Torino-Parma, il club emiliano è ufficialmente fallito: si attende la decisione della Lega sulla sfida di domenica

Torino-Parma, il club emiliano è ufficialmente fallito: si attende la decisione della Lega sulla sfida di domenica

Caos Parma / Uscita pochi minuti fa la sentenza del Tribunale di Parma che dichiara il fallimento della società calcistica con esercizio provvisorio

Come preannunciato nei giorni scorsi, questo pomeriggio è arrivata la tanto attesa sentenza riguardante la situazione del Parma calcio.

NESSUNA SORPRESA – Come ci si aspettava il Tribunale di Parma questo pomeriggio ha dichiarato il fallimento della società calcistica emiliana in quanto “si identifica con una situazione di impotenza economica, che si realizza quando l’imprenditore non è in grado di adempiere regolarmente e con mezzi normali le proprie obbligazioni alle scadenze pattuite…” come cita il testo della sentenza appena rilasciata. Dunque ennesima doccia fredda per giocatori e tifosi della società gialloblù, al quale però è stato concesso l’esercizio provvisorio nominando come curatori del fallimento Angelo Anedda e Alberto Guiotto e il capitano della squadra Alessandro Lucarelli, insieme ad altre due società creditrici, come portavoce presso il giudice dei creditori. Queste figure dovranno riapparire proprio davanti al giudice il 21 maggio per fare un resoconto sulla situazione societaria durante questo periodo di esercizio provvisorio.

CAMPIONATO A RISCHIO – Ora la palla passa in mano alla Lega per stabilire quale sarà il futuro recente del Parma calcio nel nostro campionato, se la squadra verrà tolta dal tabellone oppure prenderà regolarmente parte a tutte le gare in programma fino a fine campionato. Quindi per ora rimane ancora incerto se si giocherà o meno la prossima partita con il Torino e ci si attende a breve la risposta degli ordini competenti.

Ennesima brutta pagina del nostro calcio e in particolare per una società gloriosa che tanto ha dato al nostro calcio e a quello europeo. In un periodo buio e di crisi come questo lo sport nazionale ne esce per l’ennesima volta con le ossa rotte e con la reputazione macchiata. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy