Scudetto del 1915 alla Lazio? Anche Torino e Inter potrebbero rivendicarlo

Scudetto del 1915 alla Lazio? Anche Torino e Inter potrebbero rivendicarlo

I biancocelesti non erano in finale nazionale al momento dello stop del campionato, così come il Genoa. E anche se oggi la Federazione si esprimesse a favore dei laziali, questo non costituirebbe un precedente utile ai granata per il caso “Allemandi”.

Cairo Tavecchio Lotito

Oggi pomeriggio la commissione federale riunita in Lega è chiamata ad esprimersi riguardo all’assegnazione dello scudetto 1914/15. I dettagli del caso sono abbastanza noti: la Lazio pretende che quel titolo – attualmente al Genoa – sia da assegnare ad entrambe le squadre, visto che proprio i biancocelesti – a quanto dicono gli stessi – avrebbero dovuto giocare la finalissima nazionale contro i liguri (presunti campioni settentrionale), ma tutto saltò causa guerra. Tuttavia, l’intreccio è ben più complicato di così, e nella querelle potrebbero infilarsi anche Inter e Torino, e – a pienissimo titolo – mettere becco su quell’assegnazione. Ma andiamo con ordine.

LE FALLE LAZIALI – Prima di tutto, la Lazio – al momento del blocco del campionato – non si trovava ufficialmente in finale nazionale. La formazione biancoceleste, infatti, avrebbe ancora dovuto misurarsi con la vincente del girone meridionale, ovvero una tra Internazionale Napoli e Naples. I legali laziali liquidano questa questione opponendo una presunta squalifica federale comminata allora alle formazioni partenopee per tesseramenti irregolari, ma le cose non stanno affatto così: le finali meridionali tra Internazionale Napoli e Naples, infatti, furono annullate (in data 30 aprile 2015) e fatte ripetere, e la (seconda) partita di andata si disputò pure (3-0 per i primi), senza che nessuna squalifica definitiva fosse mai emanata dalla Federazione nei confronti delle due società (come testimoniano, tra l’altro, le foto d’epoca raccolte dai colleghi del Fatto Quotidiano). Lo scoppio della guerra, poi, impedì lo svolgimento della gara di ritorno, ma una cosa pare lapalissiani: la Lazio non era in finale nazionale al momento dello stop del campionato. In ogni caso, gli aquilotti avrebbero dovuto prima incontrare uno tra Internazionale Napoli e Naples.

TORO E INTER – E il Genoa? Il Grifone era effettivamente campione del girone nord e quindi in finale Nazionale? No, non era né una né l’altra cosa. O meglio: lo era se si considera definitiva la classifica al momento dell’interruzione, ma questa di definitivo non aveva un bel nulla. Il Torino, infatti, si trovava a 2 punti dal Genoa, e l’ultima giornata in calendario, in quel maggio 1915, aveva in programma proprio la sfida tra granata e rossoblù: se il Toro avesse vinto, sarebbe potuto arrivare dritto in finale, potendo contare su una gara di andata trionfale (6-1 ai liguri). La Prima Guerra Mondiale, però, interruppe i giochi, e anche l’Inter fu danneggiata: allo stesso modo del Torino, infatti, i nerazzurri avrebbero potuto conquistare la finale settentrionale, battendo il Milan – per altro già fuori dalla lotta scudetto – proprio in quell’ultima giornata mai disputata. Inter e Torino, insomma, avrebbero gli stessi diritti della Lazio (che, lo ricordiamo, avrebbe dovuto ancora giocare lo spareggio centro-meridionale per dirsi in finale) di rivendicare quel tanto conteso titolo.

Tra 1919 e 1920, la Federazione fu chiamata a pronunciarsi sull’assegnazione del titolo 1914/15, e scelse il Genoa, allora primo in settentrione, come soluzione più semplice ma probabilmente non “più giusta”. Quel titolo lo avrebbero potuto ancora vincere in sei squadre (Inter, Torino, Genoa, Lazio, Naples e Internazionale Napoli) ma per “semplicità” fu assegnato a chi era primo al momento dello scoppio della Grande Guerra, a nord.

In sostanza, se la Lazio – che ufficialmente non era qualificata per nessuna finale nazionale – richiede l’ex aequo di quello scudetto, Inter e Torino potrebbero muoversi per fare lo stesso. Tuttavia, pare abbastanza ragionevole pensare che quel titolo sarebbe dovuto rimanere “non assegnato“, vista l’impossibilità di decretare un vincitore “oggettivo”. I granata, dalla loro, sono impegnati in un altro caso, riguardante questa volta uno scudetto revocato, quello del 1926/27 (che in Francia, invece, assegnano ai granata), ma il caso laziale non si presta come paradigma in questo senso: diversamente da quanto si è detto, infatti, i due casi fanno parte di  fattispecie giuridiche diverse, e anche in caso di vittoria della Lazio per quanto riguarda lo scudetto 1915, questa non si presenterebbe come precedente utile alla causa granata. Ma approfondiremo anche questa questione nei prossimi giorni, su queste colonne, quando si saprà qualcosa di probabilmente definitivo sul caso Lazio-Genoa, paradigmatico di un Italia che – a volte – tende a dimenticare, e ad approssimare per difetto.

Si ringrazia per la collaborazione, e per il prezioso materiale fornito, il ricercatore Mario Fadda.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxmurd - 10 mesi fa

    Ma come la Lazio non era in finale nazionale… ma da dove li tirate fuori certi ragionamenti?!?!

    Posto che la Lazio mi sta anche sulle bal, quando si sospende si SOSPENDE, e la classifica è quella lì! Noi eravamo secondi e poco importa se mancava una partita!

    Per me è giusto che lo scudetto venga assegnato a entrambe, Genoa e Lazio, senza inventarci Razzate inutili!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. KuL4 - 10 mesi fa

      “quando si sospende si SOSPENDE, e la classifica è quella lì” questa è una cosa che al calcio proprio non si puo applicare.
      Non è un ragionamento ma un dato di fatto. Bastano 5 min di ricerca on line per trovare le statistiche di quel campionato. ne il genoa ne tantomeno la lazio erano arrivate alla finale. La lazio, che aveva vinto il girone centro. doveva ancora giocare la finale contro la squadra del sud, quindi contro la vincente di naples-inter napoli. mentre il genoa non aveva ancora nemmeno vinto il girone nord. sia l’inter che il toro potevano raggiungere il genoa all’ultima giornata. Detto questo l’errore era stato assegnare lo scudetto in primo luogo al genoa, ma ora dopo 100 anni tocca metterci una pietra sopra, altrimenti, visto che sono 6 le squadre che avevano possibilita di vincere lo scudetto (due delle queli poi fuse nel napoli) lo scudetto va dato a tutte. darlo alla solo lazio sarebbe solo un atto di forza per un capriccio di lotito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Jone - 10 mesi fa

    Ma chi se ne fotte! Pensiamo all’Europa League domani invece che agli scudetti di 101 anni fa.
    Il passato si deve tenere nel cuore, ma gli occhi vanno sempre sul futuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy