Torino-Pescara, Glik vince il testa a testa con Zuparic

Torino-Pescara, Glik vince il testa a testa con Zuparic

Torino-Pescara/ Il difensore granata, nonostante diverse sbavature, vince il duello contro il pescarese che domenica è apparso sottotono.

5 commenti
glik, milan, gol, testa

Ormai è risaputo, per diventare amati della tifoseria a Torino non è necessario essere dotati di qualità eccelse ma basta avere cattiveria agonistica e tremendismo granata e la Curva Maratona ti darà sostengo assicurato. E’ il caso di Kamil Glik, giocatore che inizialmente ha avuto diverse difficoltà ad ambientarsi in Italia ma, anche grazie al sostegno del pubblico e il suo impegno costante è diventato una colonna del Torino non solo per le sue capacità tecniche ma anche per quelli morali che ne fanno un vero leader in squadra. Domenica questo si è notata ed ha vinto il testa a testa con Zuparic, difensore del Pescara che a due anni in meno del granata ma che è ancora lontano dai suoi livelli. D’altro canto, il croato può crescere ancora molto perché le qualità non gli mancano di certo.

glik
Kamil Glik capitano del Torino

TREMENDISMO E ABNEGAZIONE- Nonostante diverse sbavature nel primo tempo, con qualche passaggio sbagliato, il capitano granata ha fatto la sua bella figura uscendo dal campo solamente perché fermato da crampi, prendendo anche la standing ovartion dal pubblico dell’Olimpico. I suoi contrasti sono dei ma efficaci, erige praticamente un muro davanti alla porta difesa da Ichazo che nel primo tempo appare poco stabile ma poi nel secondo va in migliorando ed il Torino alla fine subisce solamente un gol. Il polacco più volte è stato determinante nella passata stagione sia mi fase difensiva ma anche in quella realizzativa e rappresenta una certezza in vista del campionato che iniziare domenica.

Pescara Calcio v Frosinone - Serie B
Zuparic, leader difensivo del Pescara
PRESTAZIONE SOTTOTONO- Per quanto riguarda Zuparic la sua prestazione non è sufficiente, troppe volte viene penetrato dalla mediana granata che domenica scorsa è apparsa incontenibile. Il centrale difensivo non riesce a dare stabilità alla difesa e molte volte commenti errori che portano ad un pesante poker da parte degli avversari. Se si subiscono quattro gol è inevitabile che tutti i difensori rivendano la loro prestazione e Zuparic non è esente da questo. Il Pescara aveva iniziato anche bene schierandosi, soprattutto in fase difensiva, in maniera egregia ma dopo il secondo gol i meccanismi sono saliti e il Torino è riuscito a dilagare.
5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. PrivilegioGranata - 2 anni fa

    “difensore del Pescara che a due anni in meno del granata” Ci vorrebbe una ACCA, non costano nemmeno molto
    “standing ovartion” nuovo tipo di applauso
    “I suoi contrasti sono dei ma efficaci” DURI?
    “va in migliorando” l’italiano va in peggiorando, invece
    ” in vista del campionato che iniziare domenica” io iniziare, tu iniziare, egli…
    “e molte volte commenti errori ” COMMETTE?
    “è inevitabile che tutti i difensori rivendano la loro prestazione” ma se commettono errori chi gliela compra?
    ” i meccanismi sono saliti” SALTATI?

    Per il futuro potreste mettere a disposizione un interprete che sia in grado di tradurre l’italianese di questo articolista?
    Grazie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

    Mi auguro che con Belotti sia chiuso il nostro mercato sia in entrata che in uscita (almeno a livello di big) B. Peres l’altra sera mi ha impressionato ed ora anche se abbiamo Zappacosta sarebbe un peccato venderlo, si dice che arriverà Prcic e parti Stevanovic nessuno sa niente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pupi - 2 anni fa

    Pulici, quale il suo giudizio tecnico sull’attaccante? L’ho visto giocare molte volte, in campionato e in Nazionale, e già dai tempi in cui militava nell’AlbinoLeffe: mi sembra un ragazzo che deve ancora dimostrare molto, ma che ha un mix di caratteristiche che, se ben utilizzate e ben sviluppate, potrebbero farne un giocatore importante.

    Parlando di “sviluppo”, pochi come lei sanno quanto si possa migliorare anche da calciatore “adulto”… Altrochè. Se si allenerà con impegno e professionalità, se saprà riconoscere i propri limiti e anzichè volerli ignorare o comunque “forzare” vorrà limarli con il lavoro, allora potrà entrare nella storia del Toro. Con un tecnico come Ventura è facile che questo accada.

    In molti lo paragonano a Graziani: nessuno meglio di “Pupi” lo conosce, le sembra un paragone azzardato? Azzardato sì perchè per il momento, essendo così giovane, come si diceva deve dimostrare molto. In potenza ci può stare perchè è ben piazzato fisicamente come era Ciccio e al tempo stesso veloce; sa farsi sentire in area di rigore ma si muove moltissimo, parte da fuori, e vedo che aiuta parecchio i compagni. Questa voglia è un buon segno, specie per chi indossa questa maglia.

    C’è troppa concorrenza nel settore avanzato del Toro? Ce n’è molta, ai miei tempi non era così, certe gerarchie erano più definite anche se poi comunque il posto andava mantenuto perchè se lo si perdeva era ancora più difficile conquistarlo. Oggi però, per i ritmi e per il numero di partite, c’è bisogno di più giocatori; infatti scoppiano più spesso situazioni di incertezza e nervosismo, e ci vuole un allenatore e uno staff tecnico con le spalle larghe. Ventura lo è, per fortuna.

    Questo Torino sta operando alla grande sul mercato: la sua previsione? Previsioni precise non ne faccio perchè il calcio nasce per smentirle; l’unica previsione possibile è che il campionato dei granata sarà buono, perchè la squadra costruita lo è. Chiaro che sono stati inseriti molti giovani, di valore, per cui questa squadra ha un futuro ma il presente potrebbe…farsi aspettare un po’: ci vorrà un minimo di pazienza, e credo ne varrà la pena perchè la base è davvero ottima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alberto Fava - 2 anni fa

    Si, in effetti il nostro caro Capitano l’altra sera ha fatto un paio di cagate non da lui, speriamo siano le ultime per quest’anno! :-)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. pupi - 2 anni fa

    LA STAMPA: “BELOTTI FIRMA, MAKSIMOVIC RESTA”
    Cairo “Il discorso è chiuso, il Napoli mi ha fatto un’offerta tre giorni fa che ho respinto al mittente. Sono troppo pochi 12 milioni. E adesso sono anche fuori tempo massimo”.
    That’s all folks!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy