Torino, dal Filadelfia: si ferma Lyanco, Crotone a rischio

Torino, dal Filadelfia: si ferma Lyanco, Crotone a rischio

Report / Il difensore brasiliano accusa un problema: distorsione alla caviglia destra

5 commenti

Notizie non positive giungono dal Filadelfia, dove a seguito dell’allenamento mattutino si è fermato il difensore brasiliano Lyanco. Il centrale classe 1997 ha riportato una distorsione alla caviglia destra e le sue condizioni saranno monitorate nelle prossime ore, ma è chiaro che la trasferta di Crotone è a rischio per lui. Oggi saranno intraprese le cure del caso e poi i consulti medici; entro domani mattina, quando ci sarà la rifinitura, il quadro sarà più chiaro.

Per il resto, sempre fermi ai box Obi, Acquah, Barreca e Belotti. I quattro non saranno disponibili per la trasferta in terra calabra. Il programma di domani prevede come detto la rifinitura, poi la conferenza stampa di Mihajlovic e poi il trasferimento in aereo a Lamezia Terme, da dove si raggiungerà Crotone.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ilcap78 - 2 mesi fa

    ignoranti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gae - 2 mesi fa

    Simao molto piu forti di loro, al di là delle assenze bisogna vincere , abbiamo gli uomini per farlo e poco conta chi sostituirà be

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mauro69 - 2 mesi fa

      Era così anche con il Verona, come è finita? A Crotone sarà ancora più dura.
      Vietato sbagliare. O si vince (e sarà molto difficile vista la situazione) oppure saremo condannati al solito anonimato.
      Ai giocatori dico: è ora di posare il fioretto e tirare fuori le palle.
      Lo spirito Toro è un’altra cosa, non dobbiamo certo impararlo dagli avversari.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fedeltoro49 - 2 mesi fa

    Terreno del fila non perfetto o incompetenza dei preparatori atletici?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilcap78 - 2 mesi fa

      Distorsione cosa c’entrano i preparatori??

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy