Torino – Cagliari, tutti i doppi ex della sfida

Torino – Cagliari, tutti i doppi ex della sfida

Verso Torino-Cagliari/ Da Francescoli a Ventura, passando per Acquafresca, Loria e Barone: ecco i giocatori che hanno vestito le due maglie

 

Manca ormai poco alla sfida di domenica pomeriggio tra Torino e Cagliari. Come spesso accade, sono numerosi gli ex che hanno vestito le rispettive maglie, a cominciare proprio dall’attuale tecnico granata Ventura. Il mister genovese ha infatti allenato il Cagliari in due occasioni, la prima dal 1997 al 1999 dove ha ottenuto una promozione in Serie A e di conseguenza ha esordito nella massima serie e la seconda dal 2002 al 2004, quando poi lascia gli isolani per il Napoli.

Passando ai giocatori, uno dei più importanti ex è certamente Enzo Francescoli, al Cagliari per tre stagioni terminate proprio con la cessione ai granata nel 1993. Nel capoluogo sardo l’uruguaiano ha lasciato un ricordo indelebile e un apporto fondamentale, mentre nel Toro disputò invece una sola stagione senza lasciare particolarmente il segno (24 presenze). Tra gli ex più recenti della sfida, certamente va ricordato Acquafresca, attaccante cresciuto nelle giovanili del Toro e a lungo considerato un’eterna promessa nonché un futuro campione. Dopo il fallimento del 2005 anche lui ha abbandonato Torino in cerca di una sistemazione: nel suo girovagare ha appunto vestito la maglia del Cagliari dove ha certamente lasciato ottimi ricordi nonché attraversato il miglior periodo della sua carriera, che non ha mai preso il volo. Con Cairo presidente, indimenticabile Muzzi e il suo contributo determinante nella straordinaria promozione (con gol in finale play-off) e nella salvezza dell’anno successivo. Poi Barone: campione del mondo nel 2006, al Toro per tre stagioni, dopo la retrocessione passò tra le fila del Cagliari. Dopo di lui, Loria, con la maglia rossoblù tra il 2002 e il 2005 e poi in granata nel primo anno dopo la retrocessione del 2009. Infine, Agostini: capitano della squadra isolana per ben otto stagioni con quasi 300 presenze all’attivo, sotto la Mole è stato più un oggetto misterioso che altro. Non è infatti mai sceso in campo ed è stato ceduto al Verona, dove sta trovando spazio.  

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy