Torino e De Silvestri: crescita generale, ma quei falli da rigore…

Torino e De Silvestri: crescita generale, ma quei falli da rigore…

Focsu On / Il terzino granata ha dimostrato di essere sempre più a suo agio negli schemi di Sinisa Mihajlovic, salvo poi mettere in difficoltà il Torino con un ingenuità

Il Torino, nella vittoria davanti al suo pubblico per 3-1 contro la Roma, ha potuto evidenziare tanti punti positivi di una prestazione che, nel complesso, è stata quasi inattaccabile, da parte di tutti i giocatori presenti in campo a tinte granata. Tuttavia non è andato tutto liscio, anzi, il Toro è stato in alcuni casi anche in difficoltà e a volte graziato dagli errori avversari, e in alcuni casi punito per gli errori commessi durante la partita: uno di questi errori, sotto gli occhi di tutti, è stato il fallo da rigore provocato da Lorenzo De Silvestri, subito dopo il raddoppio del Torino, che aveva appena trovato la via del gol proprio con un penalty grazie a Iago Falque.

PARTITA SUFFICIENTE – Ma partendo da una visione complessiva, la prestazione di De Silvestri si può definire sufficiente, perché si è visto che il terzino sta entrando sempre di più nei meccanismi di questo Torino e che oltre alla fase difensiva, effettuata spesso con precisione ed ordine, anche la fase offensiva non è passata in secondo piano: De Silvestri, infatti, è spesso disponibile ad attaccare, non dimenticandosi mai del suo ruolo che è quello di coprire l’area di rigore. Questi sono stati segnali positivi inviati dallo stesso giocatore granata alla panchina del Torino; ma a Sinisa Mihajlovic è arrivato anche un altro feedback.

de silvestri

INGENUITÀ – Dopo aver evidenziato la prestazione di De Silvestri in linee generali, avviciniamoci con il microscopio al suo più grave errore del match, il rigore causato su Perotti: il fallo c’è, è giusto concedere il penalty, che ha portato Totti a segnare il suo 250esimo gol in Serie A, ma l’ingenuità del terzino è più evidente che mai. Il giocatore della Roma, in quella posizione, non poteva fare più nulla, essendo defilato e chiuso dalla retroguardia del Torino: inutile allungare la gamba e stendere un calciatore che stava aspettando il contatto. Questo errore, oltre ad essere ingenuo, non è la prima volta che compare: già contro l’Atalanta lo stesso De Silvestri, con un fallo ancora più ingenuo aveva causato il rigore realizzato poi dagli orobici.

CONDIZIONE FISICA – Un altro neo della sua partita è stato quello della condizione fisica: infatti il giocatore è uscito dopo un’ora di gioco toccandosi il ginocchio: i referti medici hanno riscontrato una sofferenza al tendine rotuleo del ginocchio destro, che però ci si aspetta possa rientrare nel giro di pochi giorni. Non è quindi escluso, ad oggi, che il giocatore – che sta seguendo un ciclo di terapie – possa rendersi disponibile per la partita casalinga contro la Fiorentina del prossimo 2 ottobre. Sarà un’altra occasione in cui il posto da terzino destro titolare sarà conteso dal giocatore ex Lazio e da un Zappacosta che sta evidenziando un’ottima condizione fisica.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gianni - 2 mesi fa

    a me è sembrato ben più ingenuo il rigore concesso alla Roma, l’altro concesso all’Atalanta in genere era più un errore tattico (piuttosto che individuale) di Miha che con il suo 4-2-4 spregiudicato aveva aperto praterie all’avversario e a Gomez…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. VecchiaQuercia52 - 2 mesi fa

    Gualtiero Lasala, De Silvestri si chiama Lorenzo.

    Comunque quando è andato in affanno ed ha procurato i due rigori che ci hanno penalizzato, oltre ad Obi che ha procurato il rigore subito dal Milan, il problema era una condizione di forma non ancora buona.

    Un giocatore in forma e che gioca senza affanno perchè la squadra funziona bene è difficile che provochi rigori contro la propria squadra.

    In questo Toro tutti possono e debbono migliorare.

    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy