Torino, il caso-Diawara scuote il centrocampo del Bologna

Torino, il caso-Diawara scuote il centrocampo del Bologna

L’avversario / Il giocatore non si è presentato dal primo giorno di ritiro

7 commenti

In principio fu Diawara. Quello del guineano è stato il primo caso di ammutinamento della rovente estate del calciomercato italiano. Prima e non unica, dal momento che è stata seguita da Keita, che ha rifiutato la convocazione della Lazio alla prima di campionato, e prima ancora dall’arcinoto caso Maksimovic, con il serbo che ha deciso di non presentarsi più agli allenamenti con il Torino. Anche le motivazioni di Diawara erano molto simili a quelle del calciatore granata: spingere in maniera chiara verso la cessione, verso Napoli.

Torino FC v Bologna FC - Serie A

Il classe ’97 lascia così tra i malumori della piazza la casa rossoblù, ma non è stato l’unico. A partire sono stati anche Zuculini e Brighi, vecchia conoscenza granata, entrambi svincolati, e Zuniga, esterno che è tornato a Napoli alla scadenza del prestito. La società però non è restata a guardare, e anzi in entrata si è mossa con decisione, puntando a rinforzare il reparto centrale della squadra di Donadoni. Gli ingressi di rilievo sono stati due: l’ungherese Nagy dal Ferencvaros, squadra magiara, e l’ex granata Blerim Dzemaili, prelevato dal Galatasaray in Turchia. Se a questi si vanno ad aggiungere i riscatti di Rizzo dalla Sampdoria e di Donsah dal Cagliari – rispettivamente per 6 e 5 milioni di euro – si capisce come la squadra felsinea stia cercando di dare sostanza e futuro alla propria mediana.

Donadoni ha già fatto esordire contro il Crotone i due nuovi acquisti di cui sopra, che hanno convinto: Dzemaili si è reso protagonista dell’assist per la rete-partita di Destro. Resterà da capire quali saranno le scelte del tecnico ex Parma per la seconda giornata, contro il Torino.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. puliciclone - 5 mesi fa

    Un altro maksim ? Vorrei provassero farsi il culo x poco più di 1000 euro,come comuni mortali ,ma in assenza di regole certe fanno come gli pare: contratti firmati e disillusi. La colpa è anche delle società : basta rifiutarsi di avere a che fare in futuro con quei procuratori. Nn sono Maradona e pelo, c’è ne sono a centinaia x il mondo a quel livello

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rocky toro - 5 mesi fa

    Quello che vorrei vedere sanzionare è il comportamento del Napoli, che, purtropp, non avendo le prove, risulta quanto meno sospetto: Giaccherini, Diawara, Maksimovic, tutti legati al passaggio al napoli, che strano, vero?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rocky toro - 5 mesi fa

      Chiedo scusa a LeoJunior per aver ripetuto il suo pensiero, che non avevo ancora letto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. LeoJunior - 5 mesi fa

        figurati Rocky, evidentemente siamo in molti a pensare non sia un caso! e forse dovrebbe rendersene conto anche chi dovrebbe controllare e aprire, dove fosse il caso, un’indagine. Ma questo in un Mondo ideale dove le Istituzioni fanno il loro mestiere. Non certo l’Italia di oggi dove Consob, Banca d’Italia, etc. chiudono gli occhi. Figurarsi federazione e organi che regolano questo gioco ormai rovinato dai soldi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tenente Sheridan - 5 mesi fa

    Posso immaginare che cosa succederebbe ad ADL se i Presidenti delle due Società denuciassero l’accaduto alla Lega e la medesima senisse i due giocatori in merito al loro comportamento antisportivo, ma soprattutto le loro giustificazioni per aver interrotto in maniera colposa il contratto che li lega alle rispettive società senza più onorarlo.

    Ci sarebbe veramente da ridere…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 5 mesi fa

      … che sia un caso che 2 dei 3 giocatori che hanno seguito questo comportamento ignobile siano poi stati “seguiti” dal Napoli, è dura da credere. Evidentemente è una strategia di mercato ideata da quell’esempio di sportività e correttezza che tira le fila all’ombra del Vesuvio (e su questo c’è ampia letteratura ….). E se anche Keita finisse al Napoli?! casuale anche questo. Se i Presidenti non iniziano a darsi un codice di condotta collassa tutto per causa di procuratori e dirigenti il cui spessore morale sta precipitando in modo vergognoso. Per altro specchio della società attuale dove il pelo sullo stomaco sembra essere il requisito principe. Poveri noi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tenente Sheridan - 5 mesi fa

        Non è un caso, Leo: Diawara e Maksimovic hanno più volte dichiarato che vogliono solo il Napoli e nessun’altra squadra, estere comprese…!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy