Parla Moretti: “Io la guida del Toro? Sono a disposizione”

Parla Moretti: “Io la guida del Toro? Sono a disposizione”

Dal ritiro di Bormio / L’esperto difensore centrale incontra i media: “Ajeti si è inserito subito. Mihajlovic? Le novità fanno bene anche a chi ha 35 anni. Se il mister parla di Europa League vuol dire che crede in noi: è una persona che, nel bene e nel male, dice sempre le cose in faccia”

6 commenti

Arrivato in granata ai tempi della seconda stagione in Serie A targata Giampiero Ventura, quella che vide il Torino tornare in Europa League, esperto della difesa a tre: Emiliano Moretti, veterano del gruppo, incontra i giornalisti presenti nel ritiro a Bormio.

Queste le sue prime impressioni, dopo l’arrivo in panchina di Sinisa Mihajlovic.

Il Toro, dopo la partenza di Glik, cerca un nuovo capitano: e Moretti è per “anzianità” certamente un candidato. “Sono sincero quando dico che non ne abbiamo ancora parlato. Se mi sento una guida? Non proprio, certamente ho più esperienza di altri miei compagni e quindi cerco di metterla a loro disposizione. Mi applico per dare una mano in quello che posso, come fanno tutti gli altri miei compagni più esperti”.

Come sta vivendo la squadra il cambio di modulo, dal 3-5-2 venturiano al 4-3-3 di Mihajlovic? “Personalmente lo trovo molto stimolante. Quando c’è un cambio radicale è bello per noi giocatori, anche per chi come me ha 35 anni, perchè non si smette mai di imparare. C’è stato un cambio di guida tecnica,  ovviamente ogni tecnico ha le sue idee e i suoi metodi. Lo staff è diverso da quello di mister Ventura, anche solo numericamente. Curano tantissimo ogni singolo dettaglio, filmando intere sessioni di allenamento. E’ senza dubbio importante rivedersi poi in video per correggersi. La cosa più bella, però, è che il gruppo ci sta mettendo davvero l’anima, dal punto di vista della voglia e della disponibilità, per adattarsi alle richieste del nuovo tecnico”. 

Un commento sul nuovo arrivato del pacchetto arretrato: “Ajeti è un bravo ragazzo, siamo in camera insieme e devo dire che si è inserito velocemente”. 

L’obiettivo della stagione è l’Europa League? “Sicuramente il traguardo europeo è uno stimolo, e il fatto che Mihajlovic abbia parlato chiaramente di Europa è incoraggiante. Poi però alle parole devono seguire i fatti, tocca a noi fare del nostro meglio”.

Le prime impressioni su Mihajlovic? “Ha un modo di lavorare che prevede molto l’uso del pallone e fin dai primi giorni in Sisport ce ne siao accorti. Io non lo conoscevo personalmente, è stata una novità interessante. Lui ogni giorno ci dice quello che pensa senza filtri, nel bene e nel male. Ultimamente più nel bene però… (ride)

Con Ventura CT, Emiliano Moretti può pensare a un ritorno in Nazionale? “Sinceramente non ne ho idea, due anni fa ho avuto l’occasione di debuttare a 33 anni ed è stata una cosa molto emozionante. E’ stata una delle cose più belle che mi sono successe in carriera e mi ricordo che me la godetti fino in fondo. Anche se agli ordini di Conte furono giorni di duro lavoro…”

Il difensore, poi, rilascia due battute anche ai colleghi di Sky Sport: “Chiunque viene al Toro sa che deve mettersi al servizio della squadra, ma allo stesso momento la squadra si mette al suo servizio. Abbiamo giocatori importanti ma la cosa importante è mantenere la comunione d’intenti”

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Como Granata - 6 mesi fa

    Doveva indossare la fascia di capitano già qualche stagione fa…per me é veramente l’unico attualmente in organico a strameritarla!
    Onora la maglia granata ogni volta che scende in campo.
    Inoltre é sempre stato l’unico calciatore del “TORO” negli ultimi tempi ad accompagnare i propri colleghi sotto la Maratona uno ad uno,sia che si vinceva o che si perdeva…questo vuol dire essere “UOMO” ancora prima che professionista!
    MORETTI CAPITANO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. skrunk - 6 mesi fa

    Che dire… concordo con tutti voi, per Emiliano si può proprio dire che è una grande persona e un grande calciatore, speriamo che tenga duro ancora per un bel po’ in campo e come esempio per i giovani, sarebbe bello se poi restasse a fine carriera (ovviamente il più in là possibile)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ratatouille - 6 mesi fa

    Semplicemente un GRANDE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Kathmandu Granata - 6 mesi fa

    per me e lui il futuro capitano!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. antijuve - 6 mesi fa

    Bravo.. Un esempio per tutti… Un uomo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. SOLOLAMAGLIA - 6 mesi fa

    Emiliano, un vero professionista. Mai un gesto o una parola fuoriposto.
    Il mio nick la dice lunga sull’affetto che posso provare per i giocatori che indossano la MAGLIA, ma per lui ho hrande rispetto. Per me era da fare capitano già tempo fa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy