Torino-Cesena: in difesa, confronto numerico impietoso…

Torino-Cesena: in difesa, confronto numerico impietoso…

Le statistiche /A parità di match i granata hanno incassato 23 gol in meno rispetto al Cesena e la linea difensiva fornisce maggior sicurezza al resto della squadra 

Per l’ultima di campionato occhi puntati su due difese molto diverse. I numeri parlano chiaro: la difesa del Torino arriva allo scontro col Cesena con 45 gol subiti in totale in campionato; 7 di queste reti sono state segnate su rigore da parte degli avversari. Con questo numero i granata si piazzano al settimo posto come migliori difesa del campionato, a pari con l’Inter. Il Cesena invece appare ultima (se escludiamo il Parma) in entrambe le classifiche: i bianconeri romagnoli hanno subito ben 68 reti in questa stagione, mettendo a segno circa la metà di gol (36 gol realizzati dalla squadra di Di Carlo). Anche per loro 7 dei gol subiti vengono da tiri dal dischetto.

Guardando oltre i numeri, la differenza tra le due difese appare abbastanza ampia. Quella del Torino è indubbiamente una delle migliori del campionato: solida, compatta, presenta personalità che fanno gola a molti e che con carattere e spirito di sacrificio hanno dato un forte contributo alla bellissima stagione del Toro. Il più utilizzato da Ventura in questo campionato è Moretti, uno stakanovista, con 34 presenze in campionato per 3260 minuti giocati. Assente in campo solo in quattro occasioni, Moretti è diventato il perno della difesa, implacabile in marcatura, dotato di grande senso della posizione e affidabile anche nel giro palla e lanci lunghi. Il secondo più utilizzato, neanche a dirlo, è Glik: 31 presenze, 2881 minuti giocati e ben 7 gol realizzati. Quanto basta a spiegare come mai mezza Europa lo desidera nel proprio organico. Tra i più impiegati nel 4-5-2 di Ventura c’è anche Maksimovic, altro nome da mercato. Con 26 presenze e 2450 minuti giocati il difensore ha dato prova di se in rapidità, gioco aereo e marcatura dell’avversario. A tutto ciò vanno aggiunte le brillanti prestazioni di altri due pezzi grossi: Bruno Peres e Darmian, i corridori delle fasce. Il primo con 33 presenze e il secondo con 32 presenze sono stati decisivi in questo campionato, alzando il livello della squadra.

A parità di match giocati, i tre difensori più utilizzati da Di Carlo risultano aver giocato comunque meno rispetto a quelli di Ventura. L’allenatore dei bianconeri ha fatto probabilmente maggior ricorso al turnover e sostituzioni, sperimentando le varie possibilità offertegli dalla rosa che aveva in mano. Ciò non ha impedito di incassare le 68 reti e, anzi, forse ha comportato più instabilità nel reparto difensivo. Il difensore che ha giocato di più in maglia bianconera in questa stagione è Capelli. Difensore arcigno, per lo più schierato centralmente ma abile anche come terzino destro, ha collezionato 30 presenze per 2638 minuti giocati. Dopo di lui Lucchini: 28 presenze e 2311 minuti giocati in cui ha mostrato duttilità e abilità nel gioco aereo, caratteristica che gli è valsa anche un gol in stagione. A quota 23 presenze il giovane Renzetti, classe ’88, con 2027 minuti in campo.

I numeri, così come le chiacchiere, se li porta via il vento. Domenica sarà anche l’ultima giornata di campionato ma al fischio d’inizio importerà solamente che le due squadre giochino una grande partita per chiudere in bellezza il campionato 2014-2015.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy