Torino, Benassi: prima l’Under 21, poi di nuovo alla base per il forcing finale

Torino, Benassi: prima l’Under 21, poi di nuovo alla base per il forcing finale

Focus on / Nei prossimi giorni il giovane centrocampista granata sarà impegnato con gli azzurrini di Di Biagio, al suo ritorno sotto la Mole servirà riscattare le ultime prestazioni 

Commenta per primo!

Convocato da Di Biagio in vista delle amichevoli dell’Italia Under21 contro Germania e Serbia, in programma rispettivamente domani e lunedì prossimo, Benassi potrebbe essere una pedina importante negli ultimi appuntamenti stagionali del Toro

“SBLOCCATO” DALLA RETE DI CESENA – Autore di un difficile inizio di annata, il centrocampista classe ’94 si è sbloccato con il suo primo gol in maglia granata il 18 gennaio scorso a Cesena, una rete che ha segnato l’inizio di una lunga serie di buoni prestazioni. In seguito alla trasferta del Manuzzi, infatti, l’ex Livorno si è fatto apprezzare partita dopo partita per le sue qualità tecniche e il suo spirito di abnegazione. 

I PECCATI DI GIOVENTÙ – Come si suol dire in questi casi, però, i principali limiti di un giovane sono spesso l’esperienza e la continuità di rendimento. Il suo caso è lampante: dopo aver trovato la sua seconda marcatura stagionale in quel di Udine, il prodotto del vivaio dell’Inter ha commesso una grave ingenuità in occasione del match di Europa League contro lo Zenit. La sua espulsione a San Pietroburgo, maturata dopo appena 27 minuti gioco, ha indubbiamente compromesso la partita e, alla luce di quanto si è visto al ritorno, la qualificazione. Inoltre, quasi come se avesse risentito del contraccolpo psicologico dovuto alla leggerezza di cui si è reso protagonista contro i russi, le sue successive prestazioni contro Lazio e Parma hanno nuovamente fatto storcere il naso.

CREDERE IN LUI PER IL FORCING FINALE VERSO IL SESTO POSTO – Che la personalità e di conseguenza l’abitudine a gestire le energie nervose siano il suo tallone d’Achille è fuor di dubbio. Tuttavia, non è mai bene rivolgerli eccessive accuse: il potenziale c’è, si è visto più volte e, considerati i suoi 20 anni di età, peccare di inesperienza è umano. Per tali ragioni, al suo ritorno alla base dopo gli impegni con gli azzurrini, Benassi sarà chiamato a riscattare le sue ultime prove poco convincenti e a dare il suo contributo nella volata finale del Toro verso il sesto posto. 

Ventura crede lui e sa che può diventare un elemento di assoluto valore per la sua squadra. Gli ultimi appuntamenti della stagione saranno, pertanto, un importante banco di prova.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy