Torino, l’eterno dilemma tra campionato e Coppa Italia

Torino, l’eterno dilemma tra campionato e Coppa Italia

Verso Torino-Lazio / I granata devono scegliere se lasciar perdere la Coppa Italia per concentrarsi sul campionato, ma l’esperienza in Europa League ha detto che il Toro sa gestire il doppio impegno

Una partita di Coppa Italia pone sempre il medesimo dilemma: puntare sulla competizione o risparmiare energia per il campionato?

Quest’anno il Toro si trova in una situazione quasi nuova, cioè è entrato nella competizione a partire dagli ottavi di finale, privilegio riservato alle prime otto classificate in Serie A nella stagione precedente. Non dover giocare un preliminare di Coppa Italia in agosto ha dato modo al Toro di concentrarsi sui preliminari di Europa League e rimandare l’impegno nella coppa nazionale a gennaio. Ormai, però, al mese di gennaio siamo arrivati e la partita si gioca questa sera, quindi bisogna porsi la domanda.

La Coppa Italia dà il diritto al vincitore di giocare in Europa League nelle stagione successiva, cosa da non sottovalutare vista la non felice posizione di classifica del Toro attuale, ma è fuori di dubbio che tolga energia al campionato. Il Toro, però, ha la rosa ampia e rodata sul doppio impegno, per cui può gestire con sapienza ed esperienza le energie al fine di provare ad arrivare lontano anche in Coppa. Certamente la sfida di domenica a Cesena vale parecchio in chiave salvezza, ma il Toro potrà contare su Quagliarella e Gillet che stasera non sono stati neanche convocati, per cui è giusto giocare al massimo in Coppa Italia per cercare di battere la Lazio ed approdare al quarto di finale contro il Milan.

La squadra di Ventura può contare su una consapevolezza ed un’esperienza nella gestione del doppio impegno che prima non aveva, si può giocare al massimo anche stasera. I tifosi e la competizione lo meritano. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy