Torino, il futuro in campo: 9 giocatori degli anni ’90 contro la Roma

Torino, il futuro in campo: 9 giocatori degli anni ’90 contro la Roma

Approfondimento / La squadra granata ha portato in campo calciatori giovani, di prospettiva, che possono rappresentare la fortuna e il futuro della società

Il Torino ha vinto l’ultima sfida di campionato contro la Roma per 3-1, in casa: il risultato è stato più che soddisfacente, a causa dele ottime prstazioni di tutti gli interpreti del match, partendo dal portiere Joe Hart, che ha tenuto in piedi il Toro nel momento più delicato, alla coppia Belotti-Iago Falque, che in questo match è stata devastante, e in rado di piegare una squadra tra le migliori in Italia con il punteggio di 3-1 davanti al proprio pubblico. Oltre a questi dati, che hanno permesso ai granata di ottenere tre importantissimi punti e di guadagnare anche una buona fiducia e sicurezza nei propri mezzi, c’è stato un evento che proietta il Torino anche nel futuro.

6/11 – All’inizio del match contro la Roma, Sinisa Mihajlovic ha schierato sei ragazzi nati negli anni ’90: Obi, Benassi, Barreca, Iago Falque, Belotti e Boyè. Questi ragazzi sono stati i protagonisti veri e propri della partita contro la squadra capitolina e, inoltre, sono anche molto giovani e potenzialmente molto forti dal punto di vista tecnico-tattico. Il tecnico serbo sta effettuando un lavoro importante su questi ragazzi, che sono ancora un po’ acerbi sotto qualche punto di vista, ma hanno dimostrato di poter sopportare il peso di questo campionato di Serie A e di avere ampi margini di miglioramento sotto ogni aspetto.

FC Torino v AS Roma - Serie A

INVESTIMENTO – Questi ragazzi granata sono un investimento importante, ed anche una realtà di fatto molto concreta: infatti i giocatori nati dopo il 1990 scesi in campo contro la Roma diventano 9 considerando anche i cambi. Martinez, Zappacosta e Baselli sono altri tre giocatori che hanno dato prova di poter aiutare la causa granata e che, inoltre, possono anche migliorare molto: Mihajlovic potrà essere anche un buon maestro per questi giocatori, che sono esattamente il futuro del Toro. In particolare i calciatori come Boyè, che hanno appena 20 anni…

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. toroscatenato - 2 mesi fa

    L’unico vero grande errore secondo me lo abbiamo commesso con Verdi, dovevamo riscattarlo come fatto ai tempi x benassi. Forse anche Mantovani. Ma ragazzi, a parte la questione programmazione che ognuno la vede come vuole, quello che é indiscutibile é che si é ricreato il vivaio, ina grande primavera e a breve il Fila. Questo é x me il Toro, era cosi negli anni 80 e sarà la nostra forza! FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Jerry - 2 mesi fa

    Anche se molti di noi ancora non lo ammette, ma questa si chiama : PROGETTAZIONE. Giocatori giovani è tutti di proprietà. Lo so’ già, che alcuni di voi dirà che sono solo ed esclusivamente future plusvalenze che Cairo puntualmente incasserà, ma negare l’evidenza di un progetto è dilettevole.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Fava - 2 mesi fa

      Completamente d’accordo Jerry, trovo inutile guardare troppo in avanti, non sapendo predire il futuro
      Oggi ci possiamo soltanto godere questa bellissima banda di Giovani Corsari, guidati da un Maestro che incarna molto lo spirito guerriero del Toro.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. sergiored201_205 - 2 mesi fa

    Lasciamoli crescere tranquilli e non lasciamoli andar via troppo in fretta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LoviR - 2 mesi fa

      Prima o poi mi aspetto di vedere anche Lukic e Aramu. L’anno prox Parigini e qualcuno dei prestiti che ha fatto una buona stagione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy