Derby: Ventura, il tecnico che ne ha persi di più nella storia del Toro

Derby: Ventura, il tecnico che ne ha persi di più nella storia del Toro

Il confronto / Allegri vince il duello delle panchine, solo in questa stagione: 10 gol subiti e due reti (più una) realizzate

Allegri, Ventura, Ventura presenta Torino-Atalanta

Il Derby si è concluso con un’altra sconfitta per il Torino, che subisce un altro poker da parte dei bianconeri dopo quello di Coppa Italia dello scorso dicembre: il match è andato in maniera assolutamente diversa, certo, ma il risultato dice ancora che i granata sono inferiori ai cugini della Juventus. Se questo è accaduto di nuovo è anche merito del tecnico ex Cagliari Massimiliano Allegri che ha ottenuto, dopo la partita i ieri pomeriggio, il quarto successo nella stracittadina su cinque incontri: tutte le sfide le ha affrontate contro Ventura che, tolto il Derby dell’aprile del 2015, ha subito ben quattro sconfitte, ed ora ha raggiunto un altro record negativo. Egli è l’allenatore granata ad aver perso più stracittadine nella storia granata, ben 9 su 10. Inoltre, solo quest’anno, ha incassato dieci gol e ne ha fatti solo due.

BUONA ORGANIZZAZIONE – Sicuramente non si può togliere alla Juventus di essere organizzata in generale e che lo sia stata anche nella stracittadina: eppure all’inizio il tecnico livornese è parso in difficoltà mettendo Dybala che poi ha lasciato il campo dopo mezz’ora. Nonostante il problema con il suo attaccante più prolifico ed incisivo, Allegri ha messo Morata, che si è dimostrato poi anche alquanto determinante. Nonostante le imprecisioni arbitrali che hanno condizionato il match, il tecnico bianconero ha ottenuto una svolta dai suoi giocatori che arrivavano da una batosta morale in Champions League, cogliendo anche un risultato importante: erano quasi tredici anni che la Juventus non metteva a segno quattro gol nel Derby fuori casa.

IMG_7488

ERRORI FATALI – Dalla parte granata, Ventura ha alcune responsabilità che gli si possono imputare, nonostante ci siano stati degli episodi che hanno in parte falsato l’andamento del match, come lui stesso ha ammesso. La scelta di Gaston Silva  (come abbiamo evidenziato nelle pagelle) dal primo minuto, ad esempio, non è stata forse tra le migliori opzioni del tecnico genovese, come i due gol presi su due sviste clamorose. Però è giusto dare a Ventura un merito: ha cambiato mentalità della squadra dal primo al secondo tempo. Infatti, i giocatori del Torino sono entrati per la seconda frazione di gioco con un piglio decisamente diverso, arrivando anche ad agguantare il pareggio dopo un doppio svantaggio, però il gol di Lopez non è stato convalidato. La squadra ha dimostrato di essere ancora in partita sul 3-1, sempre con il numero 11 che ha sfiorato il gol su una bella azione: se è avvenuto un cambio di registro, buona parte del merito va al tecnico genovese. Non è bastato, ma è un inizio.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Frank Toro - 2 anni fa

    REFERENDUM STAGIONE 2016-2017

    VIA VENTURA
    UN PORTIERE VERO
    UN REGISTA DI QUALITÀ (PIÙ RITORNO DI PRCIC)
    NON SI VENDONO PERES E MAXIMOVIC
    LA SQUADRA È FATTA!!!

    questo sarà il mio volantino da qui a fine stagione
    F.V.C.G

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robi - 2 anni fa

    Dati imbarazzanti .. Da cacciare al più presto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabrizio - 2 anni fa

    Ma come si fa a criticare un maestro di calcio che ottiene questi risultati…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ziocane66 - 2 anni fa

      così si fa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nick - 2 anni fa

    Spero a giugno si prendano delle decisioni forti. Non si possono aspettare altri 20 anni per vincere un derby.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Wendok - 2 anni fa

    Azz,… Nell unica partita che poteva dare un po di soddisfazione ai tifosi, oltretutto risollevare morale e classifica,…. Il Derby,…. Da giocare con bava alla bocca e concentrazione molto al di sopra delle righe,… Il fenomeno è riuscito a fine primo tempo a dire ai suo ” mia belin ragazzi,… Così non va tanto bene, cattivelli. ” . Loro, impauriti dal vederlo così determinato e cattivo ( di solito non vuole spaventare i giovani per consentirglip una crescita serena e priva di traumi ), nella ripresa hanno giocato venti minuti al calcio.
    Un vero inizio. A otto giornate dalla fine e a cinque punti dalla serie b. Fenomeni tutti. Giornalaio compreso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mik - 2 anni fa

    ah va? che la società si faccia una domanda e si dia una risposta…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy