Torino: muro Atalanta nei primi quindici minuti, tracollo negli ultimi

Torino: muro Atalanta nei primi quindici minuti, tracollo negli ultimi

Statistiche / I bergamaschi hanno incassato 14 reti nel quarto d’ora finale: il 39%; solamente due in quello iniziale. Tendenza da sfruttare per i granata

In casa granata è già tempo di pensare alla prossima partita: dopo l’importante vittoria ottenuta sul terreno di San Siro, il Torino non si può fermare e deve dare continuità alla prestazione e soprattutto al risultato già a partire dall’incontro di domenica pomeriggio contro l’Atalanta. I bergamaschi hanno gli stessi punti di Glik e compagni e la sfida assume così una rilevanza particolare, diventando una sorta di scontro diretto per la salvezza: in quest’ottica analizzando le statistiche della Dea emerge un dato particolarmente interessante che può rivelarsi decisivo ai fini della vittoria se i granata sapranno sfruttarlo a dovere.

de roon, reja, atalanta-torino
Il tecnico dell’Atalanta, Edi Reja

Delle 36 reti incassate finora infatti, l’Atalanta ne ha subite ben 14 nel quarto d’ora finale: una tendenza di certo poco invidiabile per gli uomini di Reja che hanno così visto sfumare la conquista di parecchi punti nel corso della stagione. I match disputati dall’Atalanta sembrano essere un decrescendo di concentrazione: da contraltare ai disastrosi ultimi 15’ infatti nel primo quarto d’ora Sportiello ha raccolto il pallone in fondo al sacco solamente due volte dall’inizio della stagione, la porta della Dea sembra essere quasi inviolabile in avvio di partita. Come detto le statistiche vanno peggiorando con l’avanzare dei minuti ed è così che in totale nei primi tempi i prossimi avversari del Torino hanno incassato solamente 13 gol a fronte delle 23 marcature subite nella ripresa delle sfide finora disputate.

Atalanta BC v Hellas Verona FC - Serie A
Difesa-colabrodo per l’Atalanta nel quarto d’ora finale

Di certo il punto debole degli uomini di Reja è quel quarto d’ora finale, nel quale è arrivato addirittura il 39% dei sigilli avversari: un aspetto sul quale i nerazzurri dovranno lavorare a fondo per migliorare questa tendenza, della quale invece il Torino dovrà provare ad approfittare. I granata, come ogni volta,  dovranno essere bravi nello sfruttare le debolezze avversarie e questi ultimi quindici minuti sembrano essere veramente il tallone d’Achille dell’Atalanta: un punto di partenza importante per Glik e compagni in vista dell’incontro con i bergamaschi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy