Torino-Napoli, una vittoria meritata a 360 gradi

Torino-Napoli, una vittoria meritata a 360 gradi

L’analisi a mente fredda / Un Toro arrembante quello visto contro i partenopei. Una prestazione di carattere che premia un gruppo in costante crescita

 

Una vittoria largamente meritata, sofferta, ma conquistata contro una squadra forte e offensiva come il Napoli.

REPARTI IN ARMONIA – Quello che sorprende sempre di più della squadra granata è la grande organizzazione tattica, che unita ad una maturità individuale in crescita, fa del Toro una delle squadra meglio disposte in campo. Il Grande rigore tattico degli uomini di Ventura si esprime nell’armonia con la quale la squadra attacca e l’impeccabile ordine con il quale difende. Contro i partenopei, si è assistito ad un primo tempo dominato dal gioco granata, con i reparti a dialogare insistentemente tra loro, in una splendida manovra corale.

VITTORIA LEGITTIMATA – Le occasioni per segnare non sono mancate. El Kaddouri ha calciato a lato un pallone molto invitante colpendo male con la punta, Quagliarella non ha trovato la giusta coordinazione in un paio di occasioni, senza contare il gol mangiato da Martinez nel primo tempo. Alla fine, ci è voluto Glik a risolvere ogni possibile dubbio, ma sarebbe ingiusto non riconoscere il grande lavoro di tutto il collettivo al fine di conquistare la vittoria finale.

RISCHIATO POCO – Si può dire, inoltre, che ieri sera si è rischiato davvero poco. Fatta eccezione per qualche squillo partenopeo nel secondo tempo, Padelli ha dormito sonni abbastanza tranquilli. Sicuramente la fortuna ha premiato i granata quando Higuain a pochi metri dalla porta ha concluso alto, oppure in occasione del palo colpito da Gabbiadini, ma è altrettanto innegabile come, senza trincerarsi eccessivamente (salvo gli ultimi 15 minuti di sofferenza), i granata abbiano difeso con la consueta maestria la propria area di rigore, concedendo il meno possibile ad una squadra iper-offensiva come quella di Benitez.

Un risultato, dunque, che non ha bisogno di numeri e dati – anche quelli, comunque, in favore dei granata – per far capire quanto il Toro abbia effettivamente meritato: l’approccio da grande squadra, il carattere del gruppo si sono espressi nei 90′ di gioco in maniera insindacabile, e il pareggio, questa volta, per quanto messo in campo dopo le fatiche europee, sarebbe stato davvero troppo poco.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy