Torino-Lazio 2-2: Immobile, la prodezza e la signorilità

Torino-Lazio 2-2: Immobile, la prodezza e la signorilità

Focus On / L’attaccante, dopo fischi e le contestazioni, pareggia il match con un gol tecnicamente pregevole e comportandosi con un grande rispetto subito dopo

Nella giornata di ieri il Torino ha impattato contro la Lazio di Simone Inzaghi, che è riuscita a rimontare il gol di Iago Falque del primo tempo: un grande aiuto in questa rimonta è arrivato da Ciro Immobile, attaccante ex granata che ha giocato un buon match ed è riuscito a concretizzare la sua più importante occasione da rete. In una pioggia di fischi assordanti ogni volta che prendeva il pallone tra i piedi, l’attaccante della Nazionale è riuscito ad esprimersi al meglio, mettendo a segno un gol di pregevole fattura.

Il suo match non era cominciato nel migliore dei modi: i tifosi granata, che si sentono come degli innamorati delusi, hanno deciso di accompagnare ogni movimento di Immobile con dei fischi che, a tratti erano davvero assordanti. Nel primo tempo, infatti, l’ex centravanti granata ha avuto poche occasioni per mettersi in mostra di fronte al suo vecchio pubblico, come d’altronde tutta la squadra biancoceleste nella prima frazione di gioco: ma nel secondo tempo sia l’attaccante che la squadra laziale sono cresciuti, diventando sempre più pericolosi.

FC Torino v SS Lazio - Serie A

Infatti lo stesso Immobile, al minuto 71, ha segnato il gol del pareggio, con un gesto tecnico assolutamente notevole: Felipe Anderson ha scodellato un pallone in mezzo all’area di rigore, l’ex granata si è coordinato in pochissimo tempo andando ad impattare il pallone con una mezza rovesciata. Dopo i fischi ricevuti, la sua reazione poteva anche essere rabbiosa, di stizza, mentre invece ha preferito non esultare, nonostante fosse un bel gol e anche importante per la sua squadra.

Immobile, oltre ad aver evidenziato di essere un attaccante di grande valore, si è dimostrato anche un giocatore rispettoso: dopo le polemiche per le sue dichiarazioni di quest’estate, Ciro Immobile ha cercato di placare le proteste segnando e chiedendo quasi scusa al pubblico per il gol. Il gesto signorile dell’attaccante ha una chiave di lettura precisa: l’esperienza di Torino ha lasciato nella testa e nel cuore dell’attaccante campano qualcosa di più forte dei fischi ricevuti.

17 commenti

17 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. FVCG'59 - 1 mese fa

    Chi disprezza, ama…ed in questo caso sottoscrivo il detto.
    Ciruzzo ci ha fatto tanto godere al Toro e ieri ha fatto un gran gol, dimostrato di essere un grande attaccante: non lo disprezzo né lo fischio ma lo applaudo per quel campione che è.
    Il calcio moderno non è fatto di bandiere ma di professionisti che giocano per il miglior offerente (è il loro mestiere): lui non ha illuso o promesso a vanvera ma ha invece sempre fatto di tutto per farci vincere, mettendoci impegno e professionalità. Bisogna invece fischiare chi non si impegna, prendendo soldi a sbaffo o chi, vedi Maximovich, si comporta in modo indegno per essere chiamato uomo: grazie Ciro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. silviot64 - 1 mese fa

    Ero allo stadio. Io i fischi non li ho capiti. A parte gli insulti provenienti da un paio di persone dietro di me, quelle che di calcio non capiscono nulla, ma di commenti ne fanno tanti. Il tifoso paga ha diritto a dire la sua, che abbia sempre ragione no, c’è l’ha fino a che non ha torto. Nel modulo attuale dove avrebbe giocato Immobile? Al posto di chi? Il problema è che il tifoso medio di calcio non capisce nulla. Banfa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. IlDadoDelToro - 1 mese fa

      Buongiorno Silvio64,
      non capisci i fischi? Rileggiti cortesemente il bellissimo post di Bertu.
      E secondo te chi fischia un uomo dall’infima moralità non capisce di calcio? Non ci vedo il nesso, ma quand’anche fosse vero, coloro che fischiano un infame capiscono le questioni della vita, della morale, dell’educazione e delle buone maniere, ben più importanti di chi comprende appieno i labirinti del calcio. Fischi e applausi sono le due carte che, civilmente, un pubblico può giocare per manifestare il proprio gradimento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 1 mese fa

    Ancora una volta per spiegare il mio punto di vista sul “diritto di fischiare o di applaudire” del tifoso….
    Cari fratelli e sorelle, quella andata ieri è stata (come diceva qualcuno) l’ennesima puntata di un spettacolo che vedremo ripetuto chissà quante altre volte, nella nostra “vita da tifosi” e non solo….Ed ogni volta sono qui a ribadire IL DIRITTO che ha ogni tifoso ad esprimersi nei limiti della civiltà e rispondendo in prima persona del Suo operato!
    Immobile è stato un giocatore a cui il Toro ed i Tifosi del Toro ha dato tanto? SI!
    Immobile è stato un giocatore che ha dato tanto al Toro ed ai suoi Tifosi? SI!!
    Fino a qui, tutto bene…..Allora la questione dov’è?
    Allora dove sta la differenza in base alla quale IMMOBILE di fischia e un DARMIAN al limite si applaudirebbe?
    La differenza sta nella “signorilità” che il giocatore (ed il suo entourage) ha oppure NON HA nel momento in cui decide di lasciare il Toro….Per carità, tutti d’accordo o quasi nel dire che …”nel calcio di oggi le bandiere non esistono più, che i calciatori è lecito che vadano dove più vengono pagati, e non ultimo che le cessioni “pesanti” di alcuni di essi consento ai Club di fare le plusvalenze e rinforzare così la squadra…” ecc…ecc….per carità: tutto giusto e condivisibile, ma…..
    Ma c’è modo e modo!
    C’è un “MODO DARMIAN”, per dire….
    C’è un “MODO MAKSIMOVIC”, per dire….
    E i 2 modi, è EVIDENTE, non sono UGUALI!!!
    Ecco perchè quando Te ne vai dopo aver preso in giro TUTTI fino all’ultimo momento e lo fai dicendo che “finalmente” vai a giocare nel “calcio che conta”….quando torni, per di più DA FALLITO, vieni sommerso dai fischi, caro Cerci….
    Ecco perché quanto torni a capo chino dicendo di aver sbagliato ad andare via, che il Toro è la Tua casa, e vieni accolto da “qualche” centinaio di persone all’aeroporto anche se è mezzanotte passata ed è il mercato di “riparazione” di Gennaio ma sembri il figliol prodigo della Bibbia ma poi te ne vai per una mera questioni di soldi, allora il fatto che ti sia beccato 90minuti di fischi, caro Ciro, credo Te lo aspettassi anche Tu, no?
    Questo è l’unico modo lecito che ha il tifoso di manifestare il proprio “disappunto”, il proprio scontento…..NON tirare giù motorini dagli spalti, NON tirare petardi che sembrano ordigni bellici, NON cantando di vulcani o sciagure aeree……FISCHIARE O APPLAUDIRE, questo solo.

    FVCG!!!
    SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granata70 - 1 mese fa

      Giusta analisi. Il modo è determinante. E tornato per gli europei ma la testa ers già altrove

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. fabio1906 - 1 mese fa

    Il calcio moderno ostaggio dei procuratori mi ha reso (quasi) indifferente a chi va via per soldi. Rimpiango il tempo in cui ad esempio Bruno e Policano squalificati venivano in Maratona a tifare con noi. In parte mi consolo con le dichiarazioni di Sinisa e con l’Idea di Toro che ci ha riportato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. biziog - 1 mese fa

    è vero che è andato via per soldi, forse è anche vero che Sinisa (giustamente dal suo punto di vista) avrà detto a Cairo: con quei soldi comprami Lajic…
    ma lui (a differenza di Maksimovic e altri) non riesco ad odiarlo, certo non è come Glik e Darmian che si sono comportati da signori, ma Ciro rimane uno da TORO e lo ha capito pure dai fischi… a Roma nn sarà mai un giocatore amato come lo era al TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Alberto Fava - 1 mese fa

    Immobile?
    Rispetto l’opinione sia di chi lo critica, sia di chi nutre riconoscenza.
    Due posizioni contrastanti, ma entrambe da rispettare.
    Per quanto mi riguarda, caro Immobile ADIEU…..
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 1 mese fa

      Ciao Alby!!!
      :-)
      Un abbraccio…
      FVCG!!!
      SEMPRE!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 1 mese fa

        Ciao Bertu , un grande abrazo anche a te!
        FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. luna - 1 mese fa

    Le partenze di Immobile e altri (che non sto ad elencare altrimenti non finiamo più) sono servite a costruire la squadra che oggi osanniamo e che ci sta facendo divertire, “DIVERTIRE” termine che i tifosi del Toro non ricordavano neanche più.
    Le bandiere sono finite viviamo il presente ricordando il passato il resto non conta niente.
    Una riflessione oggi al posto di chi lo fareste giocare? Belotti, Ljajic o Falque? E lo spogliatoio ne gioverebbe?
    Ha fatto il suo tempo a dimostrato gratitudine cosa altro doveva fare?
    Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. torino0405 - 1 mese fa

    Non poteva che segnare al minuto 71…Ignobile Mercenario Ingrato Gobbo( e da ieri anche Ipocrita visto che ha esultato alla grande dopo il gol di Murgia…).
    P.S. Quella di ieri è stata la prima accoglienza…ce ne saranno altre nei prossimi anni( chiedere a balzaM….)!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. venariadovè - 1 mese fa

      si ma i polli manco se ne sono accorti che ha esultato come un pazzo al secondo gol,vedono solo quello che gli vogliono far vedere ovvero sto napuli,secondo per ignoranza solo a sua madre(demoralizzante sentirla parlare),che fa il morto mentre lo strattonano per la copertina della gazzetta.piccolo uomo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Pazko - 1 mese fa

    Non lo biasimo. E’ andato dove lo pagavano di più, normale amministrazione per i giocatori moderni. Inoltre si è comportato bene dopo il gol. Spero che così sia chiuso l’incidente e alla prox partita in cui sarà nostro avversario non ci siano più i fischi. Tra l’altro non porta bene, chi è fischiato segna sempre! (Ricordo solo quel centravanti ex-Juve con i capelli bianchi, forse era proprio alla Lazio, fu fischiato e segno’ il gol vittoria, anni fa. E non è stato l’unico caso!).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Zagor - 1 mese fa

    Chi rispetta, merita rispetto. Ciro, per la storia rimane anche l’ultimo capocannoniere granata della serie A, giù il cappello!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. luthor - 1 mese fa

      Mi spiace ma non sono d’accordo…..
      il cappello lo abbasso solo per UOMINI che valgono, non solo per la somma che guadagnano al momento.
      Sei andato dove più ti pagavano ed hai fallito sei tornato e ti abbiamo osannato come un figliol prodigo, e alla vista dei cinque denari ti sei venduto a Lotito?????
      i fischi sono parte dei tuo cinque denari ciro caro………

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. venariadovè - 1 mese fa

      ma per carità che gente

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy