Torino, ancora un pareggio: i granata hanno bisogno di una svolta

Torino, ancora un pareggio: i granata hanno bisogno di una svolta

Approfondimento / La squadra di Mazzarri è di nuovo in cima alla classifica della Serie A per i pareggi: continuare a pareggiare non aiuterà

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino di Walter Mazzarri ha colto un punto dalla sfida contro la Spal di Semplici: un punto che può essere positivo perché muove la classifica, ma sa senza dubbio di occasione persa, considerato che i granata, con una vittoria, avrebbero raggiunto la zona Europa, visto il rallentamento delle dirette concorrenti per l’Europa League. Ma il Torino non è la prima volta che si trova in situazioni come questa, e andrebbero risolte per progredire.

SPAL v Torino FC - Serie A

PAREGGI – Pareggiare contro un’altra squadra ha due aspetti: da una parte non hai perso, hai guadagnato punti e tutto ciò ti ha permesso di muoverti in classifica non restando fermo. Tuttavia quando si parla di un pareggio come quello di ieri, il Torino lo può considerare come un mezzo fallimento, perché l’obiettivo principale era quello di vincere, non quello di non perdere. Seguendo questa filosofia diventa un grande rallentamento per il Torino.

Toro in testa alla classifica dei pareggi: come l’anno scorso e quello prima ancora

“PAREGGITE” – Perché pareggiare contro una squadra non è un crimine, ma i troppi pareggi rischiano di buttare via una stagione: infatti lo scorso anno, e quello prima ancora, il Torino è stato primo in classifica per i pareggi, riducendosi a metà classifica in zone anonime. Anche in questa stagione, grazie al pareggio contro la Spal, il Toro è in testa a questa speciale classifica, insieme alla Fiorentina (che ha esattamente gli stessi punti dei granata): per poter puntare all’Europa è necessario interrompere questo andamento.

25 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. IlTOROSIAMONOI (CAIROVATTENE PETRACHI BAUBAU) - 3 mesi fa

    LA SVOLTA SI CHIAMA MAZZARRI A CASA PETRACHI DISOCCUPATO E TORO IN VENDITA

    QUESTA E’ LA SVOLTA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. SiculoGranataSempre - 3 mesi fa

    Troppe svolte! Abbiamo girato di 360° e siamo al punto di partenza. :-)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Simone - 3 mesi fa

    X la svolta c’è bisogno di una cosa sola:
    ESONERO DEL PIANGINA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. "Ho visto cose che voi umani non potreste neppure immaginarvi: gobbi piangere all’uscita dello stadio nel‘77, Pulici pulirsi le scarpe su una bandiera. E tutti quei momenti andranno perduti per sempre, come lacrime nella pioggia, grazie all'EFFECI" - 3 mesi fa

      dici bene fratello, ESONERO DEL PIANGINA e Fischi allo stadio…………

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. thranduil1981 - 3 mesi fa

    Cagliari Atalanta appena terminata…partita bella, fisica, dove le due squadre hanno giocato a viso aperto, un ottima Atalanta ed un gran bel Cagliari. Bisognerebbe dire a ualter che si puo’ anche essere aggressivi senza giocare a rugby o metterla sulla rissa da strada. PS…se il Cagliari gioca contro di noi come ha giocato stasera, e’ garantito che ne usciamo con le ossa rotte…garantito! Gomez non servirebbe secondo ualter, Ilijic non servirebbe…xche’ i fantasisti sono un problema vero? the sooner you are put out to grass, the better…caro ualter!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. André - 3 mesi fa

    “Quelli di adesso”…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. luna - 3 mesi fa

    Se Mazzarri avesse mantenuto le sue premesse di inizio avventura, sulla necessità di cambiare pelle e moduli a gara in corso, oggi avremmo avuto una diecina di punti in più.
    Invece, ha avuto troppa paura, non ha osato.
    Spero di rivedere Falque a destra e Parigini o Ansaldi o Betenguer a sinistra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13693832 - 3 mesi fa

    @BIOFA70 condivisione totale, purtroppo hai davvero detto tutto. È la triste realtà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. BIOFA70 - 3 mesi fa

    Invidiare società come Lazio Atalanta e Fiorentina che regolamente si piazzano davanti a noi vuol dire aver perso tutte le nostre specifiche sportive.
    Se un Parma o un’Atalanta affronta i gobbi e gli segnano tre goals in una partita dove noi tre goal non gliele facciamo in 10 derby io credo che abbiamo detto tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. André - 3 mesi fa

      Condivido, purtroppo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ToroMeite - 3 mesi fa

    IMHO funziona cosí: se non fai sei punti quando ti ritrovi un calendario favorevole con due avversarie da battere come Spal ed Udinese, allora addio ai sogni di gloria.
    Questo addio cmq é tracciato da anni, perché siamo di fronte alla Cairese Plusvalenze & Compravendita Srl. Responsabilitá limitata, ma molto, MOLTO limitata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 mesi fa

      ti può anche capitare di fare uno 0-0 come quello di domenica, perchè anche la Lazio o l’Atalanta a volte sbagliano le partite… il punto è che quando poi ti trovi la Lazio o l’Atalanta e la devi battere… non lo fai! è inutile che continuino a dirci “ce la possiamo giocare contro chiunque” se poi non sei mai in grado di battere nessuno. Fare 0-0 non vuol dire non essere inferiori a nessuno, vuol dire l’esatto contrario… vuol dire non essere nella possibilità di essere superiore a qualsiasi avversario

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. abatta68 - 3 mesi fa

    Tra pareggiare e vincere ci passa un mondo, fatto di grinta, mentalità e ambizione. Queste cose non nascono dal nulla, e nemmeno sono figlie di un allenatore piuttosto che di un altro… queste cose escono dalla testa di un presidente che dichiara al suo staff cosa intende realizzare e chi non è in grado di farlo… “prego,andare!” Se un presidente ha nella testa di portare la sua società in Europa, lo fa portando degli investimenti che consentano di realizzare una squadra da quarto/quinto posto (70 punti), non alimentando false speranze cercando di aggrapparsi al settimo posto, per qualificarsi ai play off in EL e poi? per fare cosa? tra noi e la Lazio oggi non ci sono solo 4 punti, c’è una mentalità completamente diversa di approccio alle competizioni, sia la coppa Italia, il campionato o l’EL. Facciamola finita allora, facendo inutilmente le pulci allo 0-0 di domenica contro la Spal, perchè non è quello il problema!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Calogero - 3 mesi fa

      Pienamente d’accordo. Lo dissi in tempi non sospetti che se si vuole andare in Europa bisogna creare una squadra che deve ambire come minimo alle prime 3 posizioni. Lo so sono un sentimentale, ma per fare una squadra competitiva si devono cercare i profili giusti non gli affari più convenienti, le plus valenze o ingaggiare Ronaldo. Cerchiamo un allenatore che ci porti in Europa sicuramente, provate a pensarci anche voi a chi potrebbe essere. Vedrete che sicuramente nessuno di voi dirà Valter Mazzarri. Poi serve un direttore sportivo capace con una serie di osservatori per individuare i rinforzi giusti. No non c’è la voglia di andare in Europa altrimenti un imprenditore come Cairo ci sarebbe già andato e secondo me sa già anche come fare. Abbiamo trascorso 3 anni di oblio che non sono serviti a creare un organico competitivo, ma più tosto a depotenziarlo e a invecchiarlo in nome dell’esperienza, mai realmente dimostrata sul campo. Servirebbe un segnale veramente forte, qui si è stufi di baldanzosa mediocrità e di belle parole che durano dall’era Ventura, qui servono fatti…Anche riuscendo a raggiungere l’obbiettivo EL con le prestazioni scialbe che ci hanno accompagnato fino ad ora sarebbe comunque un fiasco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. sylber68 - 3 mesi fa

      Pienamente d’accordo, il mandrogno è furbo come una volpe. In questi 14 anni l’unico che ha fatto il salto di qualità è lui. Chi cazzo lo conosceva Cairo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

    La pareggite con Mazzarri è semplicemente l ovvio connubio di una squadra che difende bene ma non sa sviluppare azioni offensive. Non si segna e non si subisce gol, quindi si pareggia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. secondome - 3 mesi fa

    Sono 4 anni che sento parlare della partita della svolta, della stagione della svolta.

    Qui, l’unica svolta la può fare il tifoso, che smette una volta di pagare per ricevere solo umiliazioni e farsi il sangue amaro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Diego Madrid - 3 mesi fa

      Chiedere alla redazione per…la prova del nove…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. prawn - 3 mesi fa

    3 anni di pareggite, grazie Cairo, andava persino meglio con GPV, siamo veramente ridotti male, avete sfasciato la squadra di ventura per miha e ora sfasciato quella di miha per wm.
    I risultati non cambiano, sia per la pochezza di investimenti, sia perche’ continuate a cambiare allenatori senza investire in giocatori che siano ‘perfetti’ per il gioco degli allenatori che assumete!!!

    O quello o assumere subito un allenatore duttile sul serio, non come il water.

    Ma ve bene cosi’ ci restano 16 punti da conquistare, 16 pareggi per il record mondiale

    bravi tutti!

    PS: Serino dove sei finito? Non difendi piu’ a spada tratta l’amico WM?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      È esattamente il mio pensiero

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Esempretoro - 3 mesi fa

        Mi unisco a Prawn e Davide, e aggiungo una mia riflessione:ma se è evidente che nella metacampo avversaria non ci sei mai, perché non approfittarne per mettere in atto un modulo che alzi il baricentro? Iago a dx, Gallo al centro e Berenguer/Ansaldi/Parigini a sx (visto che Millico è impossibile con questo). 4 in mezzo e si prova. Dobbiamo uscire da questo sistema ottuso che soffoca la squadra e pure noi. Le palle, WM, le devono tirare fuori tutti, te compreso. FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. prawn - 3 mesi fa

          E’ pazzesco, io non ci credo che non guarda le statistiche, forse guarda quelle sbagliate, ottimizza per altro.
          Non rendersi conto che c’e’ un problema grosso, grossissimo da tante, troppe partite con uno o due tiri decenti in porta e’ assurdo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

      Serino, aldilà delle differenze di opinione, è un tifoso del Toro e non sarà contento come noi. Penso fosse sinceramente convinto che Mazzarri fosse il migliore possibile. Purtroppo per ora i fatti non gli stanno dando ragione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 3 mesi fa

        Massi, mi ero sforzato pure io di farmi piacere WM, mi ero andato a guardare i video di annata col Napoli, dove si’, le pareggiava fino al 90o ma poi venivano fuori Hamsik e gli altri e la mettevano dentro

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Diego Madrid - 3 mesi fa

          Noi non abbiamo Hamsik…ma Belotti…fai tu..

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy