Mihajlovic: “Grande Torino inimitabile. Oggi i granata devono essere orgogliosi”

Mihajlovic: “Grande Torino inimitabile. Oggi i granata devono essere orgogliosi”

Durante la scoperta della lapide, han parlato Mihajlovic, Comi e Gigi Gabetto

Oggi una delegazione granata ha scoperto una targa a Lisbona in memoria dell’antica amicizia che lega Benfica e Torino. Ecco le parole del Dg Comi, dell’allenatore Mihajlovic e di Gigi Gabetto, raccolte dal sito ufficiale granata durante la cerimonia.

Il direttore Comi: “Il Toro è orgoglioso di partecipare a questo torneo dedicato ad un grande come Eusebio. Ringraziamo il Benfica, che ci fa vivere a tutti noi granata una situazione particolare: il Grande Torino è stato motivo di orgoglio per tutti gli italiani nel difficile periodo dopo la guerra. Ed è per questo che sono diventati un mito e tutti ricordano questa squadra come leggendaria. Cairo ha voluto invitare qui i figli dei caduti: Gigi Gabetto, Antonio Ballarin e Mirella Loik sono qui in rappresentanza. Motivo di continuità che lega passato, presente e futuro”

Poi, Mihajlovic: “Non eravamo ancora nati, ma sappiamo bene le gesta del Grande Torino, una squadra inimitabile. Per noi oggi, da me che alleno a chi tifa, è giorno di grande orgoglio.”

Infine, Gabetto: “Volevo ringraziare Torino e Benfica, sono due squadre meravigliose. Sia per la quantità di tifosi, sia per la profondità della tragedia, che ci ha colpito tutti quanti. Ringrazio Cairo, che ha fatto una cosa notevole nei confronti di tutto il mondo granata. Forza Benfica, e forza Toro”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy