Torino, Maxi Lopez tradito dalla bilancia: ancora una volta

Torino, Maxi Lopez tradito dalla bilancia: ancora una volta

Come l’anno scorso / Mihajlovic spiega i problemi fisici dell’attaccante: “È sovrappeso”

4 commenti

Una maledizione che si rinnova, un problema – quello del peso – mai risolto veramente fino in fondo che ora rischia di macchiare in maniera forte il finale di carriera di Maxi Lopez, un giocatore che, nei suoi primi sei mesi a Torino, aveva fatto innamorare di sé per qualità e quantità messa in campo. La punta era infatti arrivato nel gennaio 2015 dal Chievo e, complici soprattutto alcune grandi prestazioni in Europa League, si era ritagliato un posto nel cuore dei tifosi granata, che avevano visto in lui le qualità di un giocatore di alto livello, oltre ad una voglia di lottare che da sempre i sostenitori sotto la Mole apprezzano più di qualunque altra cosa.

A partire dalla scorsa stagione, però, i primi problemi per un peso forma non considerato ottimale, e una tensione montata lentamente tra l’argentino e l’allora tecnico Ventura: “Lo stiamo aspettando”, le parole dell’allenatore granata dopo il pareggio contro la Roma di dicembre, acciuffato dai suoi proprio grazie ad un rigore nel finale di Maxi. L’attesa da settimane si prolungò per mesi, sino all’eclatante esclusione dai convocati. Il messaggio: finché non rientrerà nel peso-forma, nessuno spazio in campo. Dopo un mese di duro lavoro, infine, arrivò la riabilitazione con il rientro nel match contro la Sampdoria. Proprio in quel periodo, però, esplodeva la stella di Andrea Belotti, e quindi l’ex Milan dovette accontentarsi di partire spesso e volentieri dalla panchina, chiuso dalla coppia formata da Immobile insieme all’attaccante di Calcinate.

Maxi Lopez contro l'Atalanta
Maxi Lopez contro l’Atalanta

Quest’anno c’era grande attesa l’attesa per il ricongiungimento tra lui e Mihajlovic, già incontratisi nel corso degli anni a Catania e con la Sampdoria. Pure se secondo nelle gerarchie da attaccante centrale, c’era la convinzione che Maxi avesse ormai lasciato tutte le inefficienze fisiche alle spalle, pronto a farsi trovare pronto quando chiamato. Un affaticamento, però, lo ha bloccato, nonostante la presenza da titolare contro l’Atalanta, nella quale ha stretto i denti. Interrogato sulla questione, Mihajlovic stesso ha spiegato in maniera inequivocabile una situazione che riporta sotto la luce dei riflettori alcuni fantasmi: “È affaticato perché sovrappeso”. Un vecchio problema che sembrava sconfitto ritorna. Ancora una volta, nella stagione di Maxi Lopez si presenta uno spartiacque che l’attaccante dovrà dimostrare di voler superare soprattutto per se stesso, per dimostrare la sua voglia di continuare a fare il professionista, e di voler continuare a farlo al Torino.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. FVCG'59 - 4 mesi fa

    Ma questi (Maxi, l’allenatore, lo staff tecnico e medico) sono dei professionisti o cosa? Non dovrebbero essere degli atleti misurati, pesati, controllati e monitorati tutti i giorni? Avevo persino letto che facevano i prelievi del sangue durante gli allenamenti: e adesso si accorgono che Maxi ha ben 7 chili di troppo? Ma li siete o li fate? Meglio allora stare zitti che fare sortite di questo tipo!
    La soluzione? Giri di campo e una dieta “ad personam”, con controlli giornalieri, come dovrebbero fare dei Professionisti Seri!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Lucius - 4 mesi fa

    Più che un atleta, sembra una salama da sugo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. PUNTO_G - 4 mesi fa

    per me é inconcepibile che un giocatore professionista non riesca a perdere i chili di troppo. Questo denota scarsa volontà e poca voglia di lottare per la causa granata. Maxi facci vedere quanto tieni a questa maglia o togliti di mezzo e continua a mangiare quanto vuoi!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ziocane66 - 4 mesi fa

    Maxi: hai tempo a mangiare a fine carriera , ora si deve giocare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy