternare giocatori, e rischiare dal primo minuto i giovani. Molte volte sono loro a portare un pò di entusiasmo e vitalità a tutta la squadra, e noi ne abbiamo.
    Forza Toro, rialziamoci subito- (Quindici giorni amari)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  54. Pesce - 2 mesi fa

    Stranamente condivido quasi tutto.
    Ma darei qualche responsabilità in più a Mazzarri se non riesce a tenere i giocatori sul pezzo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy