Torino-Fiorentina, Martinez scalpita: l’obiettivo è non finire nelle retrovie

Torino-Fiorentina, Martinez scalpita: l’obiettivo è non finire nelle retrovie

Focus on / Il venezuelano si impegna e strappa applausi alla Sisport, provando a mettere in difficoltà Mihajlovic: e il tecnico lo prova anche nel tridente titolare

14 commenti
Martinez Torino-Genoa, formazioni

Si avvicina la Fiorentina, si moltiplicano nella testa di Mihajlovic i ragionamenti sull’undici da schierare dal primo minuto anche al netto di quanto ogni singolo giocatore dimostri nel corso di queste sessioni di allenamento. Ed allora ecco che l’impegno e la dedizione con le quali Josef Martinez sta scendendo in campo nel corso di queste sedute alla Sisport potrebbe venire ripagata dal tecnico serbo: il venezuelano vuole dimostrare di non essere una seconda linea e di potersi giocare le proprie possibilità al pari dei compagni di reparto, reparto che con i ritorno di Belotti e (auspicabilmente) Ljajic ed il sempre miglior stato di forma di Iago Falque comincia a farsi ricco di “avversari” per il vinotinto.

Importanti segnali sono però arrivati da parte di Martinez nel corso della partitella in famiglia di ieri pomeriggio: in un primo momento Mihajlovic ha schierato il tridente dei potenziali titolari contro la Viola componendolo con Boyè e Iago Falque a supporto di Belotti, per poi cambiarne subito gli interpreti ed inserire proprio il rapido venezuelano nel – possibile – undici titolare. Risposta decisa quella della punta: tantissima corsa al servizio dei compagni, a mettere in mostra una straordinaria condizione di forma, e primi applausi di giornata strappati al pubblico presente in virtù di un bellissimo tiro con annessa grande risposta di Daniele Padelli.

Insomma l’obiettivo personale è senza dubbio quello di allenarsi sempre al massimo di modo da mettere in qualche modo in difficoltà il tecnico, che infatti non sembra così convinto di voler precludere al vinotinto la possibilità di figurare nell’elenco titolare contro la Fiorentina: valutazioni che ovviamente spettano solamente a Mihajlovic, ma le risposte di Martinez sembrano essere cristalline. L’attaccante è in forma e con il rientro dei compagni infortunati non vuole perdere posizioni nelle gerarchie dell’attacco granata: impegno e costanza superiori alla media in allenamento, per ottenere la possibilità di giocarsi le proprie carte dal primo minuto contro la Fiorentina.

14 commenti

14 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. alessandro - 2 mesi fa

    AMMIRO LA SUA VOGLIA DI DARSI DA FARE..LE SUE LUNGHE SGROPPATE..la sua rabbia agonistica a volte inutile ma….senza offese per lui..
    è un giocatore da serie B…..Non segna e non fa segnare….
    non ha il tiro.. non ha il colpo di testa (povero è piccolo) non ha il tocco di palla sopraffino e smarcante ..non batte le punizioni… ho sempre pensato che facese della velocità la sua arma migliore…ma non lo ho mai visto superare un avversario in velocita..e quindi???
    Lasciamolo pure maturare ancora..puo essere sempre utile come lo è stato in certe circostanze..ma in questo TORO SUPERGOLASSO non c’è posto per lui come titolare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Guido - 2 mesi fa

    non segna, ma questo ragazzo è grintoso ci mette l’anima quando gioca è veloce agile ha 23 anni, dite pure quello che volete e offendete pure se vi sentite bene, ma per me merita stare nel toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lollo - 2 mesi fa

      Vuoi vedere quanto sarei grintoso io a giocare nel Toro e ad essere pagato come lui?!
      Ok è un caro ragazzo e si sbatte, ma per me per giocare in serie A e nel Toro ci vuole di più.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Guido - 2 mesi fa

        si vorrei proprio vederti e se sei bravo come lui meriteresti anche tu di giocare nel toro, ma aimè lui gioca a pallone e tu no e un perchè ci sarà pure e non sarà solo per la grinta. forse a volte ci vuole anche un po di umiltà

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Dilling - 2 mesi fa

    @Redazione, puoi non mettere l’audio dell’inno che mi svegli i nipoti? Grazie!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guido - 2 mesi fa

      se quando si svegliano piangono sono gobbi, altrimenti non ti preoccupare tutto a posto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Lollo - 2 mesi fa

    Per me uno che fa 53 presenze e solo 7 reti non è un attaccante. Punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lollo - 2 mesi fa

      …ah e l’ultima volta che ha segnato si è pure sentito in diritto di zittire tutto lo stadio.
      Per un gol.
      Quando segna il Gallo allora cosa dovrebbe fare? Mimare che dobbiamo lasciargli trombare le mogli/fidanzate?! :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Guido - 2 mesi fa

        per me ha fatto male, ma ha solo 23 anni e voglia di spaccare il mondo, come tutti a 23 anni, dopo che degli svergognati lo abbiano preso per il culo vorrei vedere te come ti saresti comportato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Alberto Fava - 2 mesi fa

          Si Guido, penso che anche un professionista alla lunga patisca gli sfottò e reagisca.
          Con tutto ciò non gli do ragione, ci mancherebbe.
          Mi hanno insegnato che chi paga il biglietto può applaudire o fischiare, ne ha pieno diritto.
          Quanto a Martinez, penso che sia uno da “lavoro sporco”, cioè che faccia stancare i difensori avversari, e poi consenta ai compagni di reparto di approfittarne.
          Questo il mio punto di vista.
          E chiaro che non è un goleador, ma se gioca in nazionale non sarà proprio un brocco, no?
          FVCG

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Francy - 2 mesi fa

    accomodati pure in panca

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Dilling - 2 mesi fa

    Forza Martinez!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. toroscatenato - 2 mesi fa

    il fatto è che quando gioca titolare non incide mai. mentre entrando a partita in corso ho più possibilità di lasciare il segno e di mettere in difficoltà le difese
    anche perche, come dice Ale67 in effetti è dura tenere fuori due tra Ljajic Boye e Iago (Maxi x me è il vice belotti, a meno che non giochiamo col 442)
    e prima o poi vorrei rivedere Aramu
    però mentre scrivo rifletto e mi accorgo che non siamo messi male dalla cintola in su! Palle comprese, che quest’anno non ci mancano!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Ale67 - 2 mesi fa

    Già sarà un peccato lascare uno fuori tra Boye e Falque (dando per scontato che Belotti e Ljajic giocheranno), figuriamoci se dobbiamo considerare Martinez titolare.
    E’ sicuramente l’attaccante più scarso che abbiamo. Si accomodi pure in panca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy