Toro da Europa? Dopo la sosta le prime risposte

Toro da Europa? Dopo la sosta le prime risposte

Mihajlovic sta cercando di amalgamare la squadra, composta negli ultimi giorni di mercato, per arrivare al match contro l’Atalanta con un Toro in formato Europa

6 commenti

Il Torino di Mihajlovic si sta allenando duro in questi giorni. I nuovi acquisti, arrivati nell’ultima parte della sessione di mercato, devono amalgamarsi tra di loro e con il resto della rosa. L’allenatore serbo sta cercando di sfruttare al meglio questa sosta del campionato per preparare la sua squadra ad affrontare un campionato da Europa.

L’Europa League sembra proprio essere questo l’obbiettivo dei granata conclamato anche da Miha e per raggiungerlo però bisogna vincere, soprattutto le gare abbordabili ed in casa non si potrà sbagliare. Al ritorno dalla sosta Vives e compagni si troveranno ad affrontare, nel seguente ordine: Atalanta, Empoli, Pescara, Roma e Fiorentina.

Il 9 ottobre ci sarà la nuova sosta per le Nazionali ma in questo gruppo di partite il Toro dovrà cercare di ottenere un bel gruzzoletto di punti per poi presentarsi, verso la fine del girone, contro avversarie come Inter, Juventus e Napoli con più sicurezza e con un morale alto.

E’ proprio dalle prossime partite che il club piemontese dovrà già da subito guardare in prospettiva e vincere per coronare il ritorno nei palcoscenici internazionali. A parte Roma e Fiorentina, il Torino ha tre partite contro avversarie abbordabili.

Atalanta. Empoli e Pescara, sono tre sfide che serviranno a fare la prova del nove e vedere se il Toro vero è quello visto contro il Bologna o se si è trattata di una casualità. Mihajlovic dovrà cercare di colmare le lacune e assemblare la squadra in questa settimana per poi far vedere a tutti di che pasta è il suo Toro!

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. sysma_558 - 9 mesi fa

    In questo momento di abbordabile non c’è nessuno……testa bassa e pedalare in tutti i campi altro che abbordabili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rogerfederer - 9 mesi fa

    Mah….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 9 mesi fa

    Per sapere se andremo in Europa è sufficiente domandarlo a Mondonico.
    Lui non ha mai sbagliato una previsione sul Toro.
    Altro che polpo Paul….
    A inizio estate disse che non avevamo fuoriclasse per arrivarci, vediamo adesso cosa risponderebbe…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sysma_558 - 9 mesi fa

      La stessa cosa, Lialjic grande tecnica ma se continua con qualla testa non diventerà mai un fuoriclasse, Castan …… speriamo che si riprende, Belotti ci stà diventando ??
      Però secondo me i fuoriclasse servono per cercare di vincerla la Uefa per arrivarci basterebbe che quest’anno tutto andasse per il verso giusto….Castan si riprende, Lialjic non fa cazzate, Boye Baselli e Barreca escono fuori alla grande, Iago faccia la sua parte……non parlo di Valdifiori e MIha che continuano a non piacermi …… Spero di sbagliare sugli ultimi 2.
      Forza Toro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ToroFuturo - 9 mesi fa

    Oltre all’organizzazione di gioco e alla qualità dei calciatori serve autostima e mentalità vincente. Si può avere un atteggiamento spavaldo o umile, un modulo offensivo o difensivo, ma quello che fa la differenza, a parità di forze, è il desiderio di vincere. Funziona così in tutti gli sport: in quelli di squadra è determinante la capacità e il carisma dell’allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. SemperFidelis - 9 mesi fa

    Il Toro prima di tutto pochi proclami e umiltà mai pensare ad avversari abbordabili, sono affermazioni che al Toro non portano bene.
    Giocare partita per partita poi a gennaio valutare come migliorare la squadra e ad aprile fissare l’obbiettivo, ma fino ad allora mi basta una squadra come a milano che corre fino al 95 sotto 3 – 1.
    A Miha Cairo ha chiesto l’Europa in due anni, mi riservo di valutare l’allenatore tra due anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy