Torino, i cinque obiettivi della società per finire la stagione con dignità

Torino, i cinque obiettivi della società per finire la stagione con dignità

Approfondimento / Per non andare alla deriva, la società dovrà portare a termine alcuni obiettivi

di Nicolò Muggianu

I GIOVANI

Italy Training Session And Press Conference

Ora che l’Europa è una chimera, l’obiettivo in casa Toro può essere solo uno: finire la stagione nel miglior modo possibile e con dignità. Dopo aver analizzato le mosse che converrebbe fare a Mazzarri, l’intento è ora quello di provare ad individuare quali sono gli obiettivi che il Toro, come società, può porsi per le ultime dieci partite.

Largo ai giovani“, parola di Urbano Cairo. Ora però è il momento di passare dalle parole ai fatti. Con l’obiettivo settimo posto ormai quasi definitivamente sfumato, al Torino adesso non resta che dare maggiore spazio ai giovani. Barreca, Bonifazi, Lyanco e non solo: Mazzarri nelle prossime dieci partite avrà il compito, o meglio il consiglio, affidatogli dal presidente di concedere un maggior minutaggio a coloro sui quali la dirigenza intende costruire il proprio futuro. “Far giocare Edera vorrebbe dire tener fuori Iago Falque, che sta facendo bene” ha dichiarato il tecnico granata nel post-partita con la Fiorentina. È vero, ma se è altrettanto vero che i giovani sono il futuro, in questo finale di stagione bisognerà provare a fare qualche sforzo in più per permettere ai più giovani, proprio quelli con più voglia di emergere, di dimostrare di meritare il Torino.

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iard68 - 8 mesi fa

    Interessante il suggerimento di Andrea, varrebbe la pena approfondire… Ma limitandosi agli aspetti tecnici, il più grave errore di Cairo è stato scegliere una guida tecnica che in pochi mesi ha capovolto e distrutto un lavoro di cinque anni. Ventura, con i suoi difetti, ha portato avanti un lavoro e preparato una squadra che aveva un gioco, (magari poco spumeggiante, ma lo aveva) e ben determinate conoscenze finalizzate ad un modulo specifico e abbastanza particolare: difesa a tre, una punta centrale ed una che ruota intorno. Ha fallito l’aggancio al club dei ricchi (a livello economico di sicuro non siamo nelle prime sette…) anche perché, ogni anno, ha dovuto rinunciare ad alcuni elementi destinati al finanziamento del club (in questo contesto frega nulla che si tratti di plusvalenze o no). Poi ha stufato, ci sta. Mihajlovic è arrivato ed in un mese ha stravolto e gettato alle ortiche tutto il suo lavoro, passando nel tempo da un 4-3-3 senza regista (!!) ad un 4-2-4 avanti tutta, con niente di meno che quel fisicaccio di Baselli tra i due di centrocampo (mah…). E cosa ha lasciato in dote oltre alla valanga di gol beccati? Forse il proverbiale coraggio, l’aggressività da disturbato mentale che (ancora!) piace tanto a qualcuno, ma che nel calcio serve poco nulla? Ed ora eccoci a Mazzarri, un allenatore da Reggina che non si può vedere… che tristezza! Di nuovo 3-5-2, palla lunga e tutti di corsa, pedalare. A giocare penseranno gli avversari. Se non è follia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Andrea Valentino - 8 mesi fa

    L’unico obiettivo di Cairo è vendere la società, il bluff è finito, abbiamo capito che Cairo è l’ennesimo zerbino, che come i suoi predecessori, alla presidenza del Toro per soddisfare gli interessi di chi è capo del potere economico-finanziario e politico, imbonendo i tifosi con le chiacchiere e false promesse, in modo da distogliere l’attenzione sul suo reale ruolo al Torino e prendere tempo, finché non gli ordineranno di metterci nelle mani di qualche altro sciacallo. Apriamo gli occhi ed uniamoci per salvare il Toro da questa dittatura sportiva-calcistica che dura ormai da 69 anni. Siamo prigionieri di gente senza scrupoli…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13685686 - 8 mesi fa

    La società per quanto mi riguarda se rimarrà questo speculatore e parassita non riacquisterà più tutte le qualità morali che hanno reso unico il nostro TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13693832 - 8 mesi fa

    sono tredici anni di presa in giro ora basta!Tutto ha un limite,Cairo devi essere sincero e dire che al massimo vuoi fare un campionato di centro classifica,abbi almeno il coraggio di non mentire a noi amanti del Toro e Rispetta la Nostra Storia,Nostra non tua perché tu non ami il Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13657769 - 8 mesi fa

    Oramai anche in redazione sono disperati, non danno più a cosa aggrapparsi x lasciare un minimo di grip a noi tifosi…
    Le perderemo quasi tutte, visto il calendario impossibile per noi d’ora in avanti.
    Se faremo 6 punti sarà già un miracolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

    Che frustrazione a dover ricominciare per l’ennesima volta dacccapo.
    Duole dirlo, ma in questi 13 anni solo nei 4 dei 5 anni di Ventura abbiamo visto un barlume di progetto al Toro, per il resto sempre squadre assemblate male o al risparmio (o entrambe le cose)
    A me questo Mazzarri al momento non mi convince molto, ma il giudizio per ora è sospeso dati i molti problemi che ha ereditato. Sarebbe stato forse meglio un traghettatore e poi un assalto a Longo o Gasperini, ma tant’è, al Toro sempre sofferenza e illusioni.
    Spero che l’anno prossimo restino i migliori e non i peggiori come un po’ temo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. torotranquillo - 8 mesi fa

    Obiettivo 1: cambiare faccia al presidente. Troppo dimesso, non sembra un tycoon come dice di essere (io non ci credo). Col loden in tribuna e faccia triste non fa mai bella figura.

    Obiettivo 2: cambiare le mascelle del presidente. Quando mangia i grissini in tribuna e sputacchia fuori inevitabilmente briciole che finiscono sul sopracitato loden non fa mai bella figura.

    Obiettivo 3: cambiare il modo di articolare le parole. Non si possono muovere circa 4000 muscoli e tendini a ogni vocale. Un bravo logopedista e tornerà a parlare come noi umani facciamo e tornerà a fare bella figura (se avrà anche risolto gli obiettivi 1 e 2)

    Obiettivo 4: smettere di emulare in tutto Berlusca. Spero non nella vita privata a quanto sembra felice e realizzata. Parole come “giuoco” non si usano più e per altro nelle condizioni di articolazioni vocali evidenziate all’obiettivo 3 mi sembra un suicidio. Berlusca dove ha messo le mani ha fatto disastri. Specie nel calcio e nella politica. Dove Mr Parsimonia sguazza ora e forse nel futuro.

    Obiettivo 5: prendere armi e bagagli, sistemarsi su un canotto e a forza di braccia e remi raggiungere uno sperduto atollo dove pensare alle fesserie che ha combinato al Torino calcio e alle ultime interviste rese che lo hanno fatto scadere nel ridicolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granat....iere di Sardegna - 8 mesi fa

    Ricordo un’intervista Dove il mister disse che se uno era bravo un posto glielo trovava…direi di non mettersi troppi problemi a sostituire falque…È probabile che lui come Belotti, n’koulu, baselli e liaijc facciano le valigie così prima di tutto si sistemano i conti (!) E poi chi vivrà vedrà…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 8 mesi fa

      Il gallo a meno di offerte x lui accattivanti credo rimarrà.
      Ljajic dipende da queste ultime giornate, Baselli (questo Baselli) può anche partire, non serve a nulla.
      Il primo g di mercato il primo che darei via è Niang.
      Co questa grinta che si ritrova nn fa x noi, grazie.
      Iago vorrei rimanesse, staremo a vedere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iard68 - 8 mesi fa

        Tutti ‘sti mi piace sono per il gallo che secondo Simone resterà? Se resterà sarà solo perché quest’anno ha fatto pena anche lui, come tutti gli altri. Salvo solo N’koulou, Iago e Ljiajc che, quando glielo hanno lasciato fare, si è sempre sbattuto in campo, correndo non certo meno di tanti altri. Forse ha mandato a stendere qualcuno o forse avrà ritardato ad un allenamento di troppo o forse tutti e due. D’altra parte è questo che conta, tutti in riga e correre. I piedi? Non contano. Nè più né meno del cervello.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy