Torino, la società adotta le nuove “Condizioni di Gradimento”

Torino, la società adotta le nuove “Condizioni di Gradimento”

Con l’obiettivo di “promuovere un nuovo modello di gestione delle competizioni sportive” da condividere con i propri spettatori, il Torino FC adotta le “Condizioni di gradimento”

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Il Torino FC rende note le “Condizioni di gradimento” per la prossima stagione sportiva, ma cosa sono precisamente? Le condizioni di gradimento sono delle norme integrate al regolamento d’uso, utili per stabilire i principi etici e comportamentali da adottare allo Stadio, in particolare al “Grande Torino”. Un’iniziativa degna di nota che è utile alla tutela di un ambiente che prima di tutto è un luogo di aggregazione e integrazione. Nella nota ufficiale si comprende quanto l’obiettivo sia la promozione di un modello di gestione della competizione sportiva che recuperi una dimensione sociale del gioco del calcio, eliminando le differenze tra i gruppi e gli individui anche per facilitare la presenza delle famiglie. Qualora non dovessero essere rispettate tali disposizioni il Torino FC si riserva di non vendere il tagliando di accesso a persone “non gradite” proprio a causa di queste violazioni.

LEGGI: Le “Condizioni di Gradimento” del Torino FC per la stagione sportiva 2018/2019

DI SEGUITO IL COMUNICATO UFFICIALE:

“Ai sensi dell’art. 12 del Codice di Giustizia Sportiva della F.I.G.C. (come modificato dal Comunicato della F.I.G.C. n. 15 del 7.03.2018) e della Circolare della F.I.G.C. dell’8.05.2018), la società Torino FC ha adottato le presenti “Condizioni di Gradimento”.

A partire dalla prossima stagione la società Torino FC SpA intende promuovere un nuovo modello di gestione delle competizioni sportive, con l’obiettivo di recuperare la dimensione sociale del gioco del calcio, inteso quale strumento di formazione ed educazione ma anche di aggregazione ed integrazione, anche attraverso il superamento delle differenze tra individui o gruppi.

Mediante le “Condizioni di Gradimento”, che si integrano con il Regolamento d’Uso dello Stadio Olimpico Grande Torino, la Società intende condividere con i propri sostenitori e con tutti gli altri partecipanti i principi etici e comportamentali a cui si riconosce valore primario, così come le misure e le iniziative che saranno intraprese dal Torino FC nei confronti di coloro che dovessero tenere comportamenti in contrasto con le relative previsioni o che comunque possano ledere l’immagine o la reputazione del Torino FC.

Tutti i Destinatari sono tenuti a rispettare le Condizioni di Gradimento e il Regolamento d’Uso, che costituiscono parte integrante e sostanziale del regolamento contrattuale tra la Società e ciascun partecipante.”

31 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13653020 - 5 mesi fa

    Gent. mo verarob
    ho una certa età ma sarò sempre ultras. andrò sempre in curva e respirero’sempre il fumo dei fumogeni……..La curva deve tornare agli ultras ……..Per gli altri c’è posto nei distinti.!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fuser90 - 5 mesi fa

    Fratelli voglio solo dirvi una cosa,queste regole valgono per tutta la serie A,non solo per noi siccome la tessere del tifoso è cessata a giugno,comunque questo provvedimento qui è illegale,cioè se fossimo a venaria,e fossimo tifosi della gobba,la juve potrebbe dire che non entri,in quanto stadio di proprietà,dopodichè non possono piovere i daspo emessi dalla società direttamente(come ho letto in qualche articolo)
    v faccio un esempio:accendo un fumogeno o butto una bomba carta e mi riprendo in foto/video e la posto sui social e torno dopo due settimane allo stadio non possono impedirmi l accesso perchè.
    -A La società non può condurre indagini è compito della magistratura attraverso le forze dell’ordine
    B-Non puoi allontanarmi dallo stadio se non c è stato un processo in cui il GIUDICE emette il DASPO su di me,altrimenti diventa quello che in gergo forense è conosciuto come”Processo all intenzioni”in quanto non si può emettere nessuna sentenza senza un processo ,ne la società può sostituirsi alla magistratura,prevedo tanti rimborsi del effeci l anno prossimo…
    C-si chiama stadio Comunale Olimpico Grande Torino,non stadio cairocom la7stadium
    Stanno provando a regolamentare tutti gli spazi di aggregazione,se ci riusciranno con lo stadio lo faranno con lle piazze,non bisogna cedere a questi ricatti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Il "Se" di Kipling - 5 mesi fa

    Vorrei far presente una cosa IMPORTANTE che sembra sia sfuggita ai voi fratelliche se si scarica il pdf delle “condizioni di gradimento”

    All’Art.1 a:
    (a)
    adottare manifestazioni espressive di insulto o di
    offesa, o
    inneggianti alla violenza o alla discriminazione pe
    r
    qualsiasi
    motivo, in occasione di eventi o
    manifestazioni pubbliche e/o
    sui “social media” (inclusi, a titolo esemplificati
    vo e non
    esaustivo, blog, network professionali, network azi
    endali,
    Forum su internet, social gaming, social network, v
    ideo
    sharing, virtual world, ecc.);

    Mentre dibattete sulla bonta’ o sulla originalita di queste nuove regole, vi siete persi una cosa importante, questa cosa puo’ essere usata a piacimento, a differenza della regola negli stadi.

    “adottare manifestazioni espressive di insulto o di
    offesa” su blog o forum, puo’ essere applicato a discrezione. Capite bene?
    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. One plastic - 5 mesi fa

      Interessante la precisazione…ma già con i ban è così.
      Pensiero unico , panino con salame e via..forza cairese FC.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. verarob_701 - 5 mesi fa

    divertenti certi commenti……
    andiamo con ordine…
    -Queste condizioni di gradimento non sono state inventate dal Torino FC, ma sono sul regolamento ufficiale
    -Secondo ciò che riporta l’articolo, il Torino non èla prima società ad aderire,
    – non far entrare ” tifosi” che portano multe alle società, non lo ritengo poi così illogico, e anche nella stagione scorsa sono stati diversi i presidenti che lo hanno fatto notare
    – anche senza queste condizioni, se la presidenza di qualsivoglia società volesse non far accedere qualcuno, credo possa farlo o senza motivazioni, come a quasi tutti è accaduto in discoteca, oppure per le infrazioni che tutti allo stadio compiono regolarmente, vedi non sedere al proprio posto….

    detto ciò credo che questo comunicato serva solo a ricordare alcune cose…per il criterio con cui verrà applicato vedremo…se poi come in un commento precedente lo stadio è un posto dove non guardare la partita, bastonare chi non si alza,respirare i fumogeni e dove si va per picchiarsi…allora sono regole assurde

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Abramovich in Curva Primavera (carlo) - 5 mesi fa

      Infatti, @verarob, occorrerà anche capire il grado impressionabilità può avere un ragazzino a sentire un coro contro la squadra/società. Perché il coro di pretesta non è roba per le famiglie. E’ come andare al cinema e c’ è gente che fischia. I racconti che sento da chi va allo stadio è roba di una gravità incredibile e assurda, e succede SOLO A TORINO SPONDA GRANATA. Per il resto, tutto ok.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Abramovich in Curva Primavera (carlo) - 5 mesi fa

    Al di là del solito “frustrati” spuntato dal nulla senza che nessuno avesse ancora detto nulla (“frustrati” sono, ovviamente, immagino, come al solito gli anticairo (o sono “falliti” o “depressi” o “frustrati”, in genere, nel copione base giornaliero a gratis), non ho sentito molte voci a favore di questa cosa. Ma cos’è, siete in imbarazzo?, vi mancano le idee?, avete il pollice a superficie rovinato? cosa avete che non va, fratellini?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13653020 - 5 mesi fa

    ricorrere una curva dove:
    si andava per tifare e non guardare la partita
    chi stava seduto o non gridava veniva preso ad astate
    i soldi frutto delle vendite sciarpe veniva speso per la coreografia
    Dove chi vendeva gadget erano nuove leve e non una pensionata che sembra mia nonna
    Dove il fumogeni lo respiravi
    Dove fuori la curva l’ospite non passava
    Dove aspettavi i gobbi alla fermata del 10
    Dove gli ULTRAS erano ULTRAS

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. One plastic - 5 mesi fa

    Quest’anno più che mai contando gli abbonati presenti allo stadio si conteranno veramente i seguaci di questa caricatura che loro chiamano Torino FC e noi invece cairese FC.
    Vedremo dai 60000 di Torino mantova quanti se ne sono persi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. One plastic - 5 mesi fa

    INcredibile, l’ultimo tentativo del nano di massificare il tifo e renderlo omogeneo e accontentista rispetto lo squallido spettacolo che la sua truppa offre.
    Dovremmo essere noi a sottoporgli le condizioni di gradimento a questo impostore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. RobertoDs63 - 5 mesi fa

    Vabbè… è già tanto che non ha chiesto a chi fa l’abbonamento di tatuarsi un cuore con le iniziali UC all’interno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mauri - 5 mesi fa

    Ma di cosa parliamo? Di una societa’ che ha infiltrato in Maratona un gruppo di calabri ex gobbi (sapete tutti di chi parlo..) che esibendo “il ferro” ne hanno preso possesso. Una societa’ che l’anno scorso, al primo striscione di contestazione (e nulla piu’, tra l’altro pietoso) ha chiuso il Fila ai tifosi fino alla fine del campionato. Per Cairo il tifoso e’solamente una foca che deve pagare,applaudire e farsi andare bene tutto. Altrimenti fuori dai coglioni.
    Mi sembra abbastanza evidente.
    Questa e’ la normalizzazione, la pax Cairota.
    Merda

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Baveno granata - 5 mesi fa

    Anche il dissenso verbale non è più tollerato allo stadio,evidentemente vuole trasformarlo in un cinema dove chi osa alzarsi viene buttato fuori. Comunque Bello sentir parlare di principi etici una società,con al timone colui che in passato ha chiesto il patteggiamento per falso in bilancio e appropriazione indebita.
    Fossi in lui sarei più attento alla campagna abbonamenti,ma comunque non si deve preoccupare,le migliaia di tifosi che prendono le distanze da questo personaggio,disertano lo stadio da qualche anno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Mauri - 5 mesi fa

    Traduzione: Se contesti ti sbattono fuori. Ormai sono troppi i segnali di insofferenza dei tifosi(ad es. le mail alla biglietteria).La societa’ha capito che tira aria brutta e risolvera’ il problema sbattendo fuori i tifosi non allineati. Chi urlera’ Cairo vaff… sara’allontanato.
    Daltronde, se pensate alla risposta che ha dato la biglietteria ai tifosi che le hanno scritto le email di protesta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Veyser - 5 mesi fa

    A me basterebbe già riuscire ad andare allo stadio con mio figlio e non dover litigare sul posto assegnato o perché fumano laddove è vietato… Lo stadio non è Porto Franco…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mauri - 5 mesi fa

      Sono daccordo. Tuttavian nutro dei dubbi che queste “condizioni” servano a quello.
      Mi sanno piu’ di avvertimento per eventuali ribelli non allineati alla societa’. Spero di sbagliarmi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. PatSala58 - 5 mesi fa

    Toh, la versione di bracciamozze dell’ostracismo ateniese! Ma c’era da aspettarselo, le avvisaglie c’erano tutte già l’anno scorso. Per me non cambia comunque nulla, visto che sono anni che non gli do più un centesimo. Venga a darmi il daspo in casa mia, intanto che guardo le partite del Toro in streaming, così avrò la lietissima occasione di comunicargli personalmente il mio “gradimento” nei suoi confronti. Roba da repubblica delle banane! Scommetto che oggi le guardie presinienziali si limiteranno ad usare i pollici, per evitare di dover giustificare una simile iniziativa. Sarebbe troppo difficile perfino per loro!

    P.S.: Ostracismo = Bando che colpiva, nell’antica Atene e nelle città che ne imitavano la costituzione, il cittadino ritenuto pericoloso per la sicurezza dello stato; detto così dal frammento di terracotta ( óstrakon ) sul quale il nome del concittadino inviso veniva scritto da coloro che votavano nell’assemblea popolare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Giankjc - 5 mesi fa

    Torino città pacifica, tifoseria non violenta da molti e molti anni quindi se l’obiettivo è portare allo stadio la gente granata fai una squadra competitiva altrimenti è un regolamento per scegliere una clauque da operetta a comando.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iard68 - 5 mesi fa

      E ti pareva che non c’era il fenomeno che bla bla bla… Commento patetico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PatSala58 - 5 mesi fa

        E tu chi sei? Il capo claque? O il fornitore di panini?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. RobertoDs63 - 5 mesi fa

          No è soltanto un soldatino delle truppe scelte…quelle che applaudiranno a comando….un signorsi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Giankjc - 5 mesi fa

        Uno della claque, sicuro.
        Prezzo scontato?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Mauri - 5 mesi fa

        Arrivano i pretoriani..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      4. Baveno granata - 5 mesi fa

        Altro giro,altro papa boys

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      5. RobertoDs63 - 5 mesi fa

        Chi sei uno degli applauditori a comando?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

    OTTIMO. Rendiamo lo stadio un luogo dove si vada volentieri coi propri figli e mogli. Le frange di frustrati e violenti, che si nascondono dietro alcuni gruppi organizzati, devono sparire.
    ARIA PULITA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RobertoDs63 - 5 mesi fa

      Vuoi svuotare la maratona?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. dattero - 5 mesi fa

    ipocrisia e vilta’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Giankjc - 5 mesi fa

    …”SOCIETÀ TORINO FC SpA intende promuovere un nuovo modello di gestione delle COMPETIZIONI SPORTIVE”…

    UN OSSIMORO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. IlGrandePolicano - 5 mesi fa

    Lo spacciano come un modo per rendere lo stadio un posto per famiglie.
    Negli USA è effettivamente così: là se a una partita NBA o NFL ti alzi e urli insulti o bestemmie in 10 secondi arrivano quelli della sicurezza e ti portano fuori, non importa chi sei o che posto occupavi. Nei casi più gravi scatta una specie di daspo e non ti lasceranno mai più entrare (lì non si scherza, ecco perché è rarissimo che succeda qualcosa: i biglietti costano come l’oro e hanno questo sistema).
    Nel nostro caso temo ci sia un secondo fine. Traduco: se vai allo stadio e urli qualcosa che non piace al presidentino, gli steward ti buttano fuori, ti segnalano e non ti lasceranno più entrare in futuro.
    Zero contestazioni (…se mai ce ne sarebbero state).
    Cordialmente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Toser - 5 mesi fa

    In poche parole al 4 5 a 0 della Juve ci alziamo e applaudiamo L avversario . Cairo sei un grande

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy