Torino – Lazio, Russo incomprensibile sul rigore

Torino – Lazio, Russo incomprensibile sul rigore

Torino – Lazio, la moviola di TN / Klose prima calcia, poi va contro Padelli, che non può sparire

In Torino – Lazio disputata ieri sera allo Stadio Olimpico e valida per gli ottavi di finale della Coppa Italia 2014/2015 c’è un episodio da moviola importante, che ha condizionato l’intera partita.

Si era infatti all’inizio del secondo tempo, con il Toro che aveva appena siglato la rete del momentaneo 1-2 con Martinez, e premeva in vista di una possibile rimonta.
L’arbitro Russo, al minuto 10, fischia un rigore per i biancocelesti, per un fallo di Padelli su Miroslav Klose, con conseguente espulsione del portiere granata.
Il penalty, in realtà, appare molto dubbio, perché l’attaccante tedesco, a tu per tu con Padelli, prima calcia, con il pallone che termina sul fondo, e poi gli cade addosso, con l’estremo difensore del Torino che gli va addosso perché non può smaterializzarsi, non avendo lo spazio e il tempo per togliersi.
L’arbitro ha inoltre mostrato parecchia indecisione, in quanto dapprima concede la rimessa dal fondo ai granata, come sarebbe stato giusto fare, poi cambia idea e assegna il rigore agli ospiti. Piuttosto incomprensibile insomma la decisione dell’arbitro campano.

Nel primo tempo è invece il capitano del Toro Kamil Glik a chiedere un rigore: dopo un suo colpo di testa la palla va a finire sul braccio di Konko, il quale però è molto vicino al difensore polacco e ha il braccio attaccato al corpo, per cui, in questo caso, la decisione del direttore di gara appare corretta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy