Torino-Napoli 0-2: schiacciante dominio azzurro

Torino-Napoli 0-2: schiacciante dominio azzurro

Intervallo al Grande Torino / I partenopei comandano le operazioni, e passano con Higuain e Callejon

4 commenti

Poteva essere questione di motivazioni, e così è stato. Nella penultima giornata di Serie A è stata proprio la differenza di voglia nel fare risultato che ha condizionato il match, oltre alla disparità tecnica dei valori in campo. Il Torino continua nella prospettiva delle verifiche annunciate a più riprese da Ventura, con Jansson e Silva in difesa, Zappacosta all’esterno e la conferma del tandem Belotti-Martinez in attacco. Per il Napoli formazione tipo, per rispondere alla Roma vittoriosa nel pomeriggio 3-0 contro il Chievo.

La partita, come prevedibile, si incanala sui binari di un possesso partenopeo con i granata pronti a ripartire, come accade con Belotti al 3′ che costringe Albiol al fallo e al giallo. Il primo brivido però arriva al 4′, dai piedi dell’attesissimo Higuain, che dal limite conclude sul primo palo, trovando sulla sua strada un Padelli reattivo. All’11’ la partita si infiamma, per merito dei protagonisti che tutti si aspettavano: prima è Belotti a gonfiare la rete su un pallone crossato basso dalla destra, ma il primo assistente segnala fuorigioco. Neanche il tempo di disperarsi che dall’altra parte Higuain elude la difesa e batte Padelli sul secondo palo: è la 33esima rete in stagione dell’argentino, che gela il Grande Torino. La reazione, immediata, del Torino passa da Martinez, che ci prova infruttuosamente dal limite. I ritmi si alzano e le squadre si allungano, ma a mancare è la precisione sull’ultimo passaggio, soprattutto da parte granata.

Il Napoli, invece, non sbaglia, e Hamsik è bravo ad approfittare di un filtrante in area: il suo traversone basso è un cioccolatino che Callejon deve solo scartare per il raddoppio. Il Toro stavolta incassa e, invece, di cercare il pareggio, rischia di capitolare definitivamente sul rasoterra di Higuain da fuori che prende in pieno il palo. Ma il Napoli non si accontenta, e continua a fare la partita: al 29′ Insigne impatta al volo sullo scavetto di Hamsik, ma Padelli la respinge, così come accade 3′ più tardi sulla velenosa punizione di Ghoulam. Al 35′, invece, è Callejon a mandare sul fondo da posizione defilata, mentre sull’azione successiva il suggerimento di Hamsik non trova compagni in mezzo all’area. Il Torino fatica in maniera impressionante a giocare dal basso a causa del pressing degli avanti azzurri, e ogni palla lunga è preda dei partenopei. Al 39′ Vives si becca l’ammonizione per l’aver trattenuto sulla trequarti un Higuain scatenato. Al 43′, infine, è un Silva particolarmente duro che va a proteggere il pallone sul capocannoniere del campionato in area di rigore: Damato lascia correre. Negli spogliatoi, per i granata, ci sarà da ritrovare la giusta voglia.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. stto1962 - 1 anno fa

    Quando leviamo quell inutile di Peres?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. aterreno - 1 anno fa

      Rimangiati le parole, Peres e’ con Belotti l’unico degno e da serie A.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 1 anno fa

    Ma Vives è Bovo che ci fanno in campo? Questi vanno 3 volte il loro passo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 anno fa

    Questo è il Torino di Ventura quest’anno:nelle partite che contano (oggi ultima in casa) semplicemente..non entriamo in campo.
    Derby di coppa – 4 – 0 non pervenuti
    Derby di ritorno primo tempo – non pervenuti
    Torino – Sassuolo (prima partita al Grande Torino) non pervenuti
    … e poi ne facciamo 5 a Udine.

    Speriamo in una botta d’orgoglio nel secondo tempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy