Torino-Parma 1-2, le reazioni social: “La sconfitta ci deve far crescere”

Torino-Parma 1-2, le reazioni social: “La sconfitta ci deve far crescere”

Social / Ecco le reazioni social dei giocatori alla sconfitta contro il Parma

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

RINCON

Schermata 2018-11-11 alle 14.21.55

Nel day after di Torino-Parma, i giocatori hanno espresso le proprie opinioni sui social network. Soprattutto disappunto, ma anche voglia di tornare a lavorare per gli uomini di Mazzarri. Soprattutto Rincon che scrive: “Molto dispiaciuto per la sconfitta ma ci deve servire per riflettere e crescere. Nulla è scontato nella vita, ogni cosa bisogna guadagnarsela sudando. Forza Toro”. Messaggio emblematico, da leader per Tomas Rincon, accompagnato dalla foto di una rissa sfiorata con Gagliolo.

22 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 5 mesi fa

    Non voglio tediarvi, ma se qualcuno di voi avesse la voglia e la pazienza di leggere il mio commento, comparso sotto l’articolo su Zaza e Soriano, mi farebbe piacere sapere cosa ne pensate. Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 5 mesi fa

      L’ho detto e lo ripeto, quando un asino si permette di invertire i due centrali (che a Genova avevano funzionato benissimo) senza una ragione, anzi inventandosi una motivazione del cazzo, come se Gervinho fosse stato Messi, e rompere dunque degli equilibri consolidati, succendono queste cose.

      Per non parlare delle sue dichiarazioni del post partita, dove emergono già chiaramente dei problemi a livello di “comunicazione con i giocatori”…e per il momento parlo solo di “comunicazione”. Con Frustalupi in panchina, a Marassi, era tutt’altri storia.

      Soriano, poi, andava sostituito ben prima del secondo gol, vista la sua inconsistenza, proprio per dare una svolta anticipata, nel bene e nel male alla partita: neanche questo l’asino di San Vincenzo è riuscito a capirlo.

      Poi, nel secondo tempo, ha seguito le tracce del suo predecessore, cannando completamente le sostituzioni e indebolendo ulteriormente il centrocampo.

      Quando fai delle cazzate madormali nella formazione e nelle sostituzioni, a pagare pegno sono anche schemi e giocatori (e con questa affermazione non li difendo certo).

      Io di queste perenni “metamorfosi” da brutto anatroccolo a splendido cigno e viceversa, dunque da presa per il culo, ne ho le scatole piene…e con me la maggioranza dei Tifosi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. DARIOGRANATA - 5 mesi fa

    Purtroppo dobbiamo rassegnarci ad un’altro campionato mediocre. Speriamo che Cairo si stanchi di brutte figure e di buttar via soldi per i Niang, Zaza, Soriano, Ichazo,Carlao, la lista é troppo lunga. Come ha fatto per RCS cominci dalla testa e sbatta fuori gli yes men,la volpe Petrachi in primis ed il coniglio Comi che di granata hanno solo il conto corrente. Cominci da dirigenti seri e competenti, da un’allenatore affamato non a fine carriera, da giocatori giovani e non scommesse quasi sempre perse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alrom4_464 - 4 mesi fa

      Stai tranquillo che Cairo non è il tipo che butta via i soldi , alla fine i conti per lui tornano sempre . Chi si deve stancare siamo noi dopo 13 anni di presa per i fondelli da parte sua oltre a tutti quelli che lo hanno preceduto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Hagakure - 5 mesi fa

    Di fronte alle dichiarazioni pubbliche da parte di un individuo che si professa essere allenatore e che dovrebbe lavorare in simbiosi e sinergia con i suoi giocatori, trasmettendo tranquillità, ma al contempo grinta e determinazione, oltreche qualità di gioco, una società normale avrebbe già dei seri dubbi sulla sua professionalità e sul suo carisma verso la squadra, ulteriormente rafforzato dalla metamorfosi messa in luce rispetto alla partita di Marassi.

    Sembra quasi di poter dire che, con l’allenatore in seconda in panchina e lui in tribuna, a Marassi la squadra abbia raggiunto elevatissimi standard di fiducia e autodeterminazione, caricandosi positivamente di responsabilità e agendo con particolare intensità e tranquillità per la quasi totalità della partita.

    Una società seria farebbe queste considerazioni, ma alla banda bracciamozze questa discontinuità di prestazioni piace e costituisce l’obiettivo ideale per “evitare” altri obiettivi sportivi molto pericolosi per il portafoglio del suo “presidente”.

    L’ennesima prova concreta e tangibile che bracciamozzeMa è il primo responsabile, insieme ai suoi “yesmen”.

    In 14 anni ha fatto e disfatto la squadra, ha ingaggiato allenatori di dubbie capacità, inneggiato a progetti di crescita e obiettivi inesistenti o irraggiungibili, circondandosi di lacchè e di servi (Comi e Barile) evitando come la peste di inserire nell’organigramma Elementi (Paolo Pulici, Claudio Sala, Francesco Graziani, tanto per fare degli esempi) che avrebbero forgiato la spina dorsale della squadra sul DNA del Toro e prendendo per il culo i Tifosi con le stesse identiche dichiarazioni e promesse ogni singolo anno.

    Lui è entrato a Torino tramite la Cairese, fondata sui resti del Vecchio Torino Calcio, solo per fare affari con lo sterco bianconero e accrescere il suo impero imprenditoriale legato all’editoria (vedi acquisizione iniretta da Fiat Chrysler Automobiles del Gruppo RCS) e per far quattrini dal parco giocatori (acquistare a poco e vendere al quadruplo)

    Di tutti il resto, risultati sportivi, Tifoseria, ecc. non gliene fotte un cazzo…e quando deciderà di spolpare anche l’ultimo osso, metterà in vendita il “pacchetto” cercando di ricavarci il massimo.

    P.S.: anch’io ho visto l’Atalanta, oggi, e ho anche capito definitivamente che bracciamozze, anche se tutta la Tifoseria fosse stata d’accordo a furor di popolo, non avrebbe mai e poi mai ingaggiato Gasperini, proprio perchè non voleva assolutamente corre rischi, sia a livello di risultati e di portafoglio, sia a livello di carattere di Gasperini, il quale, come successo qualche mese fa a Bergamo, non le ha certo mandate a dire a proposito dell’operato della società, dei giocatori che gli servivano per proporre e impostare le sue caratteristiche di gioco, oltre alla sua grinta e determinazione da trasmettere ai Ragazzi.

    Anche la favoletta del “non lo vogliamo perchè era un gobbo” non regge più, anzi bracciamozze, da vero opportunista, l’ha fatta sua per avere l’ennesima giustificazione e per distribuire l’ennesima presa per il culo alla Tifoseria Granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13658280 - 5 mesi fa

    l Atalanta ha cambiato marcia quando è tornato ilicic, noi abbiamo falque ke è un buon giocatore ma non è come lui specie sulle palle inattive

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mav - 5 mesi fa

    Comincio a pensare che il Toro abbia la rogna non faremo mai niente di buono meglio retrocedere e sparire definitivamente. Cambi moduli di gioco cambi allenatori cambi società e presidenti cambi dirigenti cambi giocatori cambi preparatori e staff medico non succede mai nulla …quest’anno sembrava essere diverso ma alla fine sarà l’ennesimo anno di merda in linea con gli ultimi 30 anni . Ma non importa il prossimo anno se ne andranno molti giocatori l’allenatore i dirigenti e magari cambieremo proprietà ma a fine anno sarà di nuovo un anno di merda statene sicuri non abbiamo più speranze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13974513 - 5 mesi fa

    piu che un percorso di crescita, mi sembra piu un percorso di presa per Il culo……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. marcohelg_385 - 5 mesi fa

    ho visto in tv atalanta inter mazzarri dovrebbe andare a studiare come si mette in campo una squadra da gasperini…..mamma mia che spettacolo potevano farne 10 e vs l’inter squadra dinamica grintosa gente che corre e suda piedi ottimi (ilicic-gomez) e vivaio straordinario! squadra da sogno..non come sti 4 scemi sopravvalutati! nb anche loro giocano con 3 attacanti(non baselli o soriano..)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granat....iere di Sardegna - 5 mesi fa

    Io proporrei il silenzio stampa e il silenzio social dopo queste prestazioni. Mister compreso. Poi li porterei tutti a fare una scampagnata in una cava di pietra da spaccare a mano per almeno una settimana. Così giusto per sapere cosa sono fatica e sudore sulla fronte. Ma quante prestazioni mediocri servono a lor signori per riflettere e crescere? Tra l’altro proprio Rincon mi sembra abbastanza cresciuto…qui non si tratta di riflettere ma di giocare possibilmente sempre come contro la Samp, se l’avete fatto una volta potete farlo sempre, scomodare addirittura una profonda riflessione per capirlo mi sembra tempo perso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. DARIOGRANATA - 5 mesi fa

      il più’ abile a spaccare pietre sarà Rincon che con il calcio giocato ha molta poca confidenza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. TORO1960 - 5 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. claudestor_673 - 5 mesi fa

    ..altro che -1…
    …sta gente nn ha ancora capito che il TORO è un’altra cosa…
    …c’è sempre e comunque da onorare gli Invincibili…
    …i Giorgio Ferrini…
    …i Gigi Meroni…
    …serve aggiungere altro..???!!…
    Non siamo una squadra qualsiasi: Noi siamo il TORO…!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. claudestor_673 - 5 mesi fa

    ..quel -1 è senz’altro un gobbo…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alrom4_23 - 4 mesi fa

      No è di Cairo , a lui le cose stanno benissimo così :mediocrità su tutti i fronti e stop.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. claudestor_673 - 5 mesi fa

    …la sconfitta ci deve far crescere…????!!!…ma dove … ???!!!…ma quando…???!!!..
    Aldilà dei soliti torti arbitrali..calci in c*** a tutti…!!!!..Nn ci stà..nn esiste..
    …8 giorni prima asfaltare la Doria..8 giorni dopo beccare in casa dal Parma..!!!???..con tutto il rispetto x i ducali…
    …nn esiste…Questa è nà roba da ispettorato del lavoro…!!!..tutti a lavorare in miniera..: se sbagli e nn estrai abbastanza carbone niente paga..!!!..
    …Non scherziamo: basta con sti ragazzotti straviziati..strapagati..supponenti..arroganti senza palle..solo capaci a farsi valere e farsi sentire quando si tratta di ingaggio…Ma per favore…!!!..che vergogna..!!..
    L’unica parte sana di tutta la faccenda: noi tifosi…!!!…
    SFVCG…Che amarezza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. tric - 5 mesi fa

    Il “dobbiamo lavorare” è ridicolo, vorrei vedere che qualcuno dicesse “dobbiamo grattarci di più le pa…”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. user-13693832 - 5 mesi fa

    Guardate l’Atalanta quella è una squadra con le palle una società seria Un allenatore intelligente A noi mancano tutte queste tre caratteristiche

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. andre_football - 5 mesi fa

    Al presidente sta bene così, navigare a metá classifica in tutta tranquillità raccogliendo il ritorno di immagine ed evitando di spendere di piú per allestire una squadra che giochi l’EL

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. user-13780428 - 5 mesi fa

    Ma vergognatevi ridicoli senza coglioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Scott - 5 mesi fa

    Se fossimo cresciuti ad ogni sconfitta saremmo dei giganti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. coach53 - 5 mesi fa

    Ma se è dai tempi del genio-libidine che facciamo percorsi di crescita. Il nostro non è un percorso, è un tour infinito! Manca il manico sia in panchina che un leader in campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy