Torino: Daniele Padelli e quella maglia numero 1 da onorare

Torino: Daniele Padelli e quella maglia numero 1 da onorare

Focus on / Stagione fondamentale per il portiere, che può conquistare definitivamente il popolo granata e la Nazionale

6 commenti
Moretti

Il 29 maggio 2013 Daniele Padelli, in scadenza di contratto con l’Udinese, viene acquistato dal Toro. I tifosi granata erano abituati a vedere i pali difesa da un, allora, ottimo Jean François Gillet, ma la squalifica dell’estremo difensore belga aveva costretto la società a cercare un sostituto sul mercato. L’acquisto del numero 12 friulano, nonostante fosse stato esplicitamente richiesto da Ventura,  lasciava parecchi con qualche dubbio e parecchie domande: “sarà lui il titolare?” , “compreremo qualcun altro?” L’amaro in bocca cresceva al termine del mercato, che non registrava più alcun movimento in entrata al capitolo portieri, dopo aver accarezzato l’idea Pegolo per un’estate intera.

E così Padelli debutta tra i pali dell’Olimpico nell’infausta partita contro il Pescara, Coppa Italia. La prima stagione in granata, in particolar modo ad inizio anno, non è esaltante: il ragazzo mostra insicurezze che talvolta costano anche qualche punto prezioso, e dimostra di dover crescere parecchio in alcune situazioni, ad esempio nelle uscite sui corner. Crescita che però, pian piano, arriva. Ed il numero 1 (allora numero 30) si toglie le prime soddisfazioni, effettua le prime grandi parate, in un finale di stagione in crescendo; alla penultima di campionato arriva quasi a realizzare il sogno di uno stadio stracolmo: calcio di rigore per il Parma, sul dischetto va Cassano sotto la Maratona, calcia Fantantonio, Para Daniele, la curva esplode. L’entusiasmo però dura poco, dato che sulla respinta Biabiany insacca. Padelli comunque a fine anno è notevolmente cresciuto e si appresta a giocare un’altra stagione da protagonista.

Ed a questo punto arriva l’intoppo: rientra Gillet dalla squalifica. Personalità importante in campo e nello spogliatoio, ancora preferito da una buona fetta di tifosi, il belga di fatto non reclama il posto da titolare, ma è una presenza “ingombrante” per Padelli che sente troppa pressione alle spalle. Daniele comincia la stagione da titolare, ma ricominciano gli errori, alcuni grossolani, e le insicurezze: Ventura finisce per promuovere a titolare il belga ed a far giocare in Europa League l’italiano.

Questa situazione di stallo dura fino a gennaio. Poi, arriva la decisione della società di puntare forte sul numero 30: Gillet viene ceduto al Catania, Padelli viene ri-promosso titolare e viene acquistato Ichazo, un giovane a cui far da chioccia. Ed i risultati arrivano: di nuovo, una seconda parte di stagione in crescendo, uscite sempre più sicure, parate importanti anche nel derby vinto, il rigore parato a Babacar. Arrivano anche le prime chiamate nella nazionale maggiore di Conte. Poi un’altra doccia fredda: Torino Empoli 0-1, autogol di Padelli, talmente goffo, talmente inaspettato che si fatica a crederci. E’ la partita che di fatto smorza gli entusiasmi dei granata, nuovamente in lotta per un posto in Europa.

Dunque due stagioni vissute tra alti e bassi per colui che ora è a tutti gli effetti il numero 1 in cmapo del Torino. Un po’ come la sua carriera: dalla Sampdoria al Pizzighettone, dal Liverpool all’Avellino. Questa deve essere la stagione della consacrazione per Padelli, la stagione in cui il portierone granata conquisterà finalmente  anche i tifosi più scettici. Ha dimostrato di avere carattere, di saper uscire a testa alta anche da situazioni molto complicate, di sopportare critiche e, talvolta, qualche fischio. Ha dimostrato di aver capito dove si trova, che cos’è il Torino e quanto pesa la maglia. Basta guardare l’esultanza dopo il derby.

Quest’anno Daniele gioca per due sogni: entrare definitivamente nel cuore dei tifosi del Toro; vestire, oltre al granata, l’azzurro, ai prossimi Europei. Uno stimolo, anzi due, in più per onorare al meglio quella maglia numero 1.

Federico Bosio

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sergio Rossi - 2 anni fa

    Padelli, finche’ sara’ il nostro portiere, andra’ sempre sostenuto e incoraggiato. Picconare di critiche il nostro numero uno, quindi il ruolo piu’ delicato della squadra, e’ come darsi deliberatamente, per puro sfizio masochistico, una martellata sulle sacre biglie…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. WGranata76 - 2 anni fa

    La pressione, non dimentichiamo che Gillet era già sopra Padelli anche a Bari e questo non lo aveva aiutato.
    Inoltre la pressione giornalmente in campo è anche in piccola parte aumentata dai nostri difensori che alle volte fanno retropassaggi inguardabili.
    Certo è limitato come portiere, ma gran cuore e determinazione, roba da Toro e speriamo bene anche per Ichazo nel futuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. LoviR - 2 anni fa

    Stagione decisiva …o esplode definitivamente o plusvalenza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ziocane66 - 2 anni fa

    PADELLONEEEE! Fatti voler bene non solo da me! Fallo x me!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ziocane66 - 2 anni fa

    PADELLONEEEEEEE! Fatti voler bene non solo da me!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. maraton - 2 anni fa

    l’importante è non vedere più cappellate come quella contro l’empoli, veramente da comiche. poi ci stà che lo sbaglio del portiere sia subito più evidente di quello fatto in un’altra zona del campo. padelli deve ancora migliorare, ma se ventura e la società puntano su di lui, se conte lo chiama in nazionale, mi faccio 2 domande su quanto ne capisca il sottoscritto. e per forza di cose mi devo fidare di chi evidentemente ne sà più di me :)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy