Torino, Belotti non si ferma: e adesso diventa difficile lasciarlo fuori

Torino, Belotti non si ferma: e adesso diventa difficile lasciarlo fuori

Focus on / Il Gallo non smette di cantare. Altra rete pesante, tanta corsa e duetti interessanti con Immobile: la coppia funziona

3 commenti
tiri, belotti

Il Gallo non smette di cantare: non si ferma più Andrea Belotti che, dopo una prima parte di stagione sotto tono a livello realizzativo, sembra ora essersi definitivamente sbloccato. L’ex Palermo ha rappresentato l’investimento più importante per il presidente Urbano Cairo nel corso nel calciomercato estivo e, nonostante le prestazioni di massimo sacrificio e lavoro per la squadra, sembrava essere troppo poco incisivo sotto porta: dopo un periodo di apprendistato nel quale assimilare al meglio i meccanismi della nuova squadra, Ventura l’ha sempre lanciato da titolare ma la punta aveva trovato una sola rete, quella che aveva sbloccato il match interno contro il Bologna; l’illusione di essersi sbloccato, poi nuovamente il digiuno. La svolta sembra essere arrivata dalla partita contro il Frosinone.

belotti
Belotti esulta dopo la rete al Bologna, la sua prima con la maglia del Torino

Proprio nella sfida ai ciociari, il Gallo aveva offerto una grandissima prestazione a coronamento della quale aveva messo a segno non una ma ben due reti: un tassello fondamentale dell’appena cominciata avventura in granata, a dimostrare di possedere le capacità e la freddezza necessarie per fare male a pochi metri dalla porta. Uno score fantastico che però aveva bisogno di conferme: queste sono prontamente arrivate sul difficile campo del Sassuolo, dove i granata hanno disputato ieri sera il recupero della sedicesima giornata. La rete del vantaggio del Torino porta proprio la firma di Belotti, abile con una zampata vincente a sbloccare la gara e mettere quindi a segno il terzo gol consecutivo. Ma il periodo di forma dell’ex Palermo non si riduce al picco di lucidità sotto porta: il Gallo riesce infatti a trovare la via del gol pur non snaturandosi, e continuando quindi a giocare secondo le proprie caratteristiche che lo portano allo spirito di sacrificio ed al ripiegamento difensivo.

US Sassuolo Calcio v Torino FC - Serie A
Il gruppo festeggia Belotti dopo il gol del vantaggio granata

Anche contro gli uomini di Di Francesco sono infatti innumerevoli i palloni recuperati da Belotti in fase difensiva, per offrire sostegno ai compagni durante la manovra nero verde: così come sono anche molti però gli spunti offensivi importanti. La coppia con Immobile sembra funzionare a meraviglia e, dopo un primo indizio arrivato contro il Frosinone, la conferma è arrivata ieri sera: le due punte, entrambe portate a svariare molto sul fronte offensivo e non dare punti di riferimento agli avversari, si trovano con una cerca facilità ed offrono buone combinazioni alzando anche notevolmente in baricentro della squadra. Altra grande prestazione ed altro sigillo dunque per Belotti, che adesso non vorrà certamente fermarsi sul più bello: difficile a questo punto per Ventura lasciare in panchina un giocatore così in forma, mentre il Gallo ha già messo la Fiorentina nel mirino.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

    Ero il primo a criticarlo quando non segnava e giocava titolare, mi sembra un’eresia ora che segna pensare di lasciarlo fuori, prima gli interessi del Toro poi quelli del singolo, è evidente a parte lo stato di forma ora ottimale che Belotti deve giocare in velocità e non stazionare sulla trequarti avversaria ed aspettare la palla, ma forse questo è stato un errore commesso in estate da chi ha costruito la squadra, non si conoscevano prima le caratteristiche di un calciatiore tanto voluto? Non si sapeva che il meglio lo dava con accanto un calciatore tipo Immobile? E non con uno statico tipo Quagliarella?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nick - 1 anno fa

      sono convinto che la coppia ciro-andrea sia la migliore sotto tutti i punti di vista. sono motivati, veloci e soprattutto giovani! e sono ancora della convinzione che qualora non acquistiamo una buona mezzala da affiancare a baselli, potrebbe indietreggiare un po il quaglia e giocare lui come mezzala e all’occorrenza mezza punta spostandosi piú in avanti. ha la tecnica giusta e gli anni adatti a correre meno. alla fine necessità virtù. insieme a maxi, esclusi martinez e amauri quest’anno stiamo a posto, abbiamo solo il campionato da fare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 anno fa

    Si è capito che Belotti deve giocare agendo in velocità anziché ciondolante in area.
    Credo sia imprescindibile con Immobile. Qiagliarella può sostituire il Gallo in caso di bisogno ma non Ciro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy