Torino, il bergamasco Belotti pronto ad affrontare l’Atalanta

Torino, il bergamasco Belotti pronto ad affrontare l’Atalanta

Focus on / Scartato dalla Dea, cresciuto nell’Albinoleffe, il classe ’93 ha più di un buon motivo per fare bene contro gli orobici

Belotti Torino-Genoa pagelle

Non chiamatelo un ritorno, commenterebbe qualche appassionato di citazioni e, di fatto, avrebbe ragione: quello di Belotti a Bergamo, non è un ritorno, non un classico “back home”, che invece vale per gli ex di turno Baselli e Zappacosta. No. Andrea Belotti, bergamasco di Calcinate, torna a Bergamo dopo esserci tornato già qualche altra volta in carriera da avversario, ma, questa volta, il classe ’93 lo fa con la maglia granata e con la voglia e la determinazione di chi ha tanta fame di gol, e non è ancora riuscito a sbloccarsi.

Nato nel piccolo paese di Calcinate, in provincia di Bergamo, cresce giocando a pallone dell’oratorio di Gorlago, un piccolo comune nelle vicinanze. Il ragazzo è forte, e attira presto l’attenzione del massimo club della provincia, l’Atalanta. Andrea sostiene un provino con gli orobici, che però non va a buon fine: i nerazzurri lo scartano, e da quel momento la Dea e il “Gallo” s’incroceranno solo più da avversari. Belotti, infatti, all’età di 13 anni, viene tesserato dall’Albinoleffe, con la quale fa tutta la trafila del settore giovanile, per poi debuttare in prima squadra già nel 2011. Cuore “leffese”, scartato dagli orobici, Belotti domenica avrà un buon motivo in più per sbloccarsi e trovare l’agognata prima rete in granata.

Torino, belotti, quagliarella, derby, juventus-torino
Belotti e Quagliarella potrebbero fare coppia dal 1′ a Bergamo

L’attaccante, dunque, torna a Bergamo con l’idea in testa del gol, e Ventura potrebbe permettere al classe ’93 di concretizzare il suo pensiero sin dal 1’ di gara, facendogli fare coppia dall’inizio con Fabio Quagliarella. In questo caso, l’ancora ventunenne sarebbe ulteriormente spronato a fare bene, proprio nella città – così “vicina” a lui – che lo scartò da piccolo. Una partita, ad ogni modo, che sarà giocata sì da 22 giocatori, ma che in fondo può essere anche e sopratutto il match del numero 9 del Torino, del “Gallo” Andrea Belotti, di chi domenica si troverà di fronte anche parte del proprio (“sfumato”) passato.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. FVCG sempre - 1 anno fa

    Io sono sempre più convinto che il futuro del Toro sarà BBB. Questi tre ci faranno godere per i prossimi anni a venire… FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy